CARACCIOLO CARAFA E LINEE ANTICHE DEI CARAFA

 

 

Aggregati al Seggio di Nido alla fondazione dei Seggi patrizi napoletani (XIII secolo).

 

 

 

Gregorio Caracciolo, possedeva dei beni feudali presso Napoli, Acerra e Aversa; i discendenti si chiamarono Caracciolo Carafa e poi solo Carafa. Sposa Maria Pignatelli.

 

 

A1. Tommaso (+ in esilio post 1266) era detto “Carafa” o “Caracciolo”, possedeva molti beni che gli furono confiscati dagli

       Angioini.

       = Sibilia (vediivente 18-7-1269/14-3-1273), ebbe una rendita sulla sua dote dal Re Carlo I d’Angiò.

A2. Landofo detto “Fasolo”, Patrizio Napoletano.

A3. Bartolomeo (+ ca. 1220), Signore di Ripalonga.

       = Laura Capece

 

       B1. Filippo (+ post 16-11-1237/ o 1239), Signore di Ripalonga.

              = Delizia Caracciolo (questo matrimonio è dubbio, di sicuro non è identica alla Letizia + 1340 nei Caracciolo del

                 Sole)

 

              C1. Bartolomeo (+ ca. 1295), Patrizio Napoletano.

                     = ante 11-7-1276 Teodora, figlia di Filippo del Gaudio, di Sessa (+ 31-1-1340).

 

                     D1. Bartolomeo Carafa (+ Napoli 7-12-1362), Patrizio Napoletano, Vicerè della Basilicata nel 1302,

                            Maestro Ostiario del Regno di Sicilia nel 1309, Famiglio, Consigliere e Ciambellano Regio nel 1309,

                            Vicerè e Capitano Generale dell’Abruzzo nel 1309, Maestro Razionale della Gran Corte nel 1343;

                            attorno al 1296 ebbe la rendita di 10 once su Santa Caterina in Calabria.

                            = Mabilia, figlia di Andrea Signore di Montefalcione

 

                            E1. Cavaliere Andrea, Patrizio Napoletano, Signore di Forli maritali nomine, Vicerè dell’Abruzzo Citra

                                  nel 1357, Consigliere Regio, Maestro della Casa del Papa Urbano VI, Governatore di Spoleto nel

                                  1384; ebbe delle pretese sulle terre di Foroli (Forli), Rocca di Cinquemiglia, Castel di Sangro,

                                  Pietrabbondante e Vicalvello; compra Rocca Bernarda e Rionegro con un reddito di 40 once sulla

                                  dogana di Giovinazzo, e la Piazza Maggiore di Napoli nel 1382; compra ½ di Montenero e 1/8 di

                                  Roccasicone e San Benedetto in Lamis (Regia conferma dell’acquisto di altra metà dei Montenero e

                                  di altro 1/8 dei restanti due feudi, il 1-7-1365). Capostipite dei Carafa della Spina.

                                  = Maria, figlia del Cavaliere Pietro de Cornay e di Giovanna d’Isernia

 

                                  F1. Iacopo o Giacomo, Patrizio Napoletano, Signore di Roccacinquemiglia.

                                        = Francesca/Ceccarella, figlia di Restaino Cantelmo Signore di Popoli (vedi/see)

 

                                        G1. Onofrio (+ 14..) Patrizio Napoletano, Signore di Roccacinquemiglia (divenne Capitano a vita

                                               di questa e di Roccadiraso nel 1419), ottenne il feudo di Sant’Arcangelo nel 1423,

            Capitano di Aliano per 4 anni, ebbe un rendita di 100 once nel 1419.

                                               = Caterina Carafa

 

                                               H1. Giacomo, capostipite dei Carafa di Roccella

                                             

                                        G2. Pietro, Patrizio Napoletano, compra il feudo di Rodi nel 1404, compra Montedimezzo nel

                                               1412, Capitano di Aliano e Roccarainola nel 1415, Giustiziere dell’Abruzzo nel 1419.

