CORREALE Linea Patrizia di Sorrento

 

CORREALE - MEDICI e CORREALE - SANTACROCE

 

 

Ramo della storica Casa Correale, patrizia di Sorrento, riconosce come suo stipite Pietro Paolo Correale, patrizio di Sorrento del Seggio di Porta, contestabile nel 1543.

Il nipote di questi, Gio. Lorenzo, sposa l'agnata Porzia Correale di Onofrio (nota, si tratta del "famoso" Onofrio Correale cui e' dedicato il libro di Marullo di Condoianni, con prefazione di Pellicano Castagna, v. Fonti in calce alla presente genalogia) con la quale per l'amministrazione dei loro vasti beni in Calabria ultra si stabilì in Gerace e Siderno, ove rimasero i loro discendenti.
Gio. Battista fu vescovo di Nicastro nel 1632; altro Gio. Battista, nipote ex fratre del precedente, =' alla meta' del 600 Porzia Santacroce, unica figlia ed erede del feudatario Orazio, per cui la famiglia da allora aggiunse al cognome Correale quello di Santacroce, assumendo il titolo baronale proveniente dai Santacroce.

 Nell'onciario ufficiale del Regno di Napoli del 1743, Pompeo Correale é registrato con i titoli di barone e di nobile.
La famiglia avrebbe potuto ottenere con provvedimento di grazia la reintegrazione nel patriziato di Sorrento ed il riconoscimento del titolo di barone, del quale ha fatto initerrotto uso per oltre tre secoli.
ARMA: d'argento alla croce di Sant'Andrea d'azz. accantonata da quattro rose di rosso.

Da: Libro d’Oro della Nobiltà Italiana

 

 

 

1.1. NN Correale patrizio di Sorrento.

= [--?--]

 

2.1. un fratello di Nicola Correale e padre di Pietro Paolo Correale

= [--?--]

 

3.1. don Pietro Paolo Correale cugino di Marino Correale; patrizio di Sorrento del Seggio di Porta, contestabile nel 1543 + dopo il 1543.

Cfr. SORRENTO - Palazzo Correale.
Il vicino Palazzo Correale del sec. XIV presenta un carattere completamente diverso, che evidenzia, secondo l'influsso della moda catalana, maggiormente il dettaglio architettonico e scultoreo che l'insieme. La facciata associa bifore di varia forma e disegno, in forme ricorrenti anche in altre parti della città (la bifora di S. Maria delle Grazie). Oggi ne ammiriamo soltanto tre intatte: due a sesto acuto, con al centro lo stemma della famiglia Correale; la terza, detta "a punta di noce", differente dalle altre, è sul modello "gotico-fiammeggiante". Il portale (elemento architettonico variamente diffuso nella città) può essere definito "a corona" per il suo arco depresso dentro un inviluppo rettangolare. Il palazzo apparteneva ancora a questa famiglia nel 1567, ma fu acquistato nel 1610 dall'abate De Persio per fondarvi un ritiro per orfanelle intitolato a S. Maria della Pietà. La chiesetta attigua al mona-stero è di stile barocco e ad una sola navata.
- Museo Correale di Terranova
Fu costituito agli inizi di questo secolo dalla famiglia Correale. Contiene un'interessante raccolta archeologica di marmi greco-romani e medioevali appartenenti al Comune; mobili napoletani e stranieri dei sec. XVII e XVIII; porcellane di Capodimonte, di Sèvres, di Sassonia, di Cina; cristalli di Boemia; vetri di Venezia e bronzi. Alle pareti si ammirano dipinti della scuola di Posillipo, tra cui le opere del Gigante e del Duclére, nonché tele del Cavallino, Spadaro, Salvator Rosa e A. Vaccaro. Da ricordare la collezione di intarsi di Saltovar.

= [--?--]

 

4.1. don Giovanni Correale degli antichi patrizi di Sorrento

= [--?--] * 1523; * ca. 1540; * prima del 1557.

 

5.1. donna Porzia Correale

= don Lorenzo Macrì

5.2. don Giovanni Giacomo Correale

= [--?--]

 

6.1. don Francesco Correale

6.2. donna Porzia Correale

= n Coluccio

 

7.1. don Francesco Coluccio o Colucci sindaco di Siderno nel 1642 + dopo il 1643.

= [--?--]

 

6.3. donna Viriginia Correale

= dottor fisico don Scipione Lemmo

 

7.2. don Domenico Lemmo

= donna Livia Ferrante

7.3. donna Porzia Lemmo

= don Giovanni Battista Correale (vedi più sotto)

 

5.3. don Giovanni Carlo Correale di lui si conserva la lapide tombale in un gradino del campanile della Chiesa di S. Nicola di Siderno Superiore * 1523; + 17 novembre 1613; vedi Luigi Vento Iscrizioni Sidernesi, pag. 21

= donna Porzia Malarbì degli antichi baroni di Cosoleto (vedi/see)

 

6.4. donna Girolama Correale

= medico don Lorenzo o Franco? Cordì * ca. 1580.

.

5.4. don Giovanni Vincenzo Correale erario di Siderno nel 1572-1573 * 1528. vedi Michelangelo Macrì, Memorie istorico ... aggiuntavi la Sidernografia, pag. 320

= [--?--]

 

6.5. don Giovanni Francesco Correale sindaco di Siderno nel 1581 e 1582 * 1555.

