DE’ PAZZI

 

 

 

Andrea de’ Pazzi (* 1372 + 19-10-1445), Consigliere del Comune nel 1411, Capitano di Parte Guelfa nel 1413,  designato ad accogliere e promuovere accordi con Papa Giovanni XXIII in visita a Firenze, Sovrastante alle Stinche, ambasciatore a Genova nel 1420, Console di Zecca nel 1431 e 1438, Podestà di Segna e Campi nel 1432, Console dell’Arte della lana nel 1437, in missione al Congresso di Pisa nel 1438, dei Priori delle Arti nel 1439, dei X di guerra nel 1441, armato Cavaliere da Renato Duca d’Angiò nel 1434 (uno dei nipoti venne tenuto a battesimo dal medesimo nel 1442), entrò nell’ordine dei popolani nel 1434. Sposa nel 1409 Caterina, figlia del Cavaliere Jacopo Salviati e di Albiera Gucci

 

A1. Antonio (* 9-4-1410 + ante 1458), dei Priori delle Arti nel 1443 e 1450, Console di zecca nel 1448.

       = 1434 Nicolosa, figlia di Alessandro degli Alessandri e di Onesta Acciaioli (vedi/see)

 

       B1. Guglielmo, per la sua discendenza v. Parte V.

       B2. Camilla

              = 1456 Averardo di Bernardetto de’ Medici (vedi/see)

       B3. Giovanni (* 26-10-1439 + in prigione a Volterra 1481), dei Priori delle Libertà nel 1472, estraneo alla congiura 

              contro i de’ Medici ma venne comunque condannato all’ergastolo, bandito dai pubblici uffici e confiscato; pare che

              la causa per la dote della moglie, poi assegnata arbitrariamente da Lorenzo il Magnifico a Carlo Borromeo, sia stata

              una dei motivi indiretti che concorsero all’organizzazione della celebre congiura antimedicea.

              = Beatrice, figlia di Giovanni Borromeo (fatta imprigionare dai de’ Medici nel 1480 dopo aver organizzato un

                 tentativo di fuga del marito dalla prigione) (vedi/see)

 

              C1. Andrea (* 15-10-1465 + 1498), imprigionato (liberato nel 1480) e escluso dalla pubblica amministrazione

                    dopo la congiura del 1478, Vescovo di Sarno dal 19-3-1482.

              C2. Galeotto (* 14-5-1468 + infante).

              C2. Raffaele (* 10-9-1471 + cade nella battaglia di Ravenna 11-4-1512), escluso dalle pubbliche cariche dopo

                     la congiura del 1478, dopo la caduta dei Medici (1494) divenne capitano di ventura; al servizio dei Borgia nel

                    1501, poi al servizio della Chiesa e dal 1506 in servizio continuo di Papa Giulio II.

              C3. Oretta

                     = 1491 Paolo Morelli

 

       B4. Francesco (* 28-1-1444 + impiccato a Firenze subito dopo la congiura dei de’ Pazzi 26-4-1478), fu l’ideatore e

              autore della congiura dei de’ Pazzi contro la famiglia de’ Medici; Tesoriere Pontificio e favorito del Papa Sisto IV.

       B5. Antonia

              = 1462 Pierfrancesco di Francesco Venturi

       B6. Celesta

              = 1465 Francesco di Lutozzo Nasi

       B7. Maddalena

              = 1469 ……… di Niccolò Capponi (vedi/see)

       B8. Caterina

              = Francesco di Jacopo Venturi

       B9. Elisabetta

              = Piero di Giannozzo Pandolfini

 

A2. Jacopo (+ impiccato poco dopo la congiura dei Pazzi 26-4-1478), dei X di Balìa nel 1468, Gonfaloniere di compagnia

       nel 1469, armato Cavalierea dalle autorità fiorentine nel 1469, dei XX cittadini per gli affari di Volterra nel 1472 e 1478,

       partecipa alla celebre congiura dei de’ Pazzi contro i de’ Medici.