                                               = Clarice, figlia di Oderisio di Sangro

 

                                               H1. Roberto, Signore di Rodi e Patrizio Napoletano.

                                               H2. Giacomo, Signore di Rodi e Patrizio Napoletano.

                                                      = Luisa Spina

 

                                                      I1. Mercurio, Signore di Rodi e Patrizio Napoletano.

 = ………….

 

             J1. Cristiano, Patrizio Napoletano

             J2. Pietro, Signore di Rodi e Patrizio Napoletano.

       = ……….

 

       K1. Mercurio (vediivente 29-1-1495/7-5-1506), Patrizio Napoletano.

       K2. Francesco (+ post 29-1-1495), Patrizio Napoletano.

 

             J3. Antonio, Patrizio Napoletano.

             J4. Galeotto (+ post 17-2-1490), Signore di Torraca e Patrizio Napoletano.

                   = Elisabetta, figlia di Filippo Caracciolo Viola, Patrizio Napoletano (vedi/see)

 

                  K1. Francesco, Barone di Torraca e Patrizio Napoletano.

                         = Giovanna, figlia di Carlo Dentice, Patrizio Napoletano (+ ante 1490) (vedi/see)

 

 L1. Pietrantonio (+ post 17-2 e 10/13-3-1490), Patrizio Napoletano.

 L2. Giovan Battista, Patrizio Napoletano.

 L3. Delle sorelle dal nome ignoto viventi nel 1490.

 

       I2. Pietro, Patrizio Napoletano.

       I3. Angelo, Patrizio Napoletano.

 

                                  F2. Galeotto, capostipite dei Conti di Santa Severina.

                                  F3. Carlo, capostipite dei Baroni e Duchi di Forli e dei Duchi di Montenero.

                                  F4. Bartolomeo, Patrizio Napoletano.

                                  F5. Pietro, Patrizio Napoletano.

                                  F6. Lorenzo, Patrizio Napoletano.

                                  F7. Nicolò, Patrizio Napoletano, Barone di Roccasicone Ciambellano Regio e capitano del Re

                                        Ladislao I, compra parte del castello di Roccasicone il 28-5-1391 e nel 1394, compra Montenero

                                        nel 1394, compra Vignali e Pescolanciano il 27-12-1412.

                                        = Costanza, figlia di Guglielmo della Marra

 

                                        G1. Andrea (vediivente 1421/14-4-1450), Barone di Roccasicone, Signore di Montenero, Vignali e

                                               Pescolanciano, Patrizio Napoletano.

= ……..

 

H1. Andrea, Barone di Roccasicone, Signore di Montenero, Vignali e Pescolanciano, Patrizio

       Napoletano; Capitano di Anglone il 28-8-1455.

       = Teruccia, figlia di Goffredo Galluccio, Patrizio Napoletano

 

       I1. Andrea, Barone di Roccasicone, Signore di Roccasicura, Pescolanciano e Vignali

            (investito il 9-4-1507 e nel 1517), compra il castello di Rionigro nel 1517.

            = ……..

           

            J1. Troiano (+ 19-9-1555), Barone di Roccasicone, Signore di Roccasicura,

                  Pescolanciano e Vignali e Patrizio Napoletano; Dottore in legge, compra la

                  contea di Manoppello dai Colonna nel 1541 e il feudo e castello di San Nicola a

                  Ripa il 27-11-1549.

                  = Ippolita di Diano

 

                  K1. Camilla (+ ante 24-3-1594), Contessa di Manoppello (investita il 26-9-

                         1556), ebbe una causa di successione per i feudi paterni.

                         = Alfonso di Cardenas Marchese di Laino e Conte d’Acerra (+ post 1560).

                  K2. Lucrezia

a)      = Antonio Carafa

b)      = Giovanni Tommaso Carafa dei Conti di Maddaloni (non individuato)

 

            J2. Nicola (+ assassinato dal fratello Tiberio), Patrizio Napoletano.

                  = Ippolita Carafa

 

                  K1. Andrea (+ 1545), Signore di Rodi e Patrizio Napoletano.

