GESUALDO

  Principi di Venosa

 

 

Guglielmo D’ALTAVILLA figlio naturale di Ruggero I Borsa d’Altavilla, Duca di Puglia e Calabria, 1° Signore di Gesualdo, Signore di Mirabella, Auletta, Paterno, Bonito, San Mango, San Lupulo e Frigento 1105 e di Lucera (*1090 ca., +1145/50)

= Alberada d’Altavilla, Signora di Lucera, figlia di Goffredo d’Altavilla, Conte di Lecce (+post ?-V-1152) (vedi/see)

 

A1. Elia I, 2° Signore di Gesualdo, Signore di Mirabella, San Mango, Paterno, Bonito, San Mango, San Lupulo, Auletta,  Frigento e Lucera, Signore di Castelvetere 1142-1154, Signore di Sant’Angelo all’Esca, Giustiziere e Connestabile del Regno di Sicilia 1183 (*1125 ca., +Gesualdo ?-III/IV-1206, sepolto nell’Abbazia della Santissima Trinità di Cava de’ Tirreni)

= 1°) ante ?-V-1442 Diomeda …………, figlia di Ruggero ………… (+1188/9)

= 2°) 1189 Guerriera ………….

 

B1. [ex 1°] Guglielmo, ribelle a Re Guglielmo I (*1145 ca., +giustiziato 1170)

B2. [ex 1°] Conte Ruggero, nominato Conte da Enrico VI Imperatore ?-II-1187, 3° Signore di Gesualdo, Signore di Frigento, Taurasi e Mirabella 1206-1212, usò il titolo Comitale sopra le sue terre (*1147/8, +in esilio, forse in Provenza, 1220 ca.)

B3. [ex 1°] Goffredo, Signore di Sant’Angelo all’Esca ed Auletta, Signore di Salpi e Tresanti maritali nomine (+1230 ca.)

= Sibilla de Gauthier, Signora di Salpi e Tresanti, figlia di Boemondo de Gauthier, Signore di Salpi

B4. [ex 2°] Roberto DI GESUALDO, Signore di Paterno, Mirabella e San Mango 1206-1213 (*1190 ca., +1230 ca.)

= ………..

 

C1. Conte Elia II, 4° Signore di Gesualdo 8-I-1252, Signore di Frigento dal 8-I-1252, Signore di Paterno, Auletta, Mirabella, San Mango, Rocca San Felice e Sant’Angelo all’Esca 1266, Viceré di Calabria 1269, Maresciallo del Regno di Sicilia (*1215 ca., +?-VII-1278)

= Giovanna de Ponziaco, figlia di Nicola de Ponziaco (Ponsacco), Signore di Accettura

 

D1. Conte Nicola, 5° Signore di Gesualdo, Signore di Frigento (che dona alla moglie), San Mango, Paterno e Mirabella, Capitano Generale del Regno di Napoli dal 1289 (*1250 ca., +1295 ca.)

= Giovanna della Marra, figlia di Angelo II della Marra, Patrizio Napoletano e Patrizio di Ravello (vedi/see)

 

E1. Roberta, detta Robertella, 6° Signora di Gesualdo e San Mango (*1275 ca., +1326)

= 1295/7 Giacomo di Capua, Protonotario del Regno di Sicilia (= Napoli) (+18-IV-1312) (vedi/see)

E2. Margherita, Signora di Mirabella, Pescopagano e Pozzano (*1278/9, +ante 1304)

= 1°) Bertrando III di Lastrico (Bertrand III de Toulouse-Lautrec), Visconte di Lautrec e Tremblay, Barone di Caravan, Signore di Cancello e Governatore e Capitano della Città di Napoli per Roberto I d’Angiò (vedi/see)

= 2°) Amerigo II di Sus, Barone di Marioles, Signore di Sus, Signore di Trivento, Montefuscolo e Boiano (+ante 1313) (vedi/see)

E3. Giovanna (+giovane)

 