= donna Diana Sirleto

 

7.7. don Francesco Correale sindaco di Siderno nel 1617 e nel 1631-1632

= donna Caterina Spanò

 

8.5. donna Giulia Correale

8.6. UJD don Tommaso Correale

= donna Giulia di Lorenzo

 

9.4. donna Caterina Correale

9.5. don Francesco Correale

9.6. don Giovanni Battista Correale sindaco di Siderno nel 1733 * 1695;

= donna Girolama Bavaro Il dottor Antonio Bavaro discendeva da una delle piu' antiche famiglie di Siderno, oggi estinta. Il nonno Francesco fu sindaco nel 1624 e 1629. Il padre Giusepe sposò la nobildonna Porzia Cordì, dalla quale ebbe 12 figli. Egli sposò Giulia Caristo di Roccella e ricoprì la carica di sindaco di Siderno nel 1713

cfr: D. Romeo, Da Sideroni a Siderno, Ardore MArina, 2005, pag. 64, n. 102

 

10.1. don Saverio Correale * 1730.

10.2. don Giuseppe Correale * 1740; + 1798.

= donna Rosa Mantegna

 

11.1. donna Marianna Correale

11.2. don Nicola Correale * 1792.

= [--?--]

 

12.1. don Giovanni Battista Correale

 

10.3. don Simone Correale * 1741.

10.4. donna Caterina Correale + 1797.

 

8.7. donna Angelica Correale

 

7.8. dott. don Girolamo Correale costruì l'odierno Palazzo Correale Medici [oggi antico] di Siderno Superiore * Siderno, RC, Italy, 1622; + 1698.

= donna Giulia de Mari

 

8.8. don Girolamo Correale

8.9. donna Porzia Correale

8.10. donna Francesca Correale + dopo il 1686; matrimonio N dei baroni Sergio 1685.

= N dei baroni Sergio

8.11. UJD don Domenico Correale dottor fisico; Sindaco dei nobili di Siderno dal 5 gennaio 1695 per l'intero anno * 1652; + dopo il 5 gennaio 1694/95. Filosofo e Medico, sposa Prassede Medici di Bianco e abbellisce il Palazzo Correale Medici di Siderno Superiore; sindaco di Siderno nel 1718
cfr.. L. Vento, Iscrizioni Sidernesi, pagg. 33-34

= donna Priseida o Prassede Medici (vedi/see) famiglia originaria di Bianco e ramo dei Medici napoletani? * Bianco? ca. 1655; + Siderno, RC, Italy, ca. 1745.

 

9.7. canonico? don Giuseppe Correale Medici

9.8. don Gerolamo Correale Medici scrittore * Siderno, RC, Italy, 24 marzo 1676/77; matrimonio donna Aloisia Criniti Siderno ca. 1680; matrimonio donna Anna Rosa Staltari sua nipote, porta in dote palazzi, case, terre, casse d'oro, d'argento, gioielli e tutti i patronati e i diritti degli Staltari.. 1695.

1°)  = donna Aloisia Criniti

2° ) = donna Anna Rosa Staltari sua nipote, porta in dote palazzi, case, terre, casse d'oro, d'argento, gioielli e tutti i patronati e i diritti degli Staltari.. * 24 marzo 1676/77. La famiglia STALTARI di Siderno si è estinta (ecco perchè non figura negli annuari) almeno nel ramo "nobile", con la + prematura nel 1690 di Giuseppe = di Giulia Correale - Medici ... la unica figlia di questi due, Anna Rosa Staltari sposerà nel 1695 il cugino Girolamo Correale - Medici portando in dote palazzi, case, terre, casse d'oro, d'argento, gioielli e tutti i patronati e i diritti degli Staltari.
I cugini di Giuseppe Staltari invece sopravvivono generando numerosi discendenti . ma evidentemente non avevano le qualità per poter innalzare il loro casato al livello degli altri Staltari . anzi essendo numerosi eredi vendono 2 grossi palazzi di famiglia (nel 1712 e nel 1743), non reinvestono i soldi che hanno incassato con queste vendite e nel giro di 50 anni tornano alla condizione di artigiani. Nel 1695 stipula i "Capituli Matrimoniali" con il notaio Bonavita di Siderno e il padre risulta già morto.

 

ex 2°) 10.5. donna Giulia Correale Medici

ex 2°) 10.6. UJD don Giuseppe Antonio Correale Medici autore dei 'Comentarios in libros IV Institutionum etc.' * Siderno, RC, Italy, ca. 1705.

= donna Francesca Arcano o Arcadi dei baroni di Pisana e di Attafi (vedi/see)

 

11.3. IJD don Francesco Antonio Correale Medici Sindaco di Siderno nel 1785-1786 ed Erario dal 1756 al 1783 * 1730; + 25 settembre 1793; vedi D. Romeo, Siderno nel Settecento, pag. 32-33

= donna Geronima Candida * 22 maggio 1750. (vedi/see)

 

12.2. don Domenico Correale Medici

12.3. donna Saveria Correale Medici

12.4. donna Giulia Correale Medici + 1783.

12.5. don Giuseppe Correale Medici morto giovane * 1758; + 1765.

12.6. don Carlo Correale Medici sindaco di Siderno nel 1809-1810 + dopo il 1810.

12.7. dott. don Lorenzo Domenico Giuseppe Antonio Correale Medici * 15 giugno 1766;

= donna Anna Rosa dei baroni Correale Santacroce (vedi/see)

 

13.1. donna Anna Maria Correale Medici e Santacroce

13.2. don Nicola Correale Medici e Santacroce avvocato e sindaco di Siderno nel 1859 e 1860

= donna Maria Rosa dei baroni Correale Santacroce (vedi/see)

 

14.1. donna Anna Rosa Correale Medici e Santacroce

= Nn Cavo

14.2. donna Teresa Correale Medici e Santacroce

= Francesco Albanese

 

15.1. onorevole Giuseppe Albanese

15.2. don Nicola Albanese

 

13.3. don Francesco Antonio Geronimo Giuseppe Correale Medici e Santacroce decano della Cattedrale di Gerace * 11 marzo 1795; + 20 aprile 1882.

