CAETANI

 

 

 

Giacomo Caetani (o Gaetani) dell’Aquila (* 1338 ca. + fine 1-1423), Signore di Anagni il 21-9-1358, Signore di Spigno e condomino in Sermoneta, Bassiano, San Felice e ½ di Ninfa assieme al fratello Nicola (c onfiscato dal Papa il 22-11-1378), Signore di Roccarainola, Ailano, Santo Padre e Pulcherini 4-12-381/22-5-1382 (confermato dal Re di Napoli il 24-10 e 15-10-1382), investito di Piedimonte e della quarta parte di Casal Pineto l’8-9-1383, confiscato dei feudi napoletani nel 1384 ma viene graziato il 17-4-1387, investito e confermato di Roccamandolfi, Busso e di parte di San Massimo (già donate il 10-8-1384 dal fratello), investito dei castelli e terre di Sermoneta, Bassiano, Ninfa e Norma dal Papa il 13-2-1401 (feudi che saranno poi sempre della famiglia); ottiene i castelli di San Felice, Trevi, Zanneto e ½ di Sonnino il 10-1-1410 dal Papa e il 18-12-1411 ottiene il castello di Acquapuzza (confiscata dal Re di Napoli il 14-7-1413); nel 1418/1420 cede parte dei feudi napoletani al figlio Cristoforo; Nobile Romano. Sposa nel 1360 ca. Sveva Sanseverino Signora di Piedimonte, figlia di Roberto Conte di Marsico e di Giacoma del Bosc (+ testamento: 25-10-1425) (vedi/see), già vedova di Enrico della Leonessa.

 

 

A1. Iacobello (* 1360 ca. + ante [22-6-] 1408)

       = ante 1390 Roasia (Rogasia) d’Eboli, figlia ed erede di Pietro Signore di Macchia, Monteroduni, Montaquila

          (+ 1432), già vedova di Tommaso da Marzano Conte di Alife.

 

       B1. Ruggero (* 1390 ca. + assassinato dallo zio Cristoforo, ante 27-II del 1435/1436), Gran Camerlengo del Regno di

              Napoli dal 1420, Consignore di Sermoneta con il fratello Giacomo ma cede ogni diritto al nipote il 15-1-1426,

              Signore di Traetto.

              = (fidanzamento: Roma 6-1408) Francesca Conti, figlia di Ildebrandino Signore di Valmontone e Nobile Romano

 

             C1. (Naturale, da donna coniugata, legittimati dal Papa Martino V il 23-12-1423) Antonello (* ante 1420 + post

                    1434), Signore di Spigno per cessione paterna il 20-6-1434, milite.

                    = Nardella Capostrofa

 

                    D1. Giovannella (* 1445/1446 + ?)

 

             C2. (Idem) Onorato (+ post 1423).

             C3. (Ibidem) Giovanni (+ post 1423).

             C4. (Ibidem) Sveva

                    = 1432 Giacomo Orsini 2° Duca di Gravina (vedi/see)

             C5. (Ibidem) Cristoforo (+ post 1431), Chierico di Gaeta.

 

       B2. Sveva (* ante 1404 + post 1-10-1455), ebbe in dote la terra di Giuliano.

              = ante 1411 Lorenzo Colonna Conte d’Alba (vedi/see)

       B3. Giacomo (* ca. 1390 + 1433), Signore di Sermoneta, Bassiano, Ninfa e Norma, nel 1420 occupa il castello di

              Cisterna (perduto dai discendenti), Vicerè dell’Abruzzo dal 21-7-1421, Consignore di Trevi dal 21-3-1424.

a)      = ante 9-1418 (matrimonio rinnovato il 12-9-1420) Giovannella Orsini, figlia di Pirro Conte di Nola (* 1400 ca.

         + 1425/1426) (vedi/see)

b)      = ante 1432 Angela Orsini, figlia di Giacomo Conte di Tagliacozzo (vedi/see)

 

C1. (ex 1°) Iacobella (* 1419 ca. + ante 1426).

C2. (ex 1°) Onorato (* 1421 ca. + [ca. 1-] 1479), Signore di Sermoneta, Bassiano, Ninfa e Norma dal 1433,

       Patrizio Napoletano; perde Acquapuzza varie volte a partire dal 1444, Protonotario e Logoteta del Regno di

       Napoli dal 18-6-1461 (carica concessa dagli Angioini e poi tolta dagli Aragonesi), acquista definitivamente

       Cisterna il 10/12-1464; condottiero.

       = 2-1437 Caterina Orsini, figlia di Francesco Conte e Duca di Gravina e di Maria Scillato Signora di

          Ceppaloni (* ca. 1420 + post 9-1-1509) (vedi/see)

 

       D1. Nicola (* 1440 ca. + avvelenato, Sermoneta 26-7-1494), Signore di Sermoneta, Bassiano, Ninfa, Norma,

              Cisterna e San Donato dal 1479, Patrizio Napoletano; investito dal Re di Napoli dei feudi di Macchia e

              Monteroduni nel 1464, condottiero.

              = ante 1478 Eleonora Orsini, figlia di Napoleone 7° Conte di Tagliacozzo e Alba e Signore di Bracciano

                 (+ post 1499) (vedi/see)

 

              E1. Bernardino Maria (+ trucidato per ordine di Cesare Borgia, Sermoneta fine 5-1500), Signore di

                    Sermoneta, Bassiano, Ninfa, Norma, Cisterna, San Donato e Patrizio Napoletano, associato allo zio

                    Guglielmo.