                         = Lucrezia Pignatelli

 

                         L1. Adriana (+ post 30-7-1590)

a)      = 1551 Don Antonio Carafa 1° Duca d’Andria (vedi/see)

b)      = Napoli 3-2-1566 Don Giovan Francesco di Sangro1° Principe

         di Sansevero (vedi/see)

 

                  K2. Zizzotta

                         = Giovanni Antonio di Transo, Patrizio Napoletano

 

            J3. Scipione (+ assassinato a Cesare della Tolfa 15….), Patrizio Napoletano.

            J4. Tiberio, Patrizio Napoletano, uccide il fratello Nicola.

                  = ………

 

                  K1. Troiano (+ 29-3-1580), Barone di San Nicola di Leporino e Patrizio

                          Napoletano.

   = …….

 

                         L1. Tiberio (+ 7-1580), Patrizio Napoletano.

        = ………

 

                               M1. Geronimo (+ 26-3-1630), Barone di San Nicola  di Leporino e

                                       Patrizio Napoletano.

    = ……..

 

                                       N1. Carlo, Barone di San Nicola di Leporino e Patrizio

                                   Napoletano.

 

            J5. Camillo, Patrizio Napoletano.

            J6. Claudio, Patrizio Napoletano.

            J7. Eleonora

                  = Carlo Seripando, Patrizio Napoletano

            J8. Una figlia

                  = ……….. Barone di Montefusco

 

H2. Paolo (vediivente 24-1-1505/22-12-1506), Signore di Montefalcone e Patrizio Napoletano.

       = Elisabetta Frangipani della Tolfa

 

       I1. Vincenzo, Signore di Montefalcone e Patrizio Napoletano.

             = Caterina, figlia di Marino Caracciolo Marchese di Bucchianico (vedi/see)

 

             J1. Antonia (+ 21-7-1566), Baronessa di Orta.

a)      = Girolamo Carafa Signore di Cusano (vedi/see)

b)      = Giovanni Girolamo del Tufo 2° Marchese di Lavello (vedi/see)

 

       I2. Giovan Bernardino (+ post 18-3-1535), Patrizio Napoletano, possedeva una

             rendita di 160 ducati annui.

       I3. Giulia, monaca nel monastero di Santa Patrizia a Napoli.

       I4. Lucia

       I5. Giovanna, che possedeva per eredità materna ½ delle terre di Molise, Ferrazzano,

            Gesso e Civitavetere.

            = Rinaldo I Carafello Carafa della Stadera Signore di Cusano (vedi/see)

 

H3. Bartolomeo (+ post 1492), Patrizio Napoletano, fece parte dell’ambasciata napoletana

       andata a Roma ad omaggiare il Papa Alessandro VI nel 1492.

H4. Ceccarella, monaca nel monastero di Santa Patrizia a Napoli.

 

     G2. Pietro, Patrizio Napoletano.

     G3. Onofrio, Patrizio Napoletano.

     G4. Lantra (+ post 1421), Patrizio  Napoletano e Cavaliere.

     G5. Covella (+ post 1423)

            = (1100 onze di dote) Luigi Antonio di Gurello Carafa Barone di Sessola (vedi/see)

     G6. (Parentela dubbia) Antonio

 

                                  F8. Caterina (+ 10-6-1383).

                                  F9. Veritella (+ post 1384).

                                        = Cavaliere Francesco Guindazzo, Patrizio Napoletano e Regio Maresciallo (+ ante 1384).

                                  F10. Andriella (+ post 1384)

                                          = ………. d’Eboli

 

                            E2. Bartolomeo (+ Napoli 16-3-1367), Patrizio Napoletano, Canonico della chiesa palatina di Bari nel

                                  1325, ebbe rendite sulla cappella di Santa Lucia di Somma nel 1337, Cappellano e Consigliere del Re

                                  Roberto I, Arcivescovo di Bari dal 1346, compra il casale di Pascarola nel 1364 e successivamente

                                  ebbe la terra di Caivano.