13.4. don Girolamo Correale Medici e Santacroce * 1796; + 1878.

13.5. barone UJD don Giovanbattista Correale Medici e Santacroce cavaliere; cons. prov. e sindaco di Siderno * 29 agosto 1799; + 28 dicembre 1871. Letterato, Cavaliere dell'Ordine di Francesco I, vice sotto-intendente di Gerace nel 1847, sindaco di Siderno dal 1819 al 1821, dal 1825 al 1831, nel 1840 e dal 1850 al 1851, consigliere provinciale di Reggio

13.6. don Giuseppe Nicola Saverio Correale Medici e Santacroce * 10 marzo 1805; + 1876;

= donna Maria Rosa Galluzzo

 

14.3. don Adolfo Roberto Correale Medici e Santacroce medico * 3 settembre 1864;

= donna Emilia Macrì

 

15.5. don Giovanni Correale Medici e Santacroce

15.6. don Mario Correale Medici e Santacroce Generale di Corpo d'Armata

= [--?--]

 

16.1. don Ugo Correale Medici e Santacroce

 

15.7. don Ugo Correale Medici e Santacroce eroe della Seconda Guerra Mondiale; fucilato a Cefalonia nel 1943 * Siderno, RC, Italy, 1910; + Cefalonia, Greece, 1943.

= donna Fortunata dei baroni Mesiti * ca. 1825. MESITI
La famiglia Mesiti era una nobile famiglia col titolo di barone. Originaria di Sant'Agata si imparentò a Brancaleone con el famiglie Bologan e de Amgelis e si estinse nella famiglia del barone Giuseppe Correale. A questa famiglia appartennero Giuseppe Mesiti, sacerdote e sindaco nel 1871 e Vincenzo di Nicola, sindaco nel 1881.
Da" V. de Angelis, Brancaleone tra Cronaca e Storia, Catanzaro, 1998, pag 111

 

12.8. don Anotnio Saverio Giovanni Battista Rosario Correale Medici * 4 ottobre 1773.

12.9. don Nicola Saverio Giovanno Battista Correale Medici * 22 agosto 1776.

12.10. canonico don Girolamo Correale Medici + 1838.

 

11.4. donna Giulia Correale Medici morta giovane * 1734; + 1745.

11.5. donna Antonia Correale Medici * 1738.

11.6. donna Anna Correale Medici * 1740.

 

9.9. Rev. Abbate Francesco Correale medici Arciprete; vicario generale del Vescovo di Gerace Domenico Diez nel 1717 * Siderno, RC, Italy, 1678; + Siderno 21 agosto 1759.

9.10. donna Giulia Correale Medici * Siderno, RC, Italy, ca. 1685; + Siderno prima del 1743; matrimonio don Giuseppe Staltari Ricchissimo possidente di Siderno; dal 1672 fino al 1686 compra moltissimi terreni con numerosi atti del notaio Bonavita di Siderno Siderno ca. 1679.

= don Giuseppe Staltari Ricchissimo possidente di Siderno; dal 1672 fino al 1686 compra molti terreni con numerosi atti del notaio Bonavita di Siderno * Siderno, RC, Italy, ca. 1642 e + Siderno 1690. Ricchissimo possidente di Siderno. Giuseppe firma i "Capituli Matrimoniali" di Tommaso Staltari nel 1666, e potrebbe essere suo fratello. A partire dal 1672 fino al 1686 compra moltissimi terreni con numerosi atti del notaio Bonavita di Siderno e viene di norma chiamato "D.tt Gioseppe Stalttari". Il 18.09.1679 stipula i "Capituli Matrimoniali" con il notaio Bonavita di Siderno. Dopo il 1686 non compie altri atti. Fa testamento il 23.08.1687. In un atto rogato nel 1691 la moglie viene detta vedova. Dopo di lui il cognome si stabilizza in "Staltari".

 

10.7. don Antonio Staltari Il padre nel testamento lo menziona come avviato agli studi di Sacerdote

10.8. donna Anna Rosa Staltari sua nipote, porta in dote palazzi, case, terre, casse d'oro, d'argento, gioielli e tutti i patronati e i diritti degli Staltari.. * 24 marzo 1676/77;

matrimonio don Gerolamo Correale Medici scrittore 1695. (vedi sopra)

La famiglia STALTARI di Siderno si è estinta (ecco perchè non figura negli annuari) almeno nel ramo "nobile", con la + prematura nel 1690 di Giuseppe = di Giulia Correale - Medici ... la unica figlia di questi due, Anna Rosa Staltari sposerà nel 1695 il cugino Girolamo Correale - Medici portando in dote palazzi, case, terre, casse d'oro, d'argento, gioielli e tutti i patronati e i diritti degli Staltari.
I cugini di Giuseppe Staltari invece sopravvivono generando numerosi discendenti . ma evidentemente non avevano le qualità per poter innalzare il loro casato al livello degli altri Staltari . anzi essendo numerosi eredi vendono 2 grossi palazzi di famiglia (nel 1712 e 1743), non reinvestono i soldi che hanno incassato con queste vendite e nel giro di 50 anni tornano alla condizione di artigiani. Nel

1695 stipula i "Capituli Matrimoniali" con il notaio Bonavita di Siderno e il padre risulta già morto.

= don Gerolamo Correale Medici scrittore * Siderno, RC, Italy, 24 marzo 1676/77.

 

 

9.11. UJD don Donato Antonio Correale Medici * ca. 1685; + Siderno, RC, Italy, prima del 1723; matrimonio donna Anna Caffarelli o Casarelli? di Bruzzano Siderno.