              E2. Roasa (Rogasia) (* ante 1494 + post 1511), monaca clarissa “suor Antonia” nel monastero dei SS.

                    Cosma e Damiato.

 

       D2. Giacomo (* 25-12-1449 + avvelenato dai Borgia, Roma 9-7-1500), Patrizio Napoletano, Protonotario

              Apostolico ante 10-2-1476, Tesoriere di Bologna il 20-8-1477, ricompra Cisterna che aveva ceduta per

              garanzia di un prestito il 2-10-1494.

       D3. Guglielmo (* post 1462 ? + 12-1519), Signore di Sermoneta, Bassiano, Ninfa, Norma, Cisterna e San

              Donato in condominio con il fratello; Patrizio Napoletano; possedeva anche Tivera e San Felice (vedienduti il

             12-2-1500); i suoi feudi vennero confiscati dai Borgia e li riebbe nel 1512 assieme al titolo di 2° Duca di

              Sermoneta.

              = (Capitoli matrimoniali: 18-12-1487) 10-1-1490 Francesca Conti, figlia di Bruno Conti, Nobile Romano,

                 e di Vannola Conti (dei Signori dell’Anguillara ?) (* post 1467 + 1550).

 

              E1. Girolamo (+ ca. 1499), Patrizio Napoletano.

              E2. Don Camillo (* 1494 ? + Sermoneta 7-10-1550), 3° Duca di Sermoneta, Signore di Bassiano, Ninfa,

                    Norma, Cisterna e San Donato e Patrizio Napoletano dal 1519.

a)      = 1-1513/2-1514 Beatrice Gaetani dell’Aquila d’Aragona (+ ante 1523) (vedi/see)

b)      = 27-12-1523 Flaminia Savelli, figlia di Troilo dei Signori di Palombara (+ di idropisia 1556) (vedi/see)

 

F1. (ex 1°) Don Bonifazio I (* 1516 ca. + 1-3-1574), 4° Duca di Sermoneta, Signore di Bassiano,

      Ninfa, Norma, Cisterna e San Donato dal 1550 e Patrizio Napoletano, Generale comandante delle

      milizie del Papa Paolo IV dal 27-4-1557.

a)      = 1540 Caterina Pio di Savoia, figlia di Alberto III Signore di Carpi e Conte di Meldola e

         Sarsina e di Cecilia Orsini (* 1518 + 14-3-1557) (vedi/see)

b)      = post 1557 Costanza Gaddi, figlia del Conte Palatino Luigi Gaddi e sorella del  Marchese di

         Riano (vedi/see)

 

G1. (ex 1°) Don Onorato IV (* 1542 + 9-11-1592), 5° Duca di Sermoneta (titolo confermato

       dal Papa con Bolla del 23-10-1583, di fatto è il primo Duca di Sermoneta della casata),

       Signore di Bassiano, Ninfa, Norma, Cisterna e San Donato dal 1574 e Patrizio Napoletano;

       1° Marchese di Cisterna, Capitano Generale della fanteria pontificia a Lepanto, Capitano

       Generale delle guardiue e Governatore di Borgo dal 1572 (ma rinuncia), Cavaliere dell’Ordine

       del Toson d’Oro.

       = (contratto: 26-7-1558) 1560 Donna Agnese Colonna, figlia di Don Ascanio Duca di

          Paliano e di Giovanna d’Aragona dei Duchi di Montalto (* 1538 + Roma 26-4-1578) (vedi/see)

 

       H1. Don Pietro III (* 1562 ca. + 12-8-1614), 6° Duca di Sermoneta, 2° Marchese di

              Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato dal 1592 e Patrizio

              Napoletano; serve nell’esercito spagnolo in Fiandra, Prefetto Generale della cavalleria

              pontificia in Francia 3-5-1591 (esonerato 7-1591), Cavaliere dell’Ordine del Toson

              d’Oro il 10-1-1600.

              = fine 6-1593 Donna Felice Maria Orsini, figlia di Don Ferdinando II Duca di Gravina

                 e di Donna Costanza Gesualdo dei Principi di Venosa (+ Napoli 2-2-1647) (vedi/see)

       H2. Don Filippo I (* 1565 + Roma 20-12-1614), 7° Duca di Sermoneta, 3° Marchese di

              Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato dal 12-8 al 20-12-1614 e

              Patrizio Napoletano; da giovane fu ecclesiastico ma rinunciò alla carriera; Cavaliere

              dell’Ordine di San Jago ante 1591, Governatore della Basilicata ante 1609, Governatore

              di Capitanata e Molise 1-1609/1-1611, Vicerè di Salerno e delle Puglie nel 1611.