       = Maddalena, figlia di Antonio Serristori (+ monastero francescano di Monticelli a Firenze 15-9-1480).

 

      B1. (Naturale e legittimata) Beata (proclamata da Papa Benedetto XIV) Caterina (* 1463 + monastero francescano di

             Monticelli a Firenze 23-8-1490), monaca nel monastero di Monticelli dal 1480.

 

A3. Guglielmo (* 1415 + forse giovane).

A4. Piero (* 18-5-1416 + ca. 1464), dei Priori delle Arti nel 1447, ambasciatore a Renato Duca d’Angiò nel 1457,

       ambasciatore a Livorno nel 1453, 1460 e 1464, ambasciatore a Piombino nel 1458, degli VIII di Guardia e Balìa nel

       1458, Gonfaloniere di compagnia nel 1459, ambasciatore in Francia e armato Cavaliere dal Re di Francia nel 1460,

       Gonfaloniere di Giustizia della Repubblica di Firenze nel 1460.

       = 1435 Fiammetta, figlia di Bernardo Giugni

 

       B1. Niccolò (* 16-11-1437 + infante).

       B2. Oretta (* 16-11-1437 + ?)

              = Giovanni di Tanai de’ Nerli

       B3. Andrea (+ 2-9-1516), imprigionato 1478/1480 a causa della congiura antimedicea, poi escluso dalle cariche

              pubbliche fino al 1494; ambasciatore a Roma nel 1495, Commissario Generale a Forlì nel 1496, Podestà di San

              Gimignano nel 1497, dei Gonfalonieri di compagnia nel 1498, Comissario di guerra a Livorno nel 1498.

              = 1468 Zaffira, figlia di Luigi Tegliacci

 

              C1. Bartolomeo (* 1473 + ?)

                     = 1493 Brigida Manetti

 

                     D1. Niccolò, Cavaliere dell’Ordine di Malta dal 1530.

                     D2. Camilla (+ testamento : 1568), Patrizia di Firenze.

                            = Andrea di Matteo Grazzini

                     D3. Ginevra, Patrizia di Firenze.

                            = 1549 Niccolò di Niccolò Ubaldini

                     D4. Piero (+ Cascina 1599), Patrizio di Firenze, Podestà di Modigliana nel 1593, Podestà di Radda nel 1598,

                            Podestà di Cascina nel 1599 (morto in carica).

                            = Caterina, figlia di Francesco degli Albizzi (vedi/see)

 

              C2. Dianora

                     = 1503 Antonio di Matteo de’ Pazzi (vedi/see)

              C3. (Naturale) Beatrice (* 1464 + ?).

 

       B4. Caterina

              = 1452 Bartolomeo di Filippo Valori (vedi/see)

       B5. Alessandra

              = 1456 Antonio di Giovanni Canigiani

       B6. Marietta

              = 1461 Donato di Neri Acciaioli, Nobile Romano (vedi/see)

       B7. Renato (* 6-9-1442 + impiccato, Firenze 4-1478), degli VIII di Guardia e Balìa nel 1473, Ufficiale di zecca nel

             1476, partecipa alla congiura antimedicea.

              = 1463 Francesca, figlia di Giovanni Martini, da Venezia (+ 1530).

 

              C1. Piero (* 13-11-1465 + ?), del Consiglio dei 200 nel 1532, Vicario di San Giovanni e della Val d’Arno

                     Superiore nel 1535, Podestà di Colle nel 1537, Vicario di San Miniato e della Val d’Arno di sotto nel 1539.

                     = 1496 Dianora, figlia di Andrea Capponi (vedi/see)

 

                     D1. Renato (+ 21-4-1555), Patrizio di Firenze, Canonico della metropolitana di Firenze dal 1515, successore

                            del prozio Leonardo nel canonicato-beneficio della metropolitana di Firenze.

                     D2. Andrea (+ infante).