 

D2. Conte Mattia o Matteo I, Signore di Frigento, Auletta, Paterno, e Rocca San Felice, Signore di Sant’Angelo all’Esca 1278-1308, Signore di Calitri 1304, Signore di Pescopagano 1310, Signore di Ripalonga 1315, Signore di Caggiano e Sant’Angelo le Fratte maritali nomine 1311-1326, Cavaliere di Corte di Re Carlo II d’Angiò (+Napoli 1332)

= 1284 Costanza di Gajano, Signora di Caggiano e Sant’Angelo le Fratte, figlia di Roberto di Gajano, Signore di Caggiano e Sant’Angelo le Fratte (+1311) (vedi Marzano)

 

E1. Isabella (*1285 ca., +?)

= 1299 Guglielmo di Marzano, Signore di Tufara (vedi/see)

E2. Conte Nicola II, Signore di Frigento, Auletta, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Pescopagano e Ripalonga (+1337)

= 1°) 1310 (dote di 700 once d’oro) Clemenza della Marra, figlia di Guglielmo della Marra, 1° Signore di Stigliano, e di Costanza di Sangineto (vedi/see)

= 2°) Clemenzia de Sus, figlia di Amerigo II de Sus, Barone di Marioles, Signore di Sus, Signore di Trivento, Boiano e Montefuscolo (vedi/see)

 

F1. Conte Mattia o Matteo II, Conte di Castiglione dei Genovesi, Signore di Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Pescopagano e Ripalonga, Signore di Caggiano, Auletta e Sant’Angelo le Fratte 1335, Signore di Cairano 1355, comprò il feudo di Pescopagano dalla Regina di Sicilia nel 1343, Siniscalco di Provenza, Ciambellano di Re Roberto I d’Angiò e della Regina Giovanna I d’Angiò (*1315, +Napoli 1370, sepolto nel Pantheon Reale del Monastero di Santa Chiara di Napoli)

= 1°) 1332 Giovanna di Diano, figlia di Marino di Diano, Signore di San Pietro della Valle, Burgenza, Camerota e Calvello, e di Fiamega Galiziana

= 2°) Antonella Acquaviva, vedova di Antonio dell’Aia, Conte di Celano, figlia di Corrado Acquaviva, Signore di Pianella, Civitella, Ossena e Poggio, e di Francesca Troisia (vedi/see)

 

G1. Conte Antonio, Conte di Castiglione dei Genovesi, Signore di Ruvo, Pescopagano, Calitri, Caggiano ed Auletta (+ 1393)

= Giovanna d’Arcuccio, figlia di Giacomo d’Arcuccio, Conte di Minervino e Cerignola, Signore di Capri, e di Margherita Sanseverino dei Conti di Terlizzi

 

H1. Conte Antonello, Conte di Castiglione dei Genovesi, Signore di Ruvo, Signore di Caposele 1415, Signore di Cairano 1416-1436, nel 1434 donò al cugino Giovanni Gesualdo i feudi di Ruvo, Tito e Armentieri. Secondo altre fonti considerato genitore di Giovanni Gesualdo Signore di Pescopagano.

= Isabella (o Giovann1°) d’Aquino, figlia di Antonio d’Aquino, Signore di Grottaminarda, e di Roberta Gaetani dei Signori di Muro (+post 1394) (vedi/see)

  

G2. Leonetto, Signore di Rocca San Felice 1366, Signore di Calitri, Caggiano ed Auletta 1393

= Maria Sanseverino, figlia di Tommaso Sanseverino, 4° Conte di Marsico, e di Margherita de Clignet (vedi/see)

G3. Luigi I, Signore di Cairano 1370, Signore di Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta e Sant’Angelo le Fratte (+1410)

= 1359/60 Covella Capano, figlia di Filippo Capano, Signore di Roccacilento

 

H1. Elia III, Signore di Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Cairano, Ripalonga, Caggiano, Auletta e Sant’Angelo le Fratte (+1416)

= ……………….

