TOMASI

 

Principi di Lampedusa

 

 

 

 

Giovanni Maria Tomasi (+ 1566), Cavaliere di origine campana. Sposa Antonia dei Fabi, Nobile Romana.

 

Mario Tomasi (* Capua 1558 + Licata …..),  Capitano d’armi a Licata nel 1585, nel 1569 divenne cittadino romano (non é chiaro se, come alcune fonti riportano, sia anche diventato Nobile Romano. Parrebbe che alcuni autori possano aver confuso la famiglia dell'autore de "Il Gattopardo", con una casata omonima fiorente a Roma nello stesso periodo. Ma sia i Tomasi romani che i Tomasi siciliani non compaiono nell’elenco della bolla pontificia “Urbem Romam” del 4-1-1746, né nella lista della nobiltà romana generica e né nella lista della nobiltà patrizia coscritta – Un discendente di Mario, il Principe Ferdinando Maria di Lampedusa, si fece comunque riconoscere nobile romano, dal Parlamento siciliano il 6-4-1746).

Sposa a Licata il 10-12-1583 Francesca Caro e Celestre, figlia ed erede di Ferdinando Caro Barone di Montechiaro e Signore di Lampedusa e di Anna Celestre e Mirabella (investita del feudo paterno l’11-2-1583, il 22-8-1616 e il 29-1-1622).

 

A1. Ferdinando (* Licata 1597 + Ragusa 1615), Barone di Montechiaro (investito il 22-5-1614) e Signore di Lampedusa.

       = 1613 Isabella La Restia e Juvato, figlia di Paolo Barone del Piombo (* Ragusa 1589 + ivi 1634).

 

       B1. Don Carlo (* Ragusa 18-10-1614 + Roma 1675), Barone di Montechiaro e Signore di Lampedusa alla morte

             dell’ava Francesca Caro; fonda la città di Palma su un suo territorio e ne ottiene il mero e misto impero con Privilegio

             dal 16-1-1637; 1° Duca di Palma con Privilegio datato Madrid 10-12-1638 (esecutivo il 6-4-1639); nel 1640

              rinuncia alla successione e diviene Chierico Regolare Teatino.

       B2. Don Giulio detto “il Duca Santo” (* Ragusa 18-10-1614 + monastero di Palma 21-4-1669), 2° Duca di Palma e

              Barone di Montechiaro dal 1640 (investito il 14-9-1641 e 29-8-1666), 1° Principe di Lampedusa con Diploma del

             13-8-1667 (esecutivo il 5-11-1667); Credenziere e Maestro Notaro della Secrezia di Licata, Secreto di Licata,

              Maestro Notaro civile di Licata, Viceportulano del suo caricatore, e Cavaliere dell’Ordine di San Jago; fondatore

              del monastero di Palma.

              = Agrigento 1640 Rosalia Traina Baronessa di Falconeri, Baronessa di Torretta con le terre di Rafforasso,

                 Racalzascati e Montecombrino, figlia ed erede del Barone Antonio e di Antonia Drago (* Palermo 1625 + Palma

                 3-3-1692), divenuta “Suor Maria Seppellita” nel monastero di Palma nel 1661.

 

              C1. Don Ferdinando (* Agrigento ……+ a 11 mesi).

              C2. Donna Francesca (* Agrigento 1643 + Palma 1727), monaca “suor Maria Serafica” e poi Badessa del

                     monastero di Palma.

              C3. (Venerabile dal 1797) Donna Isabella (* Agrigento 1645 + Palma 16-10-1699), monaca “suor Maria

                     Crocifissa” nel monastero di Palma.

              C4. Donna Rosaria (+ a 11 mesi).

              C5. Donna Antonia (* Palma 1648 + ivi 21-8-1721), monaca “suor Maria Maddalena” nel monastero di Palma.

              C6. (Beato dal 5-6-1893, Santo dal 12-10-1986) Don Giuseppe (* Licata 12-9-1649 + Roma 1-1-1713),

                     rinuncia alla primogenitura per diventare Chierico Regolare Teatino il 24-3-1665 (professa il 25-3-1666),

                     ordinato prete il 12-12-1673, Esaminatore dei Vescovi, Consultore dei Chierici Teatini, Consultore della Sacra

                     Congregazione dei Riti e delle Indulgenze e delle Sacre Reliquie, Teologo, Cardinale Prete dal 18-5-1712 (con

                     il titolo di San Martino ai monti dall’11-17-1712); illustre teologo e autore di molti scritti religiosi (Speculum

                     1679, Liturgia Gallicana 1680, Vera norma di glorificar Dio 1687, Fermentum 1688 ecc.)