= donna Anna Caffarelli o Casarelli? di Bruzzano * Siderno, RC, Italy, ca. 1700 e + Siderno dopo il 1743.

 

10.9. sacerdote don Domenico Correale Medici nel 1788 * Siderno, RC, Italy, 1722; + Siderno 1792.

10.10. donna Elisabetta Correale Medici * Siderno, RC, Italy, 1724; matrimonio UJD don Donato Antonio dei baroni Sergio Siderno 1749.

= UJD don Donato Antonio dei baroni Sergio * Gioiosa Jonica (RC), Italy, 1720.

 

11.9. don Agostino dei baroni Sergio * 1751.

11.10. donna Giovanna dei baroni Sergio * 1752; matrimonio 1771.

= don Felice dei baroni Malarbì di Cosoleto Nel Catasto Onciario diGerace del 1742 * ca. 1735; + dopo il 1742.

9.12. donna Paula Correale Medici * 1698; + 1738.

9.13. donna Francesca Diana dei baroni Correale Medici + 20 novembre 1769; matrimonio UJD capitano conte don Onofrio Falletti capitano, erario e sindaco di Siderno 1711.

= UJD capitano conte don Onofrio Falletti (vedi/see) capitano, erario e sindaco di Siderno * dopo il 27 gennaio 1686/87 e + prima del 31 luglio 1733.

 

10.13. donna Prassede dei conti Falletti matrimonio don Rosario Ruffo di Bianco 29 giugno 1755.

= don Rosario Ruffo di Bianco

10.14. conte don Gaetano Falletti

10.15. donna Rosa Falletti * ca. 1704; matrimonio don Fabrizio dei baroni Malarbì di Cosoleto da Gerace; nel Catasto Oncairo di Gerace del 1742 17 novembre 1741.

= don Fabrizio dei baroni Malarbì di Cosoleto da Gerace; nel Catasto Oncairo di Gerace del 1742 * ca. 1697.

 

5.5. don Giovanni Lorenzo Correale degli antichi patrizi di Sorrento; Sindaco di Siderno nel 1578-79 e 1597; vivente a Siderno nel 1578 * ca. 1540; + dopo il 1597;

1°) = donna Porzia Correale patrizia di Sorrento; figlia dell’ UJD don Onofrio Correale, patrizio di Sorrento e di donna Ippolita de Rossi e Gambacorta, zia di Torquato Tasso;eredita in parte dallo zio vescovo Donato e dal padre alcuni beni a Gerace e Siderno in Calabria dove si trasferisce Sposa il consaguineo Giovanni Lorenzo Correale, nipote di Pietropaolo, patrizio di Sorrento.  Vedi I parte
A causa di questa possessione terriera i suoi discendenti si stabiliscono in quella regione.
v. A. Marullo di Condojanni, Onfrio Correale etc., Tavola genealogica 1, Linea primogenita di Casa Correale

2°) = donna Elisabetta Marato

Ma il Marullo, pag. 186 (vedi op. cit. nelle FONTI in calce alla presente genealogia) gli da in moglie donna Elisabetta Fimognari, "di famiglia Calabrese"

La famiglia MARATO risulta giuspatrona della chiesa cappella di Santa Maria di Loreto a Siderno

 

ex 2°) 6.6. don Antonio Marco (Marcantonio) Correale degli antichi patrizi di Sorrento + ca. 1590.

= donna Lucrezia dei baroni Romano, nobile di Reggio Calabria secondo il Marullo (vedi op. cit. nelle FONTI in calce alla presente genealogia)

 

7.9. don Francesco Saverio Correale degli antichi patrizi di Sorrento

7.10. donna Elisabetta Correale degli antichi patrizi di Sorrento; della stessa famiglia di Marino Correale, conte di Terranova, Grotteria etc. Marino Correale, sorrentino, conte di Terranova, con privilegio di Re Alfonso I d'Aragona del 1 gennaio 1458 ebbe una parte degli stati tolti a Tommaso Caracciolo, e cioè la contea di Taerranova, appunto, le baronie di San Giorgio e Cinquefrondi, e la baronia di Grotteria con terre e casali annessi ovvero Motta Gioiosa, Mammola, San Giovanni di Gerace, Salvi, Siderno, Piccoloni, Pirgo, Martone e Battipedoni (cum terris et casalibus infrascriptis Moctae Jojosae, Mammulae, Sancti Joannis a Giraci, Salvi, Sideroni, Piccoloni, Vuadae, Pirogi, Martoni et Baptipedoni ... prout tenebat Thomas Rubellius peo se ipso Marino et suis heredibus.") Il privilegio è contenuto nel quiternione V, ff 173 e 192 come dal Repertorio dei quiternioni di Calabria Citra e Ultra, f 144 riferito dal Pontieri.
vedi Pellicano Castagna Storia dei feudi... vol II pag 333

= 24° marchese magnifico don Vittorio de Lupis Macrì (vedi/see) 1579 + dopo il 22 agosto 1579. Il magnifico Vittorio de' Lupis risulta vivente nel periodo 1571 - 1575

Documento 1 Grotteria, 13 dicembre 1577, notar Ferdinando Marando, f. 93r e v. in Sezione di Archivio di Stato di Locri (RC), b. 4, vol. 21.
Atto notarile rogato in Grotteria in data 13 dicembre 1577, in cui risulta testimone il magnifico Vittorio de Lupis.

Si trascrive di seguito l'elenco dei testimoni:
Magnifico Vittorio de Lupis
Magnifico Ioanne Paulo Naymo
Clerico Antonino Panetta
Magistro Mario Galluzzo
Magistro Ioanne Dominico Savarino
et me notario Ferdinando Marando.