 

I1. Covella

= Eligio della Marra, 3° Signore di Barletta e 6° Signore di Stigliano (vedi/see)

 

 

H2. Sansone I detto Sansonetto, Signore di Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta e Sant’Angelo le Fratte, Signore di Caposele dal 1417 (*1372, +1440)

= Antonella Porcelletto, Signora di Gioia e Palomonte, figlia di Pietro Porcelletto, Signore di Gioia e Palomonte

 

I1. Giovannella, Signora di Gioia (*1391, +1440 ca.)

= Domenico Attendolo, Signore di Acquaviva, Mola, Rutigliano, San Nicandro e Cellammare, Capitano delle Armate del Re di Napoli (*1360 ca., +post 1437) (vedi/see)

I2. Covella (*1392, +1435)

= Fabrizio di Capua dei Conti di Altavilla, Ciambellano del Re di Napoli (test. Soncino 5-X-1427) (vedi/see)

I3. Luigi II, 6° Signore di Gesualdo, Montefusco e Fontanarosa 1-VIII-1452, Signore di Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Caposele e Sant’Angelo le Fratte, Signore di Cairano 1436, Signore di Palomonte (+1396/7, +1472)

= (dote di 500 once) 1427 Emilia Mormile, figlia di Francesco Mormile, Signore di Albidona e Colle d’Anchise e di Giovanna d’Alagon dei Conti di Malta (vedi/see)

 

J1. Elia IV (*1428, +1445)

J2. Sansone II, 1° Conte di Conza 1-VIII-1452, Signore di Caposele, Signore di Rocca San Felice che vende ai Filangieri (*1430, +?-II-1471)

= 1452 (o 1454, dote di 4.500 ducati) Costanza di Capua, figlia di Luigi  II di Capua, 5° Conte di Altavilla e Signore della Riccia, e di Altobella Pandone dei Conti di Venafro (*1438, +1503) (vedi/see)

 

K1. Nicola III, 2° Conte di Conza, 7° Signore di Gesualdo, Signore di Montefusco, Fontanarosa, Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Palomonte e Caposele, Signore di Castelvetere, Luogosano e Taurasi (*1454, +19-III-1480)

K2. Carlo, Cavaliere dell’Ordine di Rodi, Priore di Roma dell’Ordine Gerosolimitano 1495-1506 (*1455, +Napoli 1523)

K3. Altobella (*1457, +Napoli 1507)

= 1°) Napoli 1474 Francesco III della Ratta, 7° Conte di Caserta (+1488)

        (vedi/see)

= 2°) Nola 7-VI-1491 Bernardino del Balzo dei Conti di Alessano, Signore di Carpignano (+poco dopo il 1497) (vedi/see)

K4. Luigi III, 3° Conte di Conza, 8° Signore di Gesualdo, Signore di Montefusco, Fontanarosa, Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Palomonte, Caposele, Castelvetere, Luogosano e Taurasi, Signore di Castelbottaccio dal 1477, vende il 10-V-1498, si vide confiscare molti feudi perché ribelle agli Aragona nel periodo 1494-1505 dopodiché gli furono restituiti, Patrizio Napoletano del Seggio di Nido (*1458, +Conza 14-XI-1517)

= 1483 Donna Giovanna Sanseverino, figlia di Don Roberto Sanseverino, 1° Principe di Salerno, e di Donna Raimondina Orsini del Balzo dei Duchi di Venosa (*Salerno 1466, +Napoli 1508) (vedi/see)

 

L1. Fabrizio I detto Fabio, Grande di Spagna di Prima Classe dal 1536, 4° Conte di Conza, 9° Signore di Gesualdo, Signore di Montefusco, Fontanarosa, Frigento, Paterno, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Palomonte, Caposele, Castelvetere, Luogosano e Taurasi, Signore di Villamaina e Sant’Angelo all’Esca dal 1539, Patrizio Napoletano (*Napoli 1507, +Napoli 14-VI-1545)