                            E3. Pietro, Patrizio Napoletano e Signore di Fossacieca.

                                   = Roberta Dinissiaco (de Denisy), figlia di Gazzo Conte di Terlizzi e di Margherita Pipino

 

                                  F1. Nicola, Patrizio Napoletano, Signore di Fossacieca, Consigliere Regio e Ciambellano,

                                        ambasciatore a Roma per conto del Re Ladislao I.

a)      = Caterina di Somma

b)      = Maria Giulia de Yels dei Conti di Satriano (sorella della celebre Orsolina Contessa di

         Satriano, ricca ereditiera) (vediivente 1392 e 1393).

 

G1. (ex 1°) Andrea (+ giovane, post 1400), Patrizio Napoletano.

G2. (ex 2°) Pietro, Patrizio Napoletano, Signore di Fossacieca e Regio Ciambellano, Capitano

       di Castel di Sangro nel 1417.

       = Maria, figlia di Francesco Guindazzo, Patrizio Napoletano, e di Maria Carafa; era l’amante

          del Re Ladislao I di Napoli, che le regalò il castello di Lama e le signorie di Apetina,

          Alfedena e San Giorgio.

 

       H1. Andriella (Isabella, Altobella)

              = 1410 Ermengardo (Ermengaud) de Sabran Conte di Ariano e Apice (+ post 1417).

       H2. Veritella

              = 1410 Francesco Cantelmo 2° Conte di Popoli (vedi/see)

       H3. Pietro (* postumo + post 1415), Patrizio Napoletano, Signore di Fossacieca, Depressa

              e Rodi.

= Mariella, figlia di Giacomo Brancaccio, Patrizio Napoletano, e di Masella de Acerris

   (+ dopo il marito) (vedi/see)

 

I1. Francesco, Patrizio Napoletano, Signore di Fossacieca, Depressa e Rodi.

a)      = Verdella Spinelli

b)      = Anna (Antonia), figlia di Andrea Marramaldo, Patrizio Napoletano, e di

         Giovanna Caracciolo (vediivente nel 1488).

 

J1. Pietro, Patrizio Napoletano.

J2. Paolo, Patrizio Napoletano.

 

G3. (ex 2°) Onofrio, Patrizio Napoletano, Signore di Castel di Sangro, Rocca del Raso e Rocca

       di Cinquemiglia, Regio Ciambellano.

 

                            E4. Nicola (vediivente durante i regni di Carlo III e Ladislao I), Patrizio Napoletano, aveva una rendita di

                                  40 once.

                            E5. Ligorio (+ 1342), Patrizio Napoletano.

                            E6. Tommaso, Patrizio Napoletano, Capitano dell’Aquila. Fondatore dei Carafa della Stadera.

           = …….

 

                                   F1. Giovanni, Patrizio Napoletano.

                                          = Mariella Mariscalco

 

                                         G1. Antonio detto Malizia, da lui discendono i Carafa della Stadera.

                                         G2. Gurello, capostipite dei Signori di Rosito.

                                         G3. Nicola (+ a 38 anni), Patrizio Napoletano, ambasciatore in Provenza per conto della Regina

                                                Giovanna II di Napoli.

                                                = Covella Brancaccio

 

 H1. Pietro (+ 1-5-1510), Patrizio Napoletano, compra il feudo di Fiumara di Muro con

        Calanna e il passo di Catona nel 1480 (ma feudi già concessi nel 1457), fu milite al

        servizio del Re d’Aragona; compra parzialmente la contea di Sinopoli dai Ruffo attorno

        dal 1510.

        = Caterina de Guevara

 

        I1. Giovanni Cesare (+ 24-3-1554), Signore di Fiumara di Muro, Calanna, Torre

             della Calanna e passo di Catona e Patrizio Napoletano, Paggio del Re Alfonso II e

             Coppiere del Ferdinando II, vende la contea di Sinopoli ai Ruffo nel 1519 ottenendo

             in cambio le ragioni che questa famiglia possedeva su Calanna e Fiumara.