Documento 2 Grotteria, 15 gennaio 1579, notar Ferdinando Marando, ff. 116v-117v. in Sezione di Archivio di Stato di Locri (RC), b. 4, vol. 21.
Atto notarile rogato in Grotteria in data 15 gennaio 1579, contenente i Capitoli Matrimoniali fra il magnifico Giovanni Garistina da Grotteria e la magnifica Castiglia de Lupis. La sposa è dotata dai fratelli magnifici Vittorio e Nicola Maria de Lupis.
Si trascrive un passo:

Testamur qualiet eodem preditto die in nostri presentia constitutis magnifico Ioanne Garistina predicte terre Agropterie, agente etc. ad infrascripta omnia singula pro se etc., ex parte una. Et magnificis Victorio et Nicolao Maria de Lupis fratribus utrinque coniunctis,eiusdem terre similiter agentibus etc. ad infrascripta omnia et singula pro se ipsis etc. ac nomine et pro parte magnifice Castiglie de Lupis eorum comunis sororis

Documento 3 Grotteria, 12 agosto 1579, notar Ferdinando Marando, f. 130r in Sezione di Archivio di Stato di Locri (RC), b. 4, vol. 21.
Atto notarile rogato in Grotteria in data 12 agosto 1579, in cui risulta testimone il magnifico Vittorio de Lupis.

Si trascrive di seguito l'elenco dei testimoni:
Magnifico UJD Dominico Spataro, magnifico Vittorio de Lupis, magnifico Ioanne Baptista Naymo, venerabile domino Alberico Striverio et me notario Ferdinando Marando.

Documento 4 Grotteria, 22 agosto 1579, notar Ferdinando Marando, 130v. in Sezione di Archivio di Stato di Locri (RC), b. 4, vol. 21.
Atto notarile rogato in Grotteria in data 22 agosto 1579, in cui risulta costiuito il magnifico Vittorio de Lupis.

Si trascrive un passo:
Testamur qualiter eodem preditto die constitutus in nostri presentia magnificus Cesar Chalauti Motte Sideronis et animo se protestandi et ius… in futurum conservandi vulgari eloquio asseruit et se protestatur extit come ipso requedi ali magnifici Vittorio de Lupis et Andrea Ferraro presenti etc. che li volessero pagari et consignari docati trecentoquarantare, tarì uno et grna deci…

Documento 5 Grotteria, 3 febbraio 1575, notar Ferdinando Marando, 130v. in Sezione di Archivio di Stato di Locri (RC), b. 4, vol. 21.
Atto notarile rogato in Grotteria in data 3 febbraio 1575, in cui risulta menzionato il nobile Vittorio de Lupis.


Si trascrive un passo:
… constitutis nobile Ioanne Baptista de Arena et donna Cipriana Paterno eius uxor… qualiter annis preteritis ipsi nobilis Ioannes Baptista et uxor alienaverunt et vendiderunt nobilibus Victorio de Lupis et Nicolao Angilletta

 

8.12. donna Caterina de' Lupis Correale Per atto notaio Marando di Grotteria del 31 dic 1578 fol. 115 r., il magnifico Vittorio Lupis dà in dote alla figlia Caterinella un fondo lungo il fiume Caturello in loco dicto Licofossi.

8.13. marchese don Giovanni Domenico de (Giandomenico de) Lupis Correale (dei baroni di Castania e Cuzzoghieri; Sindaco di Siderno nel 1627 e 1628) + Grotteria, RC, Italy, 1635. Sindaco di Siderno nel 1627 e 1628; vedi D. Romeo, da Sideroni a Siderno, Ardore Marina, 2005, pag 235

= Donna Vittoria dei conti Campaccio 1617 ultima della sua famiglia + dopo il 1617. Ultima della sua famiglia

8.14. 25° marchese don Paolino de Lupis Correale 2° barone di Castania e Cuzzoghieri * Grotteria, RC, Italy, 1600; + ca. 1660.

= [--?--]

 

9.16. fra Tommaso Lupis dei baroni di Castania e Cuzzoghieri priore dei Domenicani di Grotteria + Grotteria, RC, Italy, 1701.

9.17. 26° marchese notaio don Domenico III Lupis 3° barone di Castania e Cuzzoghieri; stipula in Grotteria 1683-85 * prima del 1658; + Grotteria, RC, Italy, dopo il 10 aprile 1695. Stipula in Grotteria 1658-86, ma era ancora vivo il 10 aprile 1695 in quanto citato come "presente" ad un atto in quella data del notaio Antonio Longo, in A.S.L, fondo notarile, busta 86, vol. 804, ff. 13v-14r, insieme ad un Giovanne Domenico Lupis e ad un "Gioseppe Lupis di anni ottanta in circa"

= donna Francesca dei baroni Cannatelli

 

10.19. don Simone Lupis dei baroni di Castania e Cuzzoghieri + Grotteria, RC, Italy, 1737.

10.20. sacerdote don Domenico Lupis dei baroni di Castania e Cuzzoghieri + Grotteria, RC, Italy, 1754.