= 1505 Donna Sveva Caracciolo, figlia di Don Troiano Caracciolo, 1° Principe di Melfi, e di Ippolita Sanseverino dei Conti di Capaccio (*Melfi 1486 ca., +13-V-1532) (vedi/see)

 

M1. Don Luigi IV, 1° Principe di Venosa dal 30-V-1561, 5° Conte di Conza, Grande di Spagna di Prima Classe, 10° Signore di Gesualdo, Signore di Montefusco, Fontanarosa, Frigento, Paterno, Sant’Angelo all’Esca, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Palomonte, Caposele, Castelvetere, Luogosano, Villamaina e Taurasi, Signore di Bojaro, Boniventre, Calvi, Castiglione, Milone, Montefredane, Salvia, Salvitelle, San Nazaro, San Nicola di Calitri, San Pietro in Delicato, Sant’Agnese, Santa Menna, Sant’Angelo a Cancello, Santa Paolina, Teora e Torre le Nocelle dal 30-V-1561, Patrizio Napoletano (*Napoli 1507, +Venosa 17-V-1584)

= 1532 Isabella Ferrillo, figlia di Alfonso Ferrillo, Conte di Muro Lucano, e di Maria Balsha dei Signori di Misia (+Conza 1571)

 

N1. Donna Sveva o Severa (*Napoli 1535, +Napoli 22-II-1603)

= 1°) 12-II-1554 Pietro Antonio Carafa dei Conti di Policastro, Patrizio Napoletano (+1558) (vedi/see)

= 2°) Napoli 1559 Don Carlo d’Avalos d’Aquino d’Aragona, Principe di Montesarchio (*Milano 1539, +8-XII-1612) (vedi/see)

N2. Don Fabrizio II, 2° Principe di Venosa, 6° Conte di Conza, Grande di Spagna di Prima Classe, 11° Signore di Gesualdo, Signore di Fontanarosa, Frigento, Paterno, Sant’Angelo all’Esca, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Caposele, Luogosano, Villamaina, Taurasi, Bojaro, Boniventre, Calvi, Castiglione, Milone, Montefredane, Salvia, Salvitelle, San Nazaro, San Nicola di Calitri, San Pietro in Delicato, Sant’Agnese, Santa Menna, Sant’Angelo a Cancello, Santa Paolina, Teora e Torre le Nocelle, Patrizio Napoletano (*Napoli 1537, +Venosa 1593)

= Roma 16-V-1562 (contratto nuziale rogato a Roma il 13-II-1561) Geronima Borromeo, figlia di Giberto Borromeo, 7° Conte di Arona, e di Chiara Medici dei Marchesi di Mariganno (*Milano 1542, +Venosa ?-XI/XII-1587) (vedi/see)

 

O1. Don Luigi V, Signore di Paterno (per donazione patern1°), Patrizio Napoletano (*Venosa 1563, +per una caduta da cavallo Venosa 1584)

O2. Donna Isabella (*Venosa 1564, + Saponara 1612)

= 1°) Venosa 1579 Alfonso de Guevara, 6° Conte di Potenza (*Potenza 1562, +Potenza 1584) (vedi/see)

= 2°) Napoli (permesso Papale 31-I-1585) Don Ferdinando Sanseverino, 8° Principe di Bisignano, Duca di San Marco e 7° Conte di Saponara (*Ceglie 1562, +Saponara 31-VIII-1609) (vedi/see)

O3. Donna Vittoria (*Venosa 1565, +Venosa 1577)