                     D3. Galeotto (* 4-7-1505 + ?), Patrizio di Firenze, del Consiglio dei 200, Console di zecca nel 1595.

a)      = 1546 Luisa, figlia di Antonio Guidotti

b)      = 1579 Oretta, figlia di Giovanni Orlandini, Patrizio di Firenze

                     D4. Francesca, Patrizia di Firenze.

                            = 1528 Giovanni di Attagnolo Benevenuti, Patrizio di Firenze.

                     D5. Margherita, Patrizia di Firenze.

                            = 1536 Leonardo di Michele Pescioni   

 

              C2. Carlo (* 7-1-1466 + ?), Cavaliere dell’Ordine di San Giovanni dal 1516.

              C3. Cornelia (* 1469 + ?)

                     = 1490 Conte Palatino Piefrancesco di Niccolò Ridolfi

              C4. Girolamo (+ 2-3-1471 + infante).

              C5. Maria

                     = 1487 Leonardo di Bernardo Strozzi (vedi/see)

              C6. Caterina

                     = 1490 Giovanni di Vieri Salviati

              C7. Elisabetta

                     = 1500 Francesco di Giuseppe Corsi

              C8. Giovanni (* 25-10-1476 + di peste, Firenze 10-6-1528), escluso dalle cariche pubbliche 1478/1494,

                     ambasciatore a Saluzzo nel 1527, venne più volte bandito ed escluso dalle cariche pubbliche perché ostile ai

                     de’ Medici.

                     = 1503 Margherita, figlia di Pier Antonio Bandini (+ monastero di Chiarito a Firenze, post 1528).

 

                     D1. Pierantonio (* 4-4-15… + 1598), Patrizio di Firenze.

                            = Francesca, figlia di Matteo Cini, Patrizio di Firenze

 

                            E1. Giovanni (* 29-1-1533 + ante 1598), Patrizio di Firenze, degli VIII di Guardia e Balìa nel 1580,

                                  Console di zecca nel 1587, del Consiglio dei 200.

                                   = 1566 Alessandra, figlia di Ottaviano Acciaioli, Nobile Romano e Patrizio di Firenze (vedi/see)

 

                                   F1. Francesco, Patrizio di Firenze.

           F2. Livia, Patrizia di Firenze.

                 = 1600 Filippo Vernacci, Patrizio di Firenze (vedi/see)

           F3. Andrea (* 29-3-1577 + 1638), Patrizio di Firenze, degli VIII di Guardia e Balìa nel 1607,

                 Podestà di Ripafratta nel 1620 e 1626, Capitano della Montagna di Pistoia nel 1622, Podestà di

                 Barga nel 1624, Capitano di Pietrasanta nel 1628, Podestà di Valle di Bagno nel 1632.

                 = 1600 Caterina, figlia di Agostino Aldobrandini, Patrizio di Firenze, e di Costanza Brunaccini (vedi/see)

 

                 G1. Alessandra, Patrizia di Firenze, monaca benedettina “suor Margherita Angelica” nel

                        monastero delle Murate di Firenze.

                 G2. Francesco (+ giovane), Patrizio di Firenze.

                 G3. Virginia (+ 1-8-1659), Patrizia di Firenze.

                        = 1638 Giovanni di Francesco Naldini, Patrizio di Firenze

                 G4. Pierantonio (* 4-2-1617 + 17-1-1693), Patrizio di Firenze, Canonico della metropolitana di

                        Firenze succedendo nel beneficio di famiglia nel 1636 e rinuncia nel 1640 per tornare laico.

                 G5. Renato (* 7-6-1619 + 12-2-1691), Patrizio di Firenze, Canonico della metropolitana

                        succede nel beneficio di famiglia nel 1640; letterato, fece parte dell’Accademia degli Alterati.

                 G6. Maria (+ 11-10-1695), Patrizia di Firenze.