 

9.18. don Aquilio Lupis eletto dei nobili di Siderno inseme al fratello? don Vittorio Lupis il 12 dicembre 1667 Eletto dei nobili di Siderno inseme al fratello don Vittorio Lupis il 12 dicembre 1667 ; vedi D. Romeo, da Sideroni a Siderno, Ardore Marina, 2005, pag 236

9.19. don Vittorio Lupis eletto dei nobili di Siderno inseme al fratello? don Aquilio Lupis il 12 dicembre 1667 Eletto dei nobili di Siderno inseme al fratello? don Aquilio Lupis il 12 dicembre 1667 ; vedi D. Romeo, da Sideroni a Siderno, Ardore Marina, 2005, pag 236

 

7.11. don Giovanbattista Correale degli antichi patrizi di Sorrento; capostipite dei Correale Santacroce + 1655; matrimonio Gerace, RC, Italy, 1653;

= donna Porzia Santacroce baronessa di Pirgo, Salvi e Melochia; unica figlia ed erede del feudatario Orazio

 

8.15. don domenico Correale Santacroce

8.16. barone don Giovanbattista Correale Santacoce eredita il titolo di Barone di Pirgo, Salvi e Melochia della madre e ne aggiunge il cognome * 1655;

= donna Caterina Marchese di famiglia messinese?; dei principi della Scaletta? Queste le notizie sui Marchese di Sicilia: Famiglia nobile antica oriunda di Lombardia; sotto i rè normanni passata in Sicilia per un Riccardo Marchese a' servigi del buon Guglielmo, mentre Raul suo fratello si stabili nella città di Napoli, ove i suoi posteri molto ricchi e magnificamente vissero. Intanto dal Mugnos apprendiamo che Alberico ed Ugone Marchese, capitani di Giorgio Maniace esarca di Sicilia l'anno 1000, furono i progenitori della famiglia Marchese di quest'isola, e da' quali derivato avesse il surriferito Riccardo, che fu poi castellano di Taormina. Il di lui figlio Saglimbene fu valente dottore, segretario e consultore de' rè Ludovico e Federico III, da cui i feudi di Malgini, Bimisini e Binisicari in compenso 1360-66 ottenne. Altro Saglimbene fu in molta stima presso rè Martino, signore della Scaletta 1399, ed un anno dopo straticoto di Messina; fu maestro razionale 1415, protonotaro del regno al 1422, e nel 1426 la potestà si ebbe di creare gli ufficiali della città di Messina. Ei succede ne' beni di Nicolo Patti suo zio; ottenne dal rè molti feudi e castelli. Un Giovanni fu vescovo di Patti 1494, ed un Carlo a' servigi militari di Carlo V imperatore 1535. Un Francesco Marchese, al dir del Villabianca, fu il primo principe della Scaletta 1614; linea che continuò e poi si estinse con D.a. Felice moglie di Giovanni Ventimiglia marchese di Gerace.
Vanta molti cavalieri gerosolimitani, tra gli altri fra' Giovanni 1439, fra Nicolo 1553 fra' Saglimbene 1569, fra' Giangiacomo 1582, fra' Marcello 1585, fra Placido 1614 e fra' Giuseppe 1622.
Arma: d'oro, con una fascia d'azzurro caricata da una stella ad otto raggi del primo. Corona di principe.

La famiglia Marchese di Palermo, dice Mugnos, pretende de discendere da un Carlo Marchese di Messina, uno de' figli del primo principe della Scaletta; quale Carlo ito in bando, esoso alla famiglia passò in Licata, e di là per carichi avuti in Palermo. Intanto vuolsi altra famiglia Marchese non meno nobile della prima esistita fosse in Palermo, proveniente da Napoli, congiunta per matrimoni coll'altra de' baroni della Scaletta.
Arma: d'azzurro, con un braccio armato impugnante una palma al naturale, sormontato da due stelle di oro.

 

9.20. don Marco dei baroni Correale Santacroce

9.21. barone don Pompeo Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia * 1706; + 10 settembre 1781; matrimonio donna Rosa Calauti ca. 1729.

= donna Rosa Calauti * 1710 e + dopo il 1743.

 

10.21. monsignor don Giovanbattista dei baroni Coreale Santacroce Vicario generale di Gerace * 1728; + 12 maggio 1799. Vicario Generale del Vescovo di Gerace e arciprete di Siderno nel 1795; fece completare l'altare maggiore della Chiesa di San Nicolavedi L. vento, op. cit., pag. 25 e 39 10.22.

10.22  donna Caterina dei baroni Correale Santacroce * 1730.

10.23. don Domenico dei baroni Correale Santacroce * 1733; + 1753.

10.24. donna Francesca dei baroni Correale Santacroce * 1737; + dopo il 1743.

10.25. barone don Francesco Antonio Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia, suffeudo confermato nel 1784 dal principe Giovanni VII Milano Franco d'Aragona * 1739; + 1817; vedi D. Romeo, da Sideroni a Siderno, Ardore Marina, 2055, pag. 168

La località Melochia venne concessa in suffeudo nel 1484 ad Agostino SantaCroce di Gerace, da Marino Correale, signore feudale di Siderno dal 1458 al 1496.
Il citato suffeudo, dopo che nel 1603 era ritornato in possesso dei feudatari Carafa, nel 1784 venne concesso nuovamente in suffeuo da Giovanni VII Maria Loreto Milano al barone Francesco Antonio Correale Santa Croce da Siderno, discendente di Agostino SantaCroce che lo possedeva nel Quattrocento
(vedi anche C. Marullo di Condojanni, Onofrio Correale etc., pag. 177 segg.)
Altre due località del territorio sidernese che risultavano concesse in suffeudo erano le contrade Salvi e Pirgo concesse sempre alla famiglia Santacroce.

= donna Carmela Amendola

 

11.30. donna Anna Rosa dei baroni Correale Santacroce

= dott. don Lorenzo Domenico Giuseppe Antonio Correale Medici (vedi sopra) * 15 giugno 1766.

 

11.31. donna Maria Teresa dei baroni Correale Santacroce

11.32. don Nicola dei baroni Correale Santacroce * 1771; + 1783.

11.33. don Carlo dei baroni Correale Santacroce * 1772; + 1783.

11.34. don Nicola Saverio dei baroni Correale Santacroce * 1776.

11.35. barone don Giovanbattista Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia * 1780; + 1878; matrimonio donna Maria Cecilia Barletta (Santacroce di Barletta) 1799.