              = 1-6-1593 Donna Camilla Gaetani dell’Aquila d’Aragona, figlia di Don Luigi 4° Duca di

                 Traetto e di Cornelia Carafa dei Signori di Montaluni (* Napoli 1578 + 31-7-1627)

                 (vedi/see)

 

              I1. Don Francesco IV (* Napoli 11-3-1594 + Roma 9-10-1683), 8° Duca di

                   Sermoneta, 4° Marchese di Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San

                   Donato dal 1614 e Patrizio Napoletano; Gentiluomo di Camera del Re di Spagna

                   Filippo IV, compera (7-1641) il ducato di San Marco (confermato Duca 1-8-1641)

                   Cavaliere dell’Ordine del Toson d’Oro dal 27-12-1659, Vicerè di Valenza nel 1660,

                   rinuncia al ducato di Sermoneta in favore del nipote Gaetano Francesco nel 1660 (?),

                   Vicerè e Governatore del Ducato di Milano 3-1660/9-1662, Vicerè del Regno di

                   Sicilia 24-9-1662/9-4-1667.

a)      = (contratto: 23-6-1618) Caserta 3-12-1618 Donna Anna Acquaviva d’Aragona

         3° Principessa di Caserta dal 1635, figlia ed erede del Principe Don Andrea

         Matteo e di Isabella Caracciolo dei Conti di Sant’Angelo (* 1596 + Ariccia

         16-9-1659) (vedi/see)

b)      = 1661 (?) dona Leonor Mencia Pimentel Moscosa y Toledo, figlia di don

         Antonio Marchese di Navarra e ministro del Re Filippo IV di Spagna (* 22-10-

         1613 + in Spagna 14-1-1685).

 

J1. (ex 1°) Don Filippo II (* Caserta 29-5-1620 + Sermonta 4-12-1687), ebbe

      Caivano dalla madre il 6-6-1638, Principe di Caserta dal 1659; Patrizio

      Napoletano.

a)      = 1-4-1642 Donna Cornelia d’Aquino 3° Principessa di Castiglione e

          Contessa di Nicastro, figlia del Principe Don Cesare e di Donna Laura

          d’Aquino Principessa di Castiglione (* Nicastro 18-11-1629 + Roma

          15-8-1644) (vedi/see)

b)      = 1646 Donna Francesca de’ Medici, figlia di Don Ottaviano Principe di

         Ottaiano e di Donna Diana Caracciolo dei Principi di Avellino (vedi/see)

c)      = Palermo 9-1652 Donna Topazia Gaetani, figlia di Don Pietro Marchese di

         Sortino e Principe di Cassaro e di Antonia Saccano Naselli (* 30-5-1620

         + Cisterna 8-10-1672) (vedi/see), già vedova di Don Giovanni Francesco Fardella

         Principe di Paceco.

 

K1. (ex 1°) N.N. (nata morta a Roma il 15-8-1644).

K2. (ex 3°) Donna Anna Celeste (* 10-1653 + 12-7-1712), monaca nella

       Congregazione di Santa Francesca Romana in Tor de’ Specchi dal 1664.

K3. (ex 3°) Donna Camilla (* 1654/1655 + post 13-3-1736), la sua posizione è

       incerta, forse era nata nel 1657 e aveva una sorella omonima nata nel 1655 e

       morta infante; monaca nella Congregazione di Santa Francesca Romana in Tor

       de’ Specchi dal 23-1-1687.

K4. (ex 3°) Don Gaetano Francesco (* Palermo 6-3-1656 + Caserta 5-0-

      1716), 9°  Duca di Sermoneta, Duca di San Marco, 5° Marchese di Cisterna,

       Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato dal 1660 alla rinuncia

       dell’avo, Patrizio Napoletano, poi Principe di Caserta dal 1687, Grande di

       Spagna di prima classe, subisce la confisca dei beni dal 25-9-1702 al 3-1710;

       rinuncia ai feudi e ai titoli il 7-10-1711 a favore del figlio Michelangelo.

a)      = 20-1-1680 o 1681 Donna Costanza Barberini, figlia di Don Maffeo

         4° Principe di Palestrina e di Donna Olimpia Giustiniani dei Principi di

         Bassano (* battezzata 7-4-1657 + Sermoneta 12-12-1687) (vedi/see)

b)      = Vienna 1707 Maria Carlotta Costanza Contessa von Rappach (+ post

         1716).

 

L1. (ex 1°) Don Michelangelo I (* Roma 8-5-1685 + di polmonite,

      Cisterna 21-12-1759), 10° Duca di Sermoneta, 6° Marchese

      di Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato, Patrizio

      Napoletano e Grande di Spagna di prima classe dal 1711, il 29-8-1750

      vende il principato di Caserta e il ducato di San Marco per debiti e ottiene

      il principato di Teano; Ciambellano imperiale d’esercizio dal 1702,

      Cameriere d’Onore dell’Imperatore Leopoldo I e Cavaliere della Chiave

      d’Oro dal 1703, il 24-5-1746 rinuncia ai suoi beni nel territorio pontificio

      in favore del figlio primogenito.

a)      = 1707 Anna Maria, figlia del Marchese Giovanni Battista Strozzi

         e di Donna Ottavia Majorca Renzi dei Principi di Forano (* 4-11-

         1686 + Cisterna 15-4-1727) (vedi/see)

b)      = 14-2-1731 Donna Elena Francesca Albani, figlia di Don Carlo

          Principi di Soriano e di Donna Teresa Borromeo dei Conti d’Arona

          (* 1-8-1716 + di parto, Roma 29-4-1732) (vedi/see)

c)      = 10-5-1737 Carlotta Ondedei, figlia del Conte Zongo e di Teresa

          Cima, Nobile di Rimini (* Pesaro 30-4-1723 + Roma 16-1-1752).

 

M1. (ex 1°) Don Filippo (* 4-1711 + 5-3-1712), Patrizio Napoletano.