             = Giovanna Spadafora, nobildonna siciliana

 

              J1. Diana (+ post 1559), porta in dote al primo marito i feudi paterni (cfr. Ruffo di

                    Scilla).

a)      = 1519 Paolo Ruffo Conte di Sinopoli (vedi/see)

b)      = post 1559 Agostino de Francesco dei Signori di Roccaromana

              J2. Alfonsina

                    = Cesare di Diomede Carafa

              J3. Anna

                    = Sancio Benavides d’Alarcon Maestro Generale di campo spagnolo in Italia

 

        I2. Annibale (+ post 29-12-1469), Patrizio Napoletano.

        I3. Alessandro, Patrizio Napoletano.

        I4. Sigismondo, Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine di Malta.

        I5. Giovanni Battista, Patrizio Napoletano.

        I6. Giovan Vincenzo, Patrizio Napoletano.

 

                                         G4. TommasoCaracziolus dictus Carrafa”, Patrizio Napoletano, Cavaliere e famiglio del Re

            Carlo III di Napoli, Capitano di Capua nel 1398, Giustiziere della Basilicata nel 1400,

            Governatore della Campagna Romana e della Maremma, occupa Viterbo nel 1414 in nome

            del Re Ladislao I e la mantenne per qualche mese come suo Vicario, investito della signoria

            di Castelluccia il 5-1421.

            = Sancia d’Aquino (forse della linea di Villamaina ?)

 

            H1. Giovanni Antonio (+ 25-12-1486), Signore di Castelluccia e Patrizio Napoletano,

                   celebre giureconsulto del suo tempo; nel 1471 ebbe la cappellania di Tramonti e poi di

                   Santa Maria di Trani ma rinuncia alla carriera ecclesiastica poco dopo il 1-4-1439; Regio

                   Consigliere dal 1-12-1449 (confermato nel 1458 ma rinuncia alla carica nel 1460),

                   Lettore di diritto civile e canonico alla Regia Università di Napoli, ebbe il privilegio di 500

                   ducati annui il 26-8-1458, Vice-Cancelliere del Regno di Napoli nel 1463, Consigliere

                   del Collaterale del Regno di Napoli dal 1485.

                   = Caterina dell’Aha

 

       I1. Domenico (+ post 19-3-1507), Signore di Castelluccia (confermato con gli zii e il

             padre) e Patrizio Napoletano, il 2-10-1477 ebbe 100 ducati di rendita sugli introiti

            del maggior fondaco di Napoli.

             = Lucrezia, figlia di Giovanni Saraceno Signore di Torella e di Ginevra de Senerchia

       I2. Giovan Vincenzo (+ post 26-3-1515), Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine di

            San Giovanni di Gerusalemme, Commendatore di Santo Stefano a Monopoli.

       I3. Vincenzo, Patrizio Napoletano. Forse ebbe una figlia, Luigia, sposata a Fabrizio del

            Tufo Barone di San Massimo (vedi/see)

             = Ippolita, figlia di Michele Riccio, Presidente del Sacro Regio Consiglio di Stato (vedi/see)

       I4. Giovanni, Patrizio Napoletano.

       I5. Craniza, contrasse un matrimonio “solo per verba dei presenti”, il marito (dal nome    

             ignoto) morì prima della celebrazione.

       I6. Sancia (vediivente 23-8-1492/1502), forse si separò dal marito verso il 1492.

            = Giovanni Sanframondo dei Conti di Cerreto

       I7. (Parentela dubbia) Menica (+ post 5-3-1486 o 1496)

            = Giovan Battista di Scipione Carafa (vedi/see)

       I8. (Naturale) Orsina, fu gratificata dal padre con una dote di 50 once.

a)      = 11-2-1468 Matteo di Marino d’Afflitto, Regio Consigliere e Presidente della

         Sommaria, Patrizio Napoletano

b)      = Antonio Gazzella, nobiluomo di Gaeta. Secondo alcune fonti sarebbe la madre

         di Trusia Gazzella, l’amante del Re Alfonso II di Napoli.