O4. Don Carlo, 3° Principe di Venosa, 7° Conte di Conza, Grande di Spagna di Prima Classe, 2° Barone di Palomonte dal 1596, 12° Signore di Gesualdo, Signore di Fontanarosa, Frigento, Paterno, Sant’Angelo all’Esca, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Caposele, Luogosano, Villamaina, Taurasi, Bojaro, Boniventre, Calvi, Castiglione, Milone, Montefredane, Salvia, Salvitelle, San Nazaro, San Nicola di Calitri, San Pietro in Delicato, Sant’Agnese, Santa Menna, Sant’Angelo a Cancello, Santa Paolina, Teora e Torre le Nocelle, Signore di Montefusco e Castelvetere dal 1596, Patrizio Napoletano, celeberrimo musicista e madrigalista (*Venosa 8-III-1566, +Gesualdo 10-IX-1613)

= 1°) Napoli 28-II-1586 Donna Maria d’Avalos d’Aquino d’Aragona, figlia di Don Carlo d’Avalos d’Aquino d’Aragona, Principe di Montesarchio, e di Donna Sveva Gesualdo dei Principi di Venosa (*1560, +assassinata dal marito Napoli 16-X-1590) (vedi/see)

= 2°) Ferrara 21-II-1594 Eleonora d’Este, Principessa di Modena e Reggio, figlia di Alfonso d’Este, Marchese di Montecchio, e della Principessa Giulia della Rovere, Principessa di Urbino (*Ferrara 1561, +Modena 1637) (vedi/see)

 

P1. [ex 1°] Don Emanuele, 8° Conte di Conza, Patrizio Napoletano (*Napoli 1588, +in un incidente di caccia Torella 20-VIII-1613)

= per procura Vienna ?-I-1607 ed in persona Napoli ?-IX-1607 la Contessa Marta Polissena von Fürstenberg, figlia del Conte Alberto I von Fürstenberg, e della Baronessa Elisabetta von Pernstein (*Praga 29-VII-1588, +Atri 31-V-1649)

 

Q1. Don Carlo, Patrizio Napoletano (*Napoli ?-II-1610, +Napoli ?-X-1610)

Q2. Donna Isabella, 4° Principessa di Venosa, 9° Contessa di Conza, Grande di Spagna di Prima Classe, 3° Baronessa di Palomonte, 13° Signora di Gesualdo, Signora di Montefusco, Castelvetere, Fontanarosa, Frigento, Paterno, Sant’Angelo all’Esca, Rocca San Felice, Calitri, Ripalonga, Caggiano, Auletta, Sant’Angelo le Fratte, Cairano, Caposele, Luogosano, Villamaina, Taurasi, Bojaro, Boniventre, Calvi, Castiglione, Milone, Montefredane, Salvia, Salvitelle, San Nazaro, San Nicola di Calitri, San Pietro in Delicato, Sant’Agnese, Santa Menna, Sant’Angelo a Cancello, Santa Paolina, Teora e Torre le Nocelle (*Napoli ?-VI-1611, +Roma 8-V-1629)

= Napoli 1-V-1622 Don Nicolò Ludovisi, 2° Duca di Fiano e Zagarolo, Nobile Romano e Patrizio di Bologna, nipote di Papa Gregorio XV (*1613, +Cagliari 25-XII-1664) (vedi/see)

Q3. Donna Leonora Emanuela Carlina, Monaca Clarissa nel Monastero di Santa Maria della Sapienza di Napoli dal 1625 (*Gesualdo ?-IV-1613, +Napoli 1667)

 

 

P2. [ex 2°] Don Alfonsino, Patrizio Napoletano (*Ferrara 1595, +Gesualdo ?-X-1600)

P3. [naturale da …………] Antonio, Signore di Cairano nel 1613, Cavaliere dell’Ordine di Malta (*Gesualdo 1578/9, +Napoli 1635)

 

 