= donna Maria Cecilia Barletta (Santacroce di Barletta) * 1777.

 

12.48. donna Maria Rosa dei baroni Correale Santacroce

= don Nicola Correale Medici e Santacroce avvocato e sindaco di Siderno nel 1859 e 1860 (vedi sopra)

12.49. don Giuseppe dei baroni Correale Santacroce

12.50. sacerdote don Michelangelo dei baroni Correale Santacroce arciprete di Siderno nel 1872

12.51. don Francesco Saverio dei baroni Correale Santacroce sindaco di Siderno nel 1843-1844 e 1847-1848 * 12 gennaio 1800; + 1882;

= nn Belcastro

 

13.69. donna Irene dei baroni Correale Santacroce

= don Francesco Macry

 

14.76. donna Giuseppina Macry Correale Santacroce

14.77. don Raffaele Macry Correale Santacroce

14.78. sacerdote don Domenico Macry Correale Santacroce poeta e letterato

14.79. don Francesco Saverio Macry Correale Santacroce poeta; letterato e scrittore

14.80. donna Michelina Macry Correale Santacroce

 

13.70. donna Filomena dei baroni Correale Santacroce

= don Francesco Calauti

13.71. don Raffaele dei baroni Correale Santacroce

13.72. donna Matilde dei baroni Correale Santacroce

13.73. sacerdote don Giovanbattista dei baroni Correale Santacroce * 1828.

 

12.52. barone don Domenico Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia * 1803; + 1886;

= donna Beatrice Pellicano Spina (vedi/see)

 

13.74. barone don Teodoro Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia * 1839;

= donna Rosa Attasio o Attanasio

 

14.81. barone don Domenico Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia; Cav. di Grazia e Dev. del S.M.O. di Malta; dott. in legge * Siderno, RC, Italy, 9 dicembre 1889; matrimonio donna Sabina Rognetta Reggio Calabria, Italia, Reggio Calabria, Italy, 23 dicembre 1918.

= donna Sabina Rognetta * Messina, Sicily, Italy, 5 luglio 1898.

 

15.59. donna Teresa dei baroni Correale Santacroce matrimonio Assisi, Umbria, Italy, 25 aprile 1949;

= don Francesco Alliata 14° Principe di Villafranca, 14° Duca di Salaparuta, principe del S.R.I. etc. * Palermo, Sicily, Italy, 17 novembre 1919. 14° Principe di Villafranca, 14° Duca di Salaparuta, Principe del S.R.I., Principe di Ucria, Principe di Montereale, 14° Principe di Buccheri, 12° Principe di Castrorao, Principe di Trecastagne, Principe di Valguarnera, Principe di Gravina, Duca di Saponara, Marchese di S. Lucia, Barone dei Sollazzi di Salomone, Barone di Mastra, Barone di Pedara, Barone di Consorto, Barone di Santa Domenica, Barone di Bozzetta, Signore di Mirii, Signore di Gurafi Occidentale, Signore di Mangiavacca, Signore di Morbano, Signore di 40 onze sui porti e marine del Regno di Sicilia, Signore di Ucria, Castrorao, Signore di Trecastagne, Signore di Villafranca, Signore di Raja, Signore di Castro Engii, Signore di Manchi, Signore di Caropipi Valguarnera, Signore di Assoro, Signore di Gangi, Signore di Rosetti ed Erbebianche, Signore del mercato del Fegotto, Signore di Antesinella, Canali e Mandra del Piano, Signore di Albavuso, Signore di Fiume di Mendola e Collotorto e Grande di Spagna di prima classe dal 1929; Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta, Cavaliere di Giustizia dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio e Cavaliere dell'Ordine di San Gennaro.            

 

16.63. principessa donna Vittoria Alliata dei principi di Villafranca, duchi di Salaparuta etc. * Geneva, Geneva, Switzerland, 23 gennaio 1950; matrimonio Alberto Giuseppe Brugnoni Malta, Malta, 2 giugno 1988.

= Alberto Giuseppe Brugnoni            

 

15.60. donna Maria dei baroni Correale Santacroce dott.ssa in Lettere * Reggio Calabria, Italia; matrimonio dott. Giovanni Macrì Reggio Calabria 7 giugno 1947.

= dott. Giovanni Macrì

15.61. donna Rosaria dei baroni Correale Santacroce dott.ssa in legge * Reggio Calabria, Italia, Reggio Calabria, Italy, 5 ottobre 1919; + Palermo, Sicily, Italy, 7 febbraio 1988; matrimonio don Giuseppe Alliata 13° Principe di Villafranca, 13° Duca di Salaparuta, Principe del S.R.I. Reggio Calabria, Italia, 29 luglio 1946.

= don Giuseppe Alliata 13° Principe di Villafranca, 13° Duca di Salaparuta, Principe del S.R.I. * Palermo, Sicily, Italy, 18 novembre 1915 e + Palermo 25 aprile 1979. 13° Principe di Villafranca, 13° Duca di Salaparuta, Principe del S.R.I., Principe di Ucria, Principe di Montereale, 13° Principe di Buccheri, 11° Principe di Castrorao, Principe di Trecastagne, Principe di Valguarnera, Principe di Gravina, Duca di Saponara, Marchese di S. Lucia, Barone dei Sollazzi di Salomone, Barone di Mastra, Barone di Pedara, Barone di Consorto, Barone di Santa Domenica, Barone di Bozzetta, Signore di Mirii, Signore di Gurafi Occidentale, Signore di Mangiavacca, Signore di Morbano, Signore di 40 onze sui porti e marine del Regno di Sicilia, Signore di Ucria, Castrorao, Signore di Trecastagne, Signore di Villafranca, Signore di Raja, Signore di Castro Engii, Signore di Manchi, Signore di Caropipi Valguarnera, Signore di Assoro, Signore di Gangi, Signore di Rosetti ed Erbebianche, Signore del mercato del Fegotto, Signore di Antesinella, Canali e Mandra del Piano, Signore di Albavuso, Signore di Fiume di Mendola e Collotorto e Grande di Spagna di prima classe dal 1929; Cavaliere d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta, Cavaliere di Giustizia dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio e Cavaliere dell'Ordine di San Gennaro.