M2. (ex 1°) Donna Costanza (* ante 1717 + 15-9-1797)

        = Riccia 18-12-1733 Don Bartolomeo V di Capua 4° Principe della

           Riccia (vedi/see)

M3. (ex 2°) Don Francesco (* 29-4-1732 + subito), Patrizio

        Napoletano.

M4.  (ex 3°) Don Francesco V (* Roma 17-4-1738 + 24-8-1810),

        11° Duca di Sermoneta, 2° Principe di Teano, 7° Marchese

        di Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato,

        e Grande di Spagna di prima classe dal 1759, Patrizio Napoletano;

        Cavaliere dell’Ordine di San Gennaro il 9-11-1777, Senatore di

        Roma.

a)      = 6-11-1757 Donna Teresa Corsini, figlia di Don Filippo

         Principe di Sismano e di Donna Ottavia Strozzi Majorca Renzi

         dei Principi di Forano (* 3-9-1733 + di polmonite 3-4-1779)

         (vedi/see)

b)      = (matrimonio diseguale) Roma 23-6-1779 Anna Maria Meucci

                 (+ 1817).

 

       N1. (ex 1°) Don Filippo (* 18-11-1758 + Firenze 27-11-1807),

              Patrizio Napoletano.

a)      = 1-5-1779 Donna Elena Albani, figlia di Don Orazio 2°

         Principe di Soriano e della Principessa Maria Anna

         Matilde Cybo Malaspina Principessa di Massa e Carrara

          (+ 29-4-1784) (vedi/see)

b)      = 1787 Principessa Donna Eleonora Chigi della Rovere,

          figlia del Principe Don Sigismondo e della Principessa

          Donna Flaminia Odescalchi dei Duchi di Bracciano

          (* 15-7-1768 + Firenze 29-7-1839) (vedi/see)

 

O1. (ex 1°) Donna Maria Teresa (* 7-6-1781 + 29-7-1783).

O2. (ex 2°) Don Guglielmo Maria (+ a 16 mesi), Patrizio

       Napoletano.

O3. (ex 2°) Don Luigi Maria (+ a 13 mesi), Patrizio

       Napoletano.

O4. (ex 2°) Don Michele Maria (+ a 22 mesi), Patrizio

       Napoletano.

 

       N2. (ex 1°) Don Guglielmo (+ 26-7-1762), Patrizio Napoletano.

       N3. (ex 1°) Don Luigi (+ 6-2-1765), Patrizio Napoletano.

       N4. (ex 1°) Una figlia (nata morta 1-12-1765).

       N5. (ex 1°) Don Michelangelo (+ 28-12-1769), Patrizio

              Napoletano.

       N6. (ex 2°) Don Enrico (* 11-3-1780 + 21-10-1850), 12° Duca

              di Sermoneta, 3° Principe di Teano, 8° Marchese di Cisterna,

              Signore di Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato e Grande di

Spagna di prima classe dal 1810 e Patrizio Napoletano.

a)      = (matrimonio diseguale) 24-4-1800 Teresa de Rossi

         (* 10-9-1781 + 8-4-1842);

b)      = (matrimonio diseguale) 20-11-1842 Luisa Muti (* 31-1-

         [1822] + 21-6-1904).

 

O1. (ex 1°) Donna Erminia (* 1802 + 30-12-1841)

       = 1827 Marchese Francesco Amati, nipote del Cardinale

           Spina

O2. (ex 1°) Don Michelangelo (* Roma 20-3-1804 + ivi

       12-3-1882), 13° Duca di Sermoneta, 4° Principe di Teano,

        9° Marchese di Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa,

        Norma e San Donato e Grande di Spagna di prima classe

        dal 1850, Nobile Romano (aggregato con Senatus

        Consulto del 1854), Patrizio Napoletano; Comandante del

        corpo dei Vigili di Roma 1-12-1833/1863, Ministro della

        polizia del Governo Bofondi 12-2/20-3-1848, Presidente

        della Giunta di Governo a Roma 22-9-1870, Presidente

        del comitato per il plebiscito il 28-9-1870, Cavaliere

        dell’Ordine Supremo della SS. Annunziata il 2-10-1870,

        Deputato al parlamento italiano 1870/1874; esponente del

        liberalismo italiano.

a)      = Roma 29-1-1840 Callista Contessa Rzewuska, figlia

         del Conte Venceslao e di Rosalia Alessandrina

         Costanza Teresa Principessa Lubomirska (* Opole

         15-8-1818 + di etisia, Roma 20-7-1842);

b)      = 11-12-1854 Margaret Knight, figlia di John Knight,

         Esquire of Simonsbath (* 4-6-1810 + 19-10-1872);

c)      = Firenze 27-5-1875 Onorevole Harriet Ellis, figlia di

         Charles Ellis 6° Lord Howard of Walden e 2° Barone

         Seaford e di Lady Lucy Cavendish dei Duchi di

         Portland (* 3-9-1831 + 15-4-1906).

 

P1. (ex 1°) Donna Ersilia (* 12-10-1840 + Roma 22-12-

      1925), Nobile Romana.

       = 31-1-1859 Conte Giacomo Lovatelli (+ 20-8-1879).

P2. (ex 1°) Un figlio (gemello della precedente, nato morto

      12-10-1840).