              C7. Don Ferdinando detto “il Principe Santo” (* Palermo 1651 + ivi 1672), 2° Principe di Lampedusa, 3° Duca di

                     Palma, Barone di Montechiaro e Barone della Torretta (che comprendeva le terre di Falconeri, Recalzascati,

                     Rattorasso e Montecombrino) dal 1669 (investito il 14-11-1669); Cavaliere dell’Ordine d’Alcantara.

                     = Palermo 1669 Donna Melchiorra Naselli, figlia di Don Luigi Principe d’Aragona e di Eleonora Carrillo

                        (* Palermo 1654 + Palma 1672).

 

                     D1. Don Giulio II (* Palma 1672 + Palermo 17-3-1698), 3° Principe di Lampedusa, 4° Duca di Palma,

                            Barone di Montechiaro e Barone della Torretta dal 1672 (investito il 24-4-1673).

                             = Donna Anna Maria Naselli, figlia di Don Baldassarre Principe d’Aragona e di Donna Calidonia Fiorito

                                e Tagliavia

 

                            E1. Don Ferdinando II Maria (* Palma 1697 + Palermo 1775), 4° Principe di Lampedusa, 5° Duca di

                                  Palma, Barone di Montechiaro e Barone della Torretta dal 1698 (investito il 30-4-1699), Grande di

                                  Spagna di prima classe con Privilegio dell’8-7-1724 (esecutivo 8-2-1725); Capitano di Giustizia a

                                  Palermo 1719/1720 e 1720/1721, Pretore di Palermo 1729/1730, 1746/1747 e 1747/1748,

                                  Deputato del Regno di Sicilia 1732 e 1754, Maestro Razionale di cappa corta del Regio Patrimonio

                                  con patente: Napoli 7-9-1754, Gentiluomo di Camera dell’Imperatore Carlo VI con patente: Vienna

                                  26-8-1737, Cavaliere dell’Ordine di Malta, Presidente dell’Arciconfraternita della Resurrezione dei

                                  Cattivi (= schiavi), Governatore della Copagnia della Pace a Palermo nel 1717, Vicario Regio per la

                                  pestilenza di Messina nel 1743 e per la visita dei caricatori del Regno nel 1753; il 6-4-1746 il Senato

                                  di Palermo lo riconosce cittadino e Nobile Patrizio Romano.

a)      = Donna Rosalia Valguarnera, figlia di Don Giuseppe 2° Principe di Niscemi e di Donna Isabella

         Branciforte dei Principi di Scordia (vedi/see)

b)      = Donna Giovanna Valguarnera, figlia di Don Vitale 3° Principe di Niscemi e di Donna Anna Maria

         La Grua e San Filippo dei Principi di Carini (vedi/see)

 

F1. (ex 1°) Don Giuseppe Maria (* Palermo 1717 + ivi 8-12-1792), 6° Duca di Palma per

      successione anticipata e rinuncia del padre del 7-9-1764 (investito il 17-9-1764); 5° Principe

      di Lampedusa, Barone di Montechiaro e Barone della Torretta (investito il 10-9-1776) e Grande

      di Spagna di prima classe dal 1775; Governatore della Compagnia della Pace di Palermo l’8-9-

      1738, Capitano di Giustizia di Palermo nel 1776, Deputato del Regno di Sicilia dal 1770,

      Presidente dell’Arciconfraternita della Redenzione dei Cattivi dal 1746, Cavaliere dell’Ordine di

      Malta, ambasciatore della città di Palermo alla corte di Napoli nel 1747, Intendente Generale degli

      eserciti siciliani dal 1762.

      = Antonia Roano e Pollastra (+ Palermo 29-1-1762), nipote dell’Arcivescovo di Monreale.

 

      G1. Don Giulio III Maria (* 1743 + 1812), 6° Principe di Lampedusa, 7° Duca di Palma,

             Barone di Montechiaro e Barone della Torretta (investito il 2-1-1793) e Grande di Spagna di

             prima classe dal 1792; Superiore della Compagnia della Pace di Palermo nel 1763, Senatore

             di Palermo 1778/1779, Deputato del Regno di Sicilia nel 1794, Gentiluomo di Camera del Re

             di Napoli e Sicilia, Pretore di Palermo nel 1799, Rettore dell’Ospedale Grande di Palermo nel

             1799 e 1812, Cavaliere dell’Ordine di San Gennaro dal 1800, Governatore del Monte di

             Pietà di Palermo dal 1801.