N3. Don Alfonso, Patrizio Napoletano, creato e pubblicato Cardinale di Santa Romana Chiesa dell’Ordine dei Diaconi nel Concistoro del 26-II-1561, Cardinale Diacono di Santa Cecilia (Titolo dichiarato pro illa vice Diaconi1°) dal 10-III-1561 al 22-X-1563, passò all’Ordine dei Preti il 22-X-1563, mantenendo il titolo di Santa Cecilia, Cardinale Prete del Titolo di Santa Cecilia dal 22-X-1563 al 17-X-1572, Cardinale Prete del Titolo di Santa Prisca dal 17-X-1572 al 9-VII-1578, Cardinale Prete del Titolo di Santa Anastasia dal 9-VII-1578 al 17-VIII-1579, Cardinale Prete del Titolo di San Pietro in Vincoli dal 17-VIII-1579 al 5-XII-1580 e Cardinale Prete del Titolo di San Clemente dal 5-XII-1580 al 4-III-1583, Cardinale Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Albano dal 4-III-1583 al 11-XII-1587, Cardinale Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Frascati dal 11-XII-1587 al 2-III-1589, Cardinale Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Porto e Santa Rufina dal 2-III-1589 al 20-III-1591 e Cardinale Vescovo della Diocesi Suburbicaria di Ostia dal 20-III-1591, Amministratore dell’Arcidiocesi di Conza dal 14-IV-1561 al 1-III-1564, Arcivescovo di Conza dal 1-III-1564 al 19-XI-1572, Arcivescovo di Napoli dal 12-II-1596 (mantenendo la Diocesi di Ostia e Velletri), Protonotario Apostolico, Governatore Pontificio di Amelia dal 7-II-1566 e rinominato nel 1578, Vice Protettore del Regno d’Ungheria presso la Santa Sede dal 16-VII-1584, Prefetto della Sacra Congregazione dei Riti dal 1585, Protettore dei Regni di Portogallo, Napoli e Sicilia presso la Santa Sede dal 1585, Legato Pontificio della Marca di Ancona dal 13-V-1585 al 12-V-1587, Vice Decano del Sacro Collegio dei Cardinali dal 1590 (*Calitri 1540, +Napoli 14-II-1603, sepolto nel Duomo di Napoli)

N4. Donna Maria (*Napoli 1541, +Vico del Gargano 1593)

= Napoli 1556 Colantonio II Caracciolo, Marchese di Vico e Grande di Spagna (*1535 ca., +Lauria ?-IX-1577) (vedi/see)

N5. Don Carlo, Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine di Malta (*Napoli 1543, +Napoli ?-IV-1566)

N6. Don Giulio, 1° Barone di Palomonte dal 1575, Signore di Montefusco e Castelvetere, Patrizio Napoletano (*Napoli 1544, +Napoli 1596)

= Napoli 1575 Laura Caracciolo, figlia di Gian Vincenzo Caracciolo, Patrizio Napoletano, e di Lucrezia Pignatelli (+14-V-1630) (vedi/see)

N7. Donna Costanza (*Napoli 1547, +Gravina 1605)

= Napoli 1572 Don Ferdinando II Orsini, 7° Duca di Gravina (*Gravina 1538, +Roma 1589) (vedi/see)

 

 

M2. Troiano, Patrizio Napoletano, Arcivescovo di Conza dal 1535 (*Napoli 1508/9, +Conza 1539)

M3. Geronimo, Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine di Malta (*Napoli 1512, +Napoli 1545)

M4. Costanza

= Leonardo Caracciolo, Conte di Sant’Angelo dei Lombardi, 4° Conte di Sant’Angelo (*1514, +1-VII-1553) (vedi/see)

 

 

L2. Camillo, Patrizio Napoletano, Arcivescovo di Conza dal 1517 (*1486, +Conza 1535)

L3. Giovanni, Patrizio Napoletano (*1490, +1506)

 

 

K5. Ippolita (*1459/60, +Palermo 1531)

= Napoli 1477 Don Ettore Pignatelli, 1° Duca di Monteleone, Conte di Borrello, Viceré di Sicilia (+1535) (vedi/see)

K6. Cesare, Signore di Paterno (*1462, +Napoli 1508)