 

            H2. Pasquale (vediivente 1468/1469), Consignore di Castelluccia e Patrizio Napoletano.

            H3. Domenico (+ post 1468), Consignore di Castelluccia e Patrizio Napoletano.

            H4. Antonio (+ post 1468), Consignore di Castelluccia e Patrizio Napoletano.

            H5. Giovanni (+ post 1468), Consignore di Castelluccia e Patrizio Napoletano.

            H6. Fabrizio (vediivente 1468/1469), Consignore di Castelluccia e Patrizio Napoletano.

 

                                         G5. Una figlia

                                                = Pietro Lamberti

                                         G6. Una figlia

                                                = Rinaldo Sicardo

                                         G7. Una figlia

                                                = Mariano (o Marino) di Norcia, celebre capitano dei suoi tempi, Viceduca della Terra di

                                                   Bari nel 1438, Podestà di Siena nel 1444, Governatore di Città di Castello nel 1445,

                                                   Signore di Bastia nel 1446 e cerca di insignorirsi senza successo della Corsica nel 1447

                                                   (+ ca. 1450)

                                         G8. Una figlia

                                                = Iserio Guindazzo, Patrizio Napoletano

 

                                   F2. Iacopo, Patrizio Napoletano.

 

                            E7. Giacomo (+ post 1327), Patrizio Napoletano.

                            E8. Cavaliere Marino, Patrizio Napoletano, ebbe 20 once annue di rendita dalla Regina Giovanna I forse

                                  sulla gabella della stadera di Maddaloni.

           = ………

 

                                   F1. Francesca (+ post 1403), monaca nel monastero di San Liguori.

                                   F2. Tommaso, Patrizio Napoletano.

     = …….

 

                                         G1. Giovanni Antonio (+ post 1428), Patrizio Napoletano, possedeva la gabella sulla stadera di

 Maddaloni.

 

                                   F3. Giovanni, Patrizio Napoletano.

                                   F4. Pietro (+ post 1403), Patrizio Napoletano, Abate.

 

                            E9. Mita (+ post 1382)

a)      = Antonio de Carofilio

b)      = Giovanni Caracciolo Signore di Pisciotta (vedi/see)

 

                     D2. Tommaso (+ 28-12-1332), Patrizio Napoletano.

                     D3. Matteo (+ post 20-1-1309), Patrizio Napoletano, Gran Maestro Ostiario del Regno di Sicilia, nel 1302

                            era detto Cavaliere.

a)      = ante 1302 Caterina de’ Sangro (+ post 1302);

b)      = Alegoria Piscicelli

 

E1. Filippo (+ Bologna 22-5-1389), Patrizio Napoletano, Arcidiacono di Bologna, Cardinale con il titolo

      di San Silvestro e San Martino ai monti dal 18-9-1379.

 

                     D4. Guglielmo, Patrizio Napoletano.

 

             C2. Riccardo “Carrafa” o “Caracciolo” (+ post 8-3-1290), Patrizio Napoletano, Cavaliere.

             C3. Matteo (+ post 11-7-1276), Patrizio Napoletano, possedeva a Pascarola.

a)      = N.N.

b)      = 3-12-1272 Capuana, figlia di Filippo Greco, già vedova di N.N.

 

D1. (ex 1°) Francesco, Patrizio Napoletano, possedeva beni a Sessa.

a)      = 3-12-1272 Giovanna, figlia di Capuana Greco sua matrigna

b)      = 20-4-1279 Mattia, figlia di Riccardo Maliante, da Sessa

 

            C4. Margherita

                   = 7-6-1269 Gentile de Podio

            C5. Isabella

                   = 23-10-1272 Landolfo di Raone di Noe, Cavaliere

 

A4. Aloara

       = Sergio Capece, Patrizio Napoletano

A5. (Posizione incerta) Riccardo “Carrafa” (+ ante 1272)

       = ………..

 

       B1. Mariano detto “Marinello” (+ post 4-10-1272), era studente a Napoli.

 

 

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

  • Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
  • Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
  • (Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

  • info@genmarenostrum.com