 

15.62. barone don Teodoro Correale Santacroce barone di Pirgo, Salvi e Melochia; cav. di Grazia Dev. del S.M.O, di Malta; dott. in chimica * Reggio Calabria, Italia, 7 luglio 1927.            

 

14.82. don Pietro dei baroni Correale Santacroce dott. in Legge; ten. colonn. di complemento * Siderno, RC, Italy, 27 aprile 1893.

14.83. donna Giovanna dei baroni Correale Santacroce * Siderno, RC, Italy, 25 luglio 1897.

 

10.26. don Nicola dei baroni Correale Santacroce * 1748; + 1762.

 

9.22. don Giuseppe Antonio dei baroni Correale Santacroce * 1713.

 

ex 2°) 6.7. don Girolamo Correale + dopo il 1616; matrimonio donna Laura Spanò 1616.

= donna Laura Spanò

 

7.12. don Giovanni Battista Correale

= donna Porzia Lemmo

 

8.17. donna Virginia Correale

= Michele A. Zino

 

ex 2°) 6.8. don Giovanni Domenico Correale nel 1649 fonda a Siderno il sepolcreto di Famiglia nella chiesa del SS. Rosario + 1653; matrimonio donna Potenziana Spanò 1614.

= donna Potenziana Spanò

ex 1°) 6.9. donna Diana Correale degli antichi patrizi di Sorrento

ex 1°) 6.10. Mons. don Giovanbattista Correale vescovo di Nicastro dall 1632 al 1635; degli antichi patrizi di Sorrento + dopo il 1635. Nel 1613 viveva a Siderno nella sua casa sita nel distretto della Parrocchia della Santissima Annunziata (vedi ASL, notaio G. F. Calautti, anno 1613, busta 34)

 

5.6. don Giovanni Alfonso Correale arciprete di Siderno nel 1598; vivente a Siderno nel 1557 * prima del 1557; + dopo il 1598. vedi M. Macrì, Memorie istorico ... aggiuntavi la Sidernografia, pag. 320

 

2.2. don Nicola Correale patrizio di Sorrento + dopo il 1469.

Nel 1445 con il figlio Gabriele ottiene da re Alfonso il Magnanimo una rendita di venti onze di carlini d'argento sui fiscali di Massa Lubrense
vedi Storia di Massa Lubrense, di Riccardo Filangeri di Candida Gonzaga, vol. III, pag. 179.
citato da Marullo di Condojanni, Onofrio Correale etc., Tav. gen.IV

= [--?--]

 

3.2. donna Ligarella Correale

= don Mazzeo Mastrogiudice

3.3. donna Maria Correale

= don Alfonso Centelles

3.4. don Gabriele Correale duca di Sorrento (sua patria) e di Vico, signore di Castellammare; paggio di Camera e Cavallerizzo di re Alfonso; + Napoi, Italy. paggio e cavallerizzo di corte di re Alfonso dAragona che gli donò il feudo di Vico, Massa, Castellammare di Stabia, marchese di Gerace, morto giovanissimo alletà di ventanni, seppellito nella chiesa di Monteoliveto (SantAnna dei Lombardi) in Napoli

3.5. Raimondo Correale conte di Cinquefrondi per cessione del fratello Marino nel 1469 + 8 aprile 1505. Per la cessione di Cinquefrondi del fratello MArino, vedi Pellicano Castagna, "Storia dei Feudi etc." Vol III pag 143

= Ippolita Caracciolo (vedi/see)

 

4.2. Consalvo Ferdinando (Ferrante) Correale barone di Cinquefrondi l'8 aprile 1505

= [--?--]

 

5.7. donna Beatrice Correale

5.8. donna Porzia Correale citata nel cedolario 81 pag 674

5.9. Marino junior Correale barone di Cinquefrondi; nel 1548 vende Cinquefrondi ai Giffone; cedolario 81 pag. 674 + dopo il 1548;

= donna Giulia Siscar o Siscara dei baroni del suffeudo di Tarsia presso Castelvetere; dei conti di Ajello (vedi/see)

 

3.6. Count Marino of Correale-Terranova (da Sorrento conte di Terranova), Grotteria, Cinquefrondi, San Giorgio, Melicucco etc il 1 gennaio 1458 + 1501. Essendo morto senza figli lasciò erede la moglie e dopo la morte di lei divenne erede Mazzeo Mastrogiudice, suo nipote, fgilio della sorella Ligarella
vedi Marullo di Condojanni, Onofrio Correale etc, Tav. gen. IV

= Principessa Covella Ruffo


 

FONTI:

 

            INEDITE. Albero genealogico della casa Correale basato  documenti dell’archivio Correale Medici Santacroce in Siderno (RC), per il quale si ringrazia l’amico studioso avv.to Mimmo Romeo

 

            EDITE: - V. de Angelis, Brancaleone tra Cronaca e Storia, Catanzaro, 1998, pag 111

-         C. Marullo di Condojanni,  Onofrio Correale, gentiluomo sorrentino del '500 e la sua famiglia : memorie e documenti, Messina, 1958  Con prefazione di M. Pellicano Castagna

-         D. Romeo, da Sideroni a Siderno, Ardore Marina, 2005

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

bullet
Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
bullet
Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
bullet

(Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

bullet

info@genmarenostrum.com