             = 22-1-1766 Donna Maria Caterina Colonna Romano e Gravina, figlia di Don Antonio 1°

                Principe di Torretta e 5° Duca di Reitano e di Donna Anna Maria Gravina dei Principi di

                Comitini (vedi/see)

 

             H1. Don Giuseppe (* Palermo 1767 + 1831), 7° Principe di Lampedusa, 8° Duca di Palma,

                    Barone di Montechiaro, Barone della Torretta (investito il 10-12-1812), Pari del Regno

       di Sicilia (dignità appoggiata sul titolo di Palma) e Grande di Spagna di prima classe dal

                    1812; Gentiluomo di Camera del Re di Napoli e Sicilia, Governatore del Monte di Pietà

                    di Palermo nel 1795.

a)      = Palermo 12-2--1787 Donna Angela Filingeri, figlia di Don Alessandro 6° Principe

         di Cutò e di Donna Nicoletta Filingeri e Cordova Baronessa di San Carlo

         (* Palermo 5-9-1764 + ?) (vedi/see)

b)      = Palermo 15-6-1809 Carolina, figlia di Claudio Wochinger e di Maria Antonia

         Crosio (* Napoli …… + ?).

 

I1. (ex 2°) Donna Caterina (* Palermo 1809 +ivi 12-6-1862)

      = Palermo 1-2-1834 Don Giuseppe Valguarnera 6° Principe di Niscemi (vedi/see)

I2. (ex 2°) Don Giulio Fabrizio (* Palermo 12-4-1813 + Firenze 27-9-1885), 8°

     Principe di Lampedusa, 9° Duca di Palma, Barone di Montechiaro, Barone della

     Torretta e Grande di Spagna di prima classe dal 1831, Pari del Regno di Sicilia fino

     al 1848.

     = 24-12-1837 Maria Stella Guccia e Vetrano dei Marchesi della Ganzeria (* 1815 +

        30-11-1886).

 

     J1. Don Giuseppe (* Palermo 20-10-1838 + Torretta 19-10-1908), 9° Principe di

           Lampedusa, 10° Duca di Palma, Barone di Montechiaro, Barone della Torretta

           (titoli riconosciuti con Decreto Ministeriale del 22-3-1903) e Grande di Spagna di

           prima classe dal 1885

           = 20-4-1869 Donna Stefania Papé e Vanni, figlia di Don Salvatore Principe di

              Valdina e di Donna Vittoria Vanni e Filingeri dei Duchi di Archirafi (* 20-6-

              1840 + 11-3-1913).

 

           K1. Don Giulio (* Palermo 19-1-1868 + ivi 25-6-1934), 10° Principe di

                  Lampedusa, 11° Duca di Palma, Barone di Montechiaro, Barone della

                  Torretta e Grande di Spagna di prima classe dal 1908.

                  = Palermo 16-4-1891 Beatrice Mastrogiovanni Tasca, figlia di Lucio Conte

                     di Almerita e di Donna Giovanna Filangeri 9° Principessa di Cutò

                     (* Palermo 9-4-1870 + ivi 17-1-1946).

 

                  L1. Donna Stefania (* Palermo 2-2-1894 + difterite, ivi 5-1-1897).

                  L2. Don Giuseppe (* Palermo 13-12-1896 + Roma 25-7-1957), 11°

                        Principe di Lampedusa, 12° Duca di Palma, Barone di Montechiaro,

                        Barone della Torretta e Grande di Spagna di prima classe dal 1934;

                        celebre scrittore, autore del romanzo “il Gattopardo”, distinto traduttore e saggista

                        di letteratura inglese e francese.

                        = Riga 24-8-1932 Alice Alessandra Baronessa von Wolff Stomersee,

                           figlia del Barone Boris e di Alice Barbi (* Nizza 13-11-1894 +

                           Palermo 12-6-1982), studiosa di psicanalisi.

 

                         M1. (Figlio adottivo: Palermo 25-6-1956, registrato il 3-6-1957) Don

                                Gioacchino Lanza Tomasi dei Conti di Mazzarino (* Roma

                                11-2-1934), celebre musicologo (vedi/see anche Lanza)

a)      = Palermo 29-1-1958 Mirella Radice (+ Roma 19-2-1981);

b)      = Venezia 18-12-1982 Nicoletta Polo

 

N1. (ex 1°) Donna Maria Concezione Lanza Tomasi (* Palermo

       17-1-1959)

        = Palermo 15-10-1983 Gianluigi Baiva

N2. (ex 1°) Don Fabrizio Lanza Tomasi (* Palermo 5-3-1961).

N3. (ex 2°) Don Giuseppe Lanza Tomasi (* Bologna 20-3-

       1993).

 

           K2. Don Salvatore (* 1869 + 1895).

           K3. Don Giovanni (* 1870 + 1872).