P3. (ex 1°) Don Onorato (* Roma 18-1-1842 + ivi 2-9-

      1917), 14° Duca di Sermoneta, 5° Principe di Teano,

      10° Marchese di Cisterna, Signore di Bassiano, Ninfa,

      Norma e San Donato, Nobile Romano Coscritto,

      Patrizio Napoletano e Nobile di Velletri titoli riconosciuti

      con Decreto Ministeriale del 10-12-1903; Grande di

      Spagna di prima classe.

      = Londra 11-7-1867 Lady Ada Bootle-Wilbraham,

         figlia dell’Onorevole Charles dei Conti di Lathom e

         di Emily Ramsbottom dei Lords Sklemersdale

         (* Londra 14-7-1846 + Roma 16-8-1934).

 

      Q1. Don Leone (* Roma 12-9-1869 + Vancouver

             25-12-1935), 15° Duca di Sermoneta, 6° Principe

             di Teano, 11° Marchese di Cisterna, Signore di

             Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato, Nobile

             Romano Coscritto, Nobile di Velletri, Patrizio 

             Napoletano e Grande di Spagna di prima classe.

             Dopo la separazione della moglie andò a vivere in

             Canada, dove sembra che abbia avuto un figlio

             illegittimo.

             = Roma 20-6-1901 Donna Vittoria Colonna, figlia

di Don Marcantonio Principe di Paliano e di

Donna Teresa Caracciolo Duchessa di San

Teodoro (* Londra 29-11-1880 + ivi

                17-11-1954) (vedi/see), separati.

 

             R1. Don Onorato (* Roma 24-4-1902 + ivi 21-

                   12-1946), 16° Duca di Sermoneta, 7° Principe

                   di Teano, 12° Marchese di Cisterna, Signore di

                   Bassiano, Ninfa, Norma e San Donato, Nobile

                   Romano Coscritto, Nobile di Velletri, Patrizio

                   Napoletano e Grande di Spagna di prima classe

 

      Q2. Don Roffredo (* Roma 13-10-1871 + ivi 11-4-

             1961), 1° Principe di Bassiano (confermato del

             cognome Caetani e del predicato di “Don” e

             Donna” con Regio Decreto del 20-7-1943; 17°

             Duca di Sermoneta, 8° Principe di Teano, 13°

             Marchese di Cisterna, Signore di Ninfa, Norma e

             San Donato, Nobile Romano Coscritto e Grande

             di Spagna di prima classe dal 1946; Nobile di

             Velletri e Patrizio Napoletano.

             = Londra 30-10-1911 Marguerite Chapin (* New

                York 24-6-1882 + Roma 17-12-1963).

 

             R1. Donna Lelia (* Parigi 4-10-1913 + 11-1-

                   1977), Principessa di Teano dal 1946; 18°

                   Duchessa di Sermoneta, 2° Principessa di

                   Bassiano, 14° Marchesa di Cisterna, Signora 

                   di Ninfa, Norma e San Donato dal 1961,

                   Nobile Romana e Nobile di Velletri.

                   = Tatoun 25-9-1951 Onorevole Hubert

                      Howard dei Lords Howard of Penrith

                      (* Washington 23-12-1907 + post 1983).

             R2. Don Camillo Gelasio (* Firenze 23-10-1915

                   + cade in azione in Albania 14-12-1940),

                    Nobile Romano, Nobile di Velletri e Patrizio

                    Napoletano.

     

      Q3. Don Livio (* Roma 9-10-1873 + 1915), Nobile

             Romano, Nobile di Velletri e Patrizio Napoletano.

      Q4. Donna Giovannella (* Rimini 24-9-1875 + 10-5-

             1971), Nobile Romana e Nobile di Velletri.

             = Roma 18-2-1900 Barone Alberic Grenier

                (* 17-4-1865 + Roma 1-6-1920).

      Q5. Don Gelasio (* Roma 7-3-1877 + ivi 23-10-

             1934), Nobile Romano, Nobile di Velletri e Patrizio

             Napoletano; celebre genealogista.

      Q6. Don Michelangelo (* Londra 8-8-1890 + Roma

             23-5-1941), Nobile Romano, Nobile di Velletri e

             Patrizio Napoletano.

             = Firenze 31-5-1920 Cora Maria Antinori Patrizia

                di Firenze, figlia del Marchese Piero Antinori,

                Patrizio di Firenze, e di Natalia Fabbri (* Firenze

                27-2-1896 + Montreux 10-1-1974).

 

            R1. Donna Topazia (* Parigi 5-12-1921 + in

                  Svizzera 1990), Nobile Romana e Nobile di

                  Velletri.

                  = Vevey 1946 Igor Markevitch, celebre

                     direttore d’orchestra e compositore (* Kiev

                      27-7-1912 + Antibes 7-3-1983), divorzia nel

                     1982.

 

O3. (ex 1°) Don Filippo (* Roma 26-5-1805 + Civitavecchia

       20-5-1864), Nobile Romano e Patrizio Napoletano,

       Cavaliere del Sovrano Militare Ordine di Malta, Abate

       commendatario dei SS. Pietro e Stefano di Valvisciolo,

       Cavaliere dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro dal

       18-11-1831, nel 1840 rinuncia alle cariche ecclesiastiche e

       il 18-10-1845 fonda la commenda Caetani dell’Ordine di

       Malta.

O4. (ex 1°) Donna Enrichetta (* 7-11-1807 + ?), Nobile

       Romana, monaca “suor Maria Placida” nel monastero

       salesiano del Palatino a Roma.