                        = 1645 il Cavaliere Francesco Carlini

 

                            E2. Renato (+ 1581), Patrizio di Firenze, Canonico della metropolitana di Firenze e succede nel beneficio

                                  al cugino Renato nel 1555.

                            E3. Margherita, Patrizia di Firenze.

a)      = 1559 Antonio di Bartolomeo Bruni, Patrizio di Firenze

b)      = 1580 Niccolò di Luigi Malagonelle

                            E4. Giuliano (+ infante), Patrizio di Firenze.

                            E5. Maddalena, Patrizia di Firenze.

                                  = 1574 Jacopo Lapaccini, Patrizio di Firenze

 

                     D2. Francesca, Patrizia di Firenze.

                            = 1534 Federico di Roberto de’ Bardi, Patrizio di Firenze

                     D3. Elisabetta, Patrizia di Firenze.

                            = 1551 Bartolomeo di Antonio Castellani

 

       B8. Leonardo (+ 1515), Pievano di San Cassiano in Padule, Priore di San Pietro a Montegonzi, bandito il 5-5-1478

              sebbene non avesse partecipato alla congiura antimedicea, Protonotario Apostolico dal 1478, Canonico della

              metropolitana di Firenze dal 1504 (fonda un beneficio ereditario annesso a tale canonicato e riservato alla famiglia

              de’ Pazzi).

       B9. Costanza

              = 1470 Braccio di Domenico Martelli (vedi/see)

       B10. Ginevra

                = 1470 Pietro di Daniele degli Alberti

       B11. Lisa

                = 1471 Agnolo di Otto Nicolini

       B12. Antonio (* 16-12-1451 + Sarno 1479), Dottore in leggi canoniche a Pisa, commendatario della chiesa di

               Sant’Angelo a Sereto, della prioria di San Pietro a Montegonzi e della pieve di San Paolo in Rosso nella Val

               d’Arno Superiore, Canonico della Metropolitana di Firenze, Cancelliere dell’Università di Pisa, Protonotario

               Apostolico e Canonico di San Pietro in Vaticano dal 1471, Vescovo di Sarno dal 1475, Vescovo di Mileto dal

               23-1-1478, Consigliere del Re di Napoli; dopo la congiura antimedicea venne esiliato nella sua diocesi.

       B13. Lena (* 1453 + ?)

                = Bartolomeo Nasi

       B14. Giovanni (* 12-7-1454 + ante 1480), fu imprigionato a Volterra dal 1478.

       B15. Galeotto (* 1-1-1456 + 1517), imprigionato 1478/1480 e poi escluso dai pubblici uffici 1480/1494, ambasciatore

                a Re Carlo VIII di Francia nel 1496, Commissario di Bagno nel 1499, ambasciatore presso i Borgia nel 1501 e

                1502, Commissario di Val di Cecina nel 1513.

                = 1511 Lucrezia Magalotti

 

                C1. Lucrezia (+ 1594), Patrizia di Firenze.

                       = Antonio di Meglio ……..

 

       B16. Ippolita (* 1460 + infante).

       B17. Niccolò (* 30-6-1462 + 1517), bandito nel 1478 ed escluso dalle pubbliche cariche fino al 1494; Commissario in

                Val di Sieve e del Casentino nel 1494, Priore di compagnia nel 1496, dei Priori delle Arti nel 1509, Console di

                zecca nel 1510, Vicario della Val d’Arno e della Val d’Arno Superiore nel 1516, Capitano del Popolo di Pistoia

                nel 1517.

       B18. Lucrezia (* 1464 + infante).

 

A5. Apollonia, venne bandita nel 1434 perchè ostile ai de’ Medici.

       = 1440 Noferi del Griggia

A6. Elena (* 1418 + ?)

       = 1444 Lamberto di Bernardo Lamberteschi

A7. Albiera (* 1420 + ?)

       = 1434 Lorenzo di Ilarione de’ Bardi

 

 

 

 

 

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

  • Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
  • Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
  • (Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

  • info@genmarenostrum.com