= Napoli 1485 (dote di 4.000 ducati) Turzia (o Trogia o Trusi1°) Gazzella, amante di Re Alfonso II d’Aragona, vedova di Antonio Carbone dei Signori di Paduli, Patrizio Napoletano, probabilmente figlia di Antonio Gazzella, Nobile di Gaeta, e di Orsina Carafa dei Signori della Castelluccia (* 1460 ca. +1511) (vedi/see)

K7. Massenzio, Abate Commendatario di Santa Maria d’Elce (*1464, +1519)

K8. Antonio, Cavaliere dell’Ordine di Rodi (*1465, +1503)

 

 

J3. Caterina (*1433, +1473)

= 1449 Petraccone Caracciolo, Conte di Brienza (+post 28-VII-1458) (vedi/see)

J4. Malizia, Vescovo di Canosa e Rapolla 1482 (*1440, +post 1487)

 

 

H3. Giacoma, detta Covella

= Niccolò d’Alemagna, 1° Conte di Buccino (+1383/4) (vedi/see)

 

 

G4. Ruggero, Signore di Auletta, Calimera, Cursi, Quaglietta e Serrano, nel 1427 donò il feudo

 di Martorano al fratello Giovanni, Giustiziere di Terra d’Otranto nel 1384.

1°)      = Banella Brancaccio

2°)      = Maria Caldora

G5. (sistemato in questa posizione dal De Lellis, che lo indica come figlio delle prime nozze del

 padre, ma con poco realismo. Altre fonti lo danno come figlio di G1. Conte Antonio. 

 Appare sempre come fratello di Ruggero Gesualdo) Giovanni, Signore di Pescopagano,

 capostipite dei Gesualdo Principi di Gesualdo

G6. Robertello, fu Siniscalco della Regina di Sicilia.

 

F2. Ruggero, Vescovo di Nusco 1344-1350 (*1319, +Nusco 1350)

F3. Giannotto, Signore di Caggiano e Sant’Angelo le Fratte 1326, Signore di Auletta 1332 (*1320, +1335)

F4. Francesco, Signore di Bisaccia maritali nomine, Cavaliere di Corte della Regina Giovanna I d’Angiò (*1324/5, +Napoli 1381)

= Giovanna d’Antiochia, figlia di Corrado II d’Antiochia, Conte di Anticoli (vedi/see)

Ebbero discendenza, stabilitasi in Calabria, divisa in vari rami, tutti già estinti nella prima metà del XX secolo.

F5. Mazzarella

= 1327 (contratto matrimoniale, dote di 300 once) Gradalone IV di Valva, Signore e Barone di Valva (vedi/see)

 

 

E3. Riccardo

 

 

D3. Roberto, Signore di Ripalonga (+1315 ca.)

D4. Francesca, secondo il della Marra avrebbe sposato in seconde nozze Guglielmo Stendardo Signore di Arienzo e Arapaia ma tale notizia appare dubbia essendo questi morto nel 1308, quindi prima di Rainaldo d’Avella.

= 1275 Rainaldo II d'Avella, Castellammare, Acquabella, Torricella, Catona, Ilia e Saponara, Grande Ammiraglio del Regno di Napoli (+1324)

D5. Maria

= Oddo Bonito, Signore di Bonito, Patrizio Napoletano (+ ca. 1326).

D6. Covella

 

 

 

C2. Gesualda, Monaca Cistercense, Badessa di Ripacandida

C3. Mattia, Signore di Rocca San Felice 1229 (+1265/6)

 

 

B5. [ex 2°] Maria

= Goffredo della Marra, Signore di Stigliano e Ravello, Gran Giustiziere del Regno di Napoli

 

 

A2. Aristolfo, Comandante delle Armate del Re di Sicilia nella 2° Crociata (1147-1149) e Ammiraglio del Re di Sicilia nella 3° Crociata (1189-1192) (+post 1195)

A3. Guglielmo, Monaco Benedettino nell’Abbazia della Santissima Trinità di Cava de’ Tirreni

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

bullet
Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
bullet
Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
bullet

(Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

bullet

info@genmarenostrum.com