O5. (ex 1°) Donna Eleonora (+ a 12 anni).

O6. (ex 1°) Donna Emilia (* 8-7-1811 + 28-8-1885), Nobile

       Romana.

       = 6-1831 il Marchese Gaetano Longhi (* Roma 14-3-

          1809 + 14-10-1862).

O7. (ex 1°) Don Enrico (* 1814 + 25-4-1836), Patrizio

       Napoletano.

 

       N7. (ex 2°) Donna Maria Camilla (+ 31-7-1782).

       N8. (ex 2°) Donna Maria Eleonora (+ 13-2-1784).

       N9. (ex 2°) Donna Faustina (* Roma 30-12-1785 + 1832)

              = (matrimonio diseguale) 4-1803 Domenico Di Pietro, figlio di

                 un intendente arricchito del padre

       N10. (ex 2°) Don Bonifacio (* 19-8-1789 + 22-8-1857), Nobile

                Romano e Patrizio Napoletano, Marchese Laval della Fargna.

                = 1-12-1822 Luisa Laval della Fargna, figlia ed erede del

                   Marchese Giuseppe, dei Duchi di Montmorency, e della

                   Contessa Maddalena Baglioni (* Roma 20-3-1792 +

                  17-1-1856).

 

                O1. Don Francesco (* Roma 21-4-1824 + Firenze 14-3-

                       1906), 2° Marchese Laval della Fargna, Nobile Romano

                       e Patrizio Napoletano dal 1857.

                       = Siena 25-6-1860 Maria Piccolomini Clementini, figlia

                          del Conte Carlo e di Teresa Contessa de’ Gori Pannilini

                          (* Siena 5-3-1834 + Firenze 11-12-1899).

 

                       P1. Donna Luisa (* Firenze 1-4-1861 + 11-7-1933),

                             Nobile Romana.

                             = Firenze 4-4-1893 Guglielmo (o Augusto, secondo i

                                “Gotha”) Piccioni

                       P2. Don Carlo (* Siena 12-8-1862 + Firenze 23-12-

                             1893), Nobile Romano e Patrizio Napoletano.

                       P3. Donna Teresa (* Firenze Firenze 8-5-1864 +

            11-3-1937), Nobile Romana.

                  P4. Donna Rita (* Firenze 13-1-1865 + ?), Nobile

                        Romana.

                  P5. Donna Maria Carlotta (* Siena 3-12-1869 + Città

                        della Pieve 2-12-1915), Nobile Romana.

 

                O2. Donna Costanza (* 26-6-1826 + ?), Nobile Romana.

                       = 6-1854 (o 1851) Ludovico Filo Conte della Torre

                O3. Donna Marianna (* 9-10-1828 + 6-2-1885), Nobile

                       Romana.

                       = 2-1856 il Conte........ Guerrieri, da Perugia.

 

       N11. (ex 2°) Don Alfonso (* 14-6-1792 + Roma 20-1-1870),

                Nobile Romano e Patrizio Napoletano, Cavaliere del Sovrano

                Militare Ordine di Malta.

       N12. (ex 2°) Donna Maria Costanza (+ 6-9-1797).

       N13. (Naturale, nato dalla seconda moglie prima del matrimonio e

                legittimato dal Papa per essere abilitato alle cariche

                ecclesiatiche il 27-3-1789) Antonio (* 1778 + 3-11-1843),

                rinuncia alla successione nel 2-1812; Cavaliere dell’Ordine di

                San Gregorio Magno dal 30-11-1831, Tenente di fanteria

                pontificia il 4-2-1820, Maggiore comandante del presidio di

                Civitavecchia nel 1843.

a)      = Padova 7-4-1807 Giovanna Boldrini, da Padova

b)      = Maria Meucci (+ 6-1851).

 

M5. (ex 3°) Don Enrico Antonio (* 25-1-1741 + 4-8-1742), Patrizio

        Napoletano.

M6. (ex 3°) Don Onorato (* 23 o 17 –12-1742 + 26-6-1797),                      

        Patrizio Romano, Abate dei SS. Pietro e Stefano in Valvisciolo dal

        1-7-1764, Protonotario Apostolico sopranumerario il 19-7-1772,

        Cavaliere dell’Ordine di Malta dal 3-1779,

M7. (ex 3°) Donna Enrichetta (* Roma 24-2-1744 + di vaiolo, Albano

        29-7-1772)

        = 23-4-1764 Duca Don Luigi Lante della Rovere (vedi/see)

M8. (ex 3°) Donna Maria (nata morta il 4-12-1748).

M9. (ex 3°) Donna Marianna (* 1750 + 11-3-1785)

        = 17-1-1768 Don Gaetano Sforza Cesarini Principe di Genzano (vedi/see)

 

L2. (ex 1°) Donna Anna Costanza (* 1680 ? o post 12-12-1687 + post

      1723).

      = Don Giuseppe de’ Medici 4° Principe d’Ottaiano (vedi/see)

L3. (ex 1°) Donna Eleonora (Dionora) (* 2-7-1682 + 15-4-1762).

      = 4/15-4-1699 Don Francesco Caracciolo 9° Duca di Martina (vedi/see)

L4. (ex 1°) Donna Anna Costanza (+ post 1723), monaca nel monastero di

      San Domenico e Sisto a Roma.