           K4. Don Pietro (* Palermo 8-4-1873 + Roma 4-12-1962), detto “Marchese

                  della Torretta”; 12° Principe di Lampedusa, 13° Duca di Palma, Barone di

                  Montechiaro, Barone della Torretta e Grande di Spagna di prima classe dal

                  1957, ultimo del casato; Capo di Gabinetto del Ministro degli Affari Esteri

                  31-3-1910/16-10-1914, Inviato straordinario e Ministro plenipotenziario di

                  2° classe a Monaco di Baviera il 23-12-1915, Capo della delegazione

                  commerciale italiana a San Pietroburgo nel 1917, Ambasciatore a San

                  Pietroburgo e poi a Vienna nel 1919, Addetto alla Delegazione italiano della

                  Conferenza di pace di Parigi nel 1919, Ministro degli Esteri 7-6-1921/26-2-

                  1922, Senatore del Regno d’Italia dal 19-7-1921 (giuramento e convalida

                  30-7-1921), Ambasciatore a Londra 1922/1927, Presidente del Senato 20-

                  7-1945/25-6-1946 (dimissionario), membro della Consulta e poi Senatore

                  della Repubblica Italiana.

                  = Londra 26-4-1920 Alice Barbi (* Modena 1-6-1858 + Roma 1948), già

                     vedova di Boris Barone von Wolff Stomersee.

           K5. Don Francesco (* Palermo 13-2-1875 + 1956)

                  = Angela Santucci

 

                  L1. Don Giuseppe (* 1925 + 1945).

 

           K6. Don Ferdinando (* 1877 + 1920)

                  = Santa Marasà

           K7. Don Giovanni (* Palermo 9-12-1879 + 1940)

                  = Luisa Settegrani

 

     J2. Don Giovanni (* 1840 + 1898)

           = 1864 Carolina Guccia dei Marchesi della Ganzeria, sua cugina germana

 

          K1. Donna Maria Stella (+ 1924), monaca.

          K2. Don Giuseppe (* 1871 + 1939), detto “Conte di Celona”.

                 = Rosa Agliata

 

                 L1. Donna Carolina (* Palermo 9-4-1908 + vivente nel 1995)

                       = Palermo 14-2-1944 Giovanni Lo Piccolo (* Torretta 1914 + ivi 1960).

 

     J3. Don Filomeno (* 1841 + 1892), detto “Marchese della Torretta”, visse in

          Inghilterra.

     J4. Donna Concetta (* 7-3-1844 + 9-11-1930).

     J5. Donna Carolina (* 27-1-1845 + 7-1-1925).

     J6. Donna Caterina (+ infante, 1847).

     J7. Donna Antonia (* 1847 + 1908)

           = 1881 Giovanni Garofalo

     J8. Don Francesco Paolo (* 1848 + 1917), detto “Conte di San Carlo”.

          = 17-6-1880 Donna Stella Caravita, figlia di Don Francesco dei Principi di

              Sirignano e di Donna Antonia Tomasi dei Principi di Lampedusa (* Napoli

              29-7-1862 + Palermo 19-3-1931) (vedi/see)

 

           K1. Donna Maria (+ 1913).

 

     J9. Donna Chiara (* 1850 + 1928), i suoi discendenti assunsero il cognome

           Crescimanno Tomasi.

           = 1872 Francesco Crescimanno Barone di Capodarso e Signore di Bubbutello

     J10. Don Salvatore (+ appena nato).

     J11. Donna Caterina (* 8-11-1852 + 19-11-1900).

     J12. Donna Maria Rosa (* 1855 + 1878).

 

I3. (ex 2°) Donna Antonia (+ 17-9-1862)

     = 1840 Don Francesco Caravita dei Principi di Sirignano, Patrizio Napoletano (vedi/see)

 

      G2. Don Francesco (+ Torino 1791), sacerdote, Gran Elemosiniere onorario del Re di Sardegna

             dal 1789.

 

F2. (ex 1°) Donna Anna Maria (+ Palermo 10-1-1751)

      = 9-6-1734 Don Antonio Lucchesi Palli 6° Principe di Campofranco (vedi/see)

 

              C8. Donna Alipia Gaetana (* Palma 1653 + ivi 1734), monaca “suor Maria Lanceata” nel monastero di Palma.

        

 

A2. Mario (* Licata 1597 + ivi …….), Governatore del castello di Licata e Capitano del Sant’Uffizio di Sicilia.

 

 

 

 Fonti:

Amdrea Vitello, I Gattopardi di Donnafugata, Palermo, Flaccovio editore, 1963

 

 

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

  • Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
  • Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
  • (Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

  • info@genmarenostrum.com