L5. (ex 1°) Donna Lucrezia detta “Cecia” (+ giovane), monaca nella

      Congregazione di Santa Francesca Romana in Tor de’ Specchi.

L6. (ex 2°) Donna Francesca di Paola detta “Paulina” (* ante 1716, forse

      era ultimogenita + ante 1808), Nobile Romana.

      = 29-4-1730 Don Stefano Marini Principe di Striano (+ post 1765).

L7. (ex 2°) Donna Maria Isabella (* 17-7-1709 + infante).

L8. (ex 2°) Donna Maria IsabeTTa (* Caserta 2-7-1714 + infante).

L9. (Naturale) Andrea Girolamo (* 26-1-1689 + post 26-5-1735 ?).

 

K5. (ex 3°) Donna Isabella detta “Donna Bella” (+ 23-10-1703)

       = (capitoli matrimoniali: 21-2-1692) Roma 3-3-1692 Don Baldassarre

          Cattaneo 2° Principe di San Nicandro, Patrizio Napoletano e Genovese

          (* 4-12-1660 + Napoli 6-2-1736).

K6. (ex 3°) Don Andrea Girolamo (* 1660 + Caserta 6-9-1688), Patrizio

       Napoletano, Abate dei SS. Pietro e Stefano di Valvisciolo.

K7. (ex 3°) Donna P….. Antonia

       = ………… Sanseverino (?) Principe di Poggioreale

K8. (Naturale) Giuseppe Gaetano

 

J2. (ex 1°) Donna Maria Isabella (* ante 1622 + 18-2-1691), monaca nella

      Congregazione di Santa Francesca Romana a Tor de’ Specchi dal 4-1630.

J3. (ex 1°) Un figlio (+ 8-1621).

J4. (ex 1°) Don Andrea Matteo (* Roma 31-7-1622 + Camerino 8-9-1648),

      Patrizio Napoletano, abate commendatario dei SS. Pietro e Stefano di Valvisciolo,

      Referendario di entrambe le Segnature, Governatore di Orvieto e Ascoli.

 

              I2. Don Luigi (* Piedimonte 7-1595 + Roma 8-4-1642), Patrizio Napoletano, Abate

                   commendatario di San Leonardo in Puglia dal 19-9-1608, Patriarca titolare di

                   Antiochia dal (ante 12-) 1622, Coadiutore perpetuo del vescovato di Capua dal

                   12-1622, Cardinale Prete con il titolo di Santa Pudenziana dal 19-1-1626.

              I3. Don Onorato (* 1599 + Caserta 8-1647), Patrizio Napoletano, Abate

                   commendatario di San Vincenzo al Volturno e di Santa Maria dell’Angelo dal

                   1-12-1615, Abate commendatario di San Vincenzo di Capua e di San Lorenzo a

                   Oppido dall’8-6-1623, Patriarca titolare di Alessandria dal 1623.

              I4. Donna Cornelia (* 1600 ca. + monastero di Santa Caterina di Siena, Roma

                    26-7-1649)

                   = (contratto: 12-12-1615) 9 o 16-2-1616 Don Giovanni Giorgio Cesarini Duca di

                      Civitanova (vedi/see)

              I5. Don Gregorio (* 1603 + ucciso in duello, Roma 2-9-1634), Patrizio Napoletano,

                   Gentiluomo del Granduca di Toscana.

 

                   J1. (Naturale, da Angela [* 1615 ca. + 1659]) (Ca) Milla (* 1630 ca. + post

                        1649), monaca “suor Anna Maria Teresa” nel monastero di Capo le Case dal

                        1649.

                   J2. (Naturale) Ruggero (* 1632 ca. + 30-3-1706), Abate dei SS. Pietro e Stefano a

                         Valvisciolo fine 1648, Canonico suddiacono di San Lorenzo in Lucina a Roma

                         avventuriero.

 

       H3. Don Antonio detto “il Cardinale Caetano” (* 1566 + Roma 17-3-1624), Patrizio

              Napoletano, Dottore in entrambe le leggi il 1-3-1590, 6-5-1596 concessione di numerosi

              benefici ecclesiastici, Arcivescovo di Capua 31-8-1605/1622, Nunzio in Germania 24-4-

              1607/1610, Legato a latere in Spagna 8-1611/fine 1618, Commissario incaricato per la

              riscossione dei proventi alla crociata contro i turchi il 13-9-1614, Cardinale Prete dal 15-

              10-1621 (con il titolo di Santa Pudenziana dal 19-5-1622), concessione di altri benefici

              ecclesiastici il 4-7-1622.

       H4. Don Bonifacio II detto “il Cardinale Caetano” (* Sermoneta 1568 + Roma 29-6-1617),

              Patrizio Napoletano, Priore di San Leonardo di Santa Maria de’ Teutoni dal 26-6-1588,

              Referendario di entrambe le Segnature dal 15-3-1591, Governatore di Camerino dal 20-

              2-1593, Subdiacono, Diacono e Presbitero dall’8-11-1593, Governatore di Orvieto

             1-2-1595/8-4-1596, Presidente, cittadino e protettore di Orvieto dall’8-4-1596 (ma

              rinuncia subito), Vescovo di Cassano 8-11-1599/27-7-1612, Cardinale dall’11-9-1606

              (con il titolo di Santa Pudenziana 19-11-1607), Legato in Romagna 1606/7-1611,

              Arcivescovo di Taranto dal 22-4-1613.

       H5. Don Gregorio (* 1569 ca. + 1593), Patrizio Napoletano, Cavaliere dell’Ordine di Malta

              dal 2-12-1577 (professo il 19-1-1580), Commendatore di Palestina.

       H6. Don Guglielmo (+ infante), Patrizio Napoletano.

       H7. Don Ruggero (* 1570 ca. + in Spagna 12-1603/8-1604), Patrizio Napoletano,

              Capitano e Consigliere del Re di Spagna in Fiandra 1585/8-1593, Cavaliere dell’Ordine

              di Calatrava.

 

              I1. (Naturale) Gregorio, nel 1617 era Paggio del Re di Spagna., Cavaliere dell’Ordine di

                   San Jago.

 

       H8. Don Benedetto (* 1572/1575 + Madrid ? 10-1596), Patrizio Napoletano, Abate di

              Santa Maria a Faenza, Priore dei SS. Pietro e Stefano di Valvisciolo.

 

G2. (ex 1°) Donna Giovanna (+ 3-9-1572)

       = ante 1566 Don Virginio Orsini 1° Duca di San Gemini (vedi/see)

G3. (ex 1°) Don Enrico I detto “il Cardinale Gaetani” (* Sermoneta 6-8-1550 + Roma 13-12-

       1599), Patrizio Napoletano, Abate di San Leonardo di Puglia, Referendario di entrambe le

       Segnature dal 1571, Dottore in entrambe le leggi dal 1573, Patriarca titolare di Alessandria

       dal 1583, Cardinale dal 18-12-1585 (con il titolo di Santa Pudenziana dal 15-1-1586),

       Cardinale Camerlengo dal 1587, Legato Apostolico in Francia 10-1589/8-1590, Governatore

       del monastero di Saint-Martin di Laon dal 1-4-1591, Legato in Polonia 3-4-1596/

       23-6-1597.

G4. (ex 1°) Don Camillo II (* 1552 + in Spagna 9-1602), Patrizio Napoletano, Abate

       commendatario di San Vincenzo al Volturno dal 13-4-1573, Nunzio Apostolico in Germania

       1-5-1591/6-1592, Nunzio Apostolico in Spagna 11-1592/1602, Patriarca titolare di

       Alessandria dal 1599.

G5. (ex 1°) Donna Beatrice (* ante 1556 + 1609)

       = 5-1561 Angelo Cesi Signore di Monticelli (vedi/see)

G6. (ex 1°) Donna Cecilia (vediivente 1591/1599).

G7. (ex 1°) Donna Isabella (* ante 1557 + fine9/inizi 10-1596).

G7. (ex 1°) Una figlia (* e + inizi 8-1556).

 

F2. (ex 1°) Guglielmo (?) (+ infante), Patrizio Napoletano.

F3. (ex 2°) Don Niccolò detto “il Cardinale di Sermoneta” (* post 1524 + Roma 1-5-1585), Patrizio

       Napoletano, Protonotario Apostolico, Cardinale dal 22-12-1536 (con il titolo di San Nicola in

       Carcere Tulliano 22-12-1536, di Sant’Eustacchio 9-3-1552), Vescovo di Cornoauille dal 9-6-

       1550, Governatore di Cesi il 7-1-1560, Protettore della Scozia dal 1570.

 

      G1. (Naturale) Francesco Maria (+ post 1607), Protonotario Apostolico.

 

F4. (ex 2°) Don Attilio (?) (+ infante), Patrizio Napoletano.

 

              E3. Donna Ersilia (* ante 3-1496 + assassinata nella ribellione popolare di Pitigliano 4-1547)

                    = 1513/1514 Giovanni Francesco Orsini Conte di Pitigliano (vedi/see)

              E4. Onorato (* post 1504 + infante).

 

       D4. Giovannella (+ 15…….)

              = Ischia 3-1464 Pier Luigi Farnese Signore di Capodimonte (vedi/see)

       D5. Iacobella (+ post 1-1504)

              = 5/12-1484 Paolo di Stefano Margani, Nobile Romano (+ 1487 ?).

       D6. Polissena (+ ante 9-1494).

       D7. Forse altre figlie.

 

C3. (ex 1°) Beatrice (* ante 1423 + testamento: 20-2-1488), porta in dote Monteroduni e Macchia.

       = (dotali: 9-10-1444) Berardo Gaspare d’Aquino Marchese di Pescara (+ 6-3-1461) (vedi/see)

 

       B4. Francesco, da lui discende la linea di Maenza, v. Parte IV.

       B5. Giovannella (+ ante 1430)

              = Antonio Spinelli Signore di Roccaguglielma

       B6. Ludovico (+ 1424).

 

A2. Cristoforo, per i suoi discendenti v. Parte V.

A3. Antonio (+ 1-11-1412), Patriarca d’Aquileia, Cardinale con il titolo di Santa Cecilia dal 27-2-1402, Cardinale Vescovo

       di Palestrina dal 1405, Cardinale Vescovo di Porto e Santa Rufina dal 2-7-1409.

A4. Giovanna (+ ante 1438)

       = Carlo d’Artus Conte di Cerreto e Monteodorisio (vedi/see)

A5. Angela (+ ca. 1445)

       = Giovannello Tomacelli, Patrizio Napoletano

A5. Nicola detto Colella (+ post 1393).

 

 

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

  • Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
  • Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
  • (Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

  • info@genmarenostrum.com