BIRAGO

 

 

 

Carlo Birago, fu al servizio della Francia.; Governatore di Chivasso nel 1562, Governatore del Marchesato di Saluzzo dal 1572, Luogotenente Generale, Gentiluomo di Camera del Duca di Savoia, ebbe i redditi sul feudo di Dronero il 4-2-1568, Cavaliere dell’Ordine del Saint-Esprit. Dopo il servizio alla corte di Francia si trasferì stabilmente in Piemonte.  Sposa il 13-8-1558 Laura Guiscardi San Martino erede di Candia, Vische, Carrone, Castiglione e la valle di Cly, figlia di Guglielmo Signore di Candia

 

A1. Luigi Lorenzo Birago San Martino (per testamento dello zio Guiscardi del 30-7-1579) (+ 16…), ambasciatore

       sabaudo in Spagna, dal Papa, in Francia e Inghilterra; infeudato dalla Mensa d’Ivrea dei feudi materni il 15-4-1599, 1°

       Conte di Vische il 1-2-1589, Gran Croce e Gran Priore dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 12-4-1606 con la

       commenda di Chivasso; istitutore dei Principi Tommaso e Maurizio di Savoia.

a)      = Torino 4-11-1588 Luisa, figlia di Gian Tommaso Langosco Gran Cancelliere del Ducato di Savoia e di Delia

         Roero (+ testamento: 15-8-1620), erede dei feudi di Borgaro Torinese, Villerboit e Monteformoso;

b)      = 1623 Ottavia, figlia di Niccolò San Martino d’Agliè

 

B1. (ex 1°) Carlo Emanuele (+ 1626), 2° Conte di Vische, Signore di Candia, Borgaro Torinese, Carrone, Villerboit,

       Monteformoso e terre annesse alla morte del padre; Gentiluomo di Camera e Primo Scudiero del Duca di Savoia,

       ambasciatore a Roma nel 1621.

       = Margherita Valperga, figlia di Antonio Conte di Mazzé e Monterotondo (+ testamento: 21-3-1674), già vedova

          di Ottavio Provana di Leynì.

 

       C1. Giulia

       C2. Vittoria

       C3. Caterina

       C4. Carlo Emanuele (* Torino 2-8-1620 + ivi 7-7-1680), 3° Conte di Vische, Signore di Borgaro Torinese,

              Candia, Carrone e terre annesse dal 1626; Gentiluomo di Camera del Duca di Savoia il 22-7-1660, Capitano

              dei corazzieri Guardie del Corpo, Colonnello, ambasciatore in Vienna, Fran Croce dell’Ordine dei Santi

              Maurizio e Lazzaro dal 10-1-1661, Commendatore di Tortona il 10-1-1669, Collare dell’Ordine della SS.

              Annunziata dal 24-3-1680; vende Villerboit e Monteformoso.

a)      = (dote: 21-4-1643) Vittoria Margherita San Martino, figlia di Ottaviano Marchese d’Aglié

b)      = Torino 8-2-1646 Paola Cristina, figlia di Ottavio Provana di Druent (+ Torino 20-7-1673).

c)      = (dote: 5-6-1677) Teresa Margherita, figlia del Conte Alfonso Borgarelli e di Paola Cacherano d’Envie

         (+ 6-11-1738).

 

D1. (ex 2°) Margherita (* Torino 16-3-1647 + Perpignano 1708)

       = 1-2-1676 Conte Stefano Ponte di Scarnafigi

D2. (ex 2°) Anna Lodovica (* 1650 + 11-3-1734)

       = (dote: 18-12-1666) Torino 27-11-1667 Lodovico Falletti 2° Marchese di Castagnole e Conte di

          Rocchetta (* Barolo 19-11-1637 + ivi 28-10-1705).

D3. (ex 2°) Cristina, monaca clarissa nel monastero di Santa Chiara a Ivrea.

D4. (ex 2°) Luigi (+ 1730), Cavaliere di Malta dall’8-6-1670, Capitano del reggimento della Croce Bianca,

       Gentiluomo di Camera del Duca di Savoia, Priore beneficiato di Vische e Canonico beneficiato a Pinerolo.

D5. (ex 2°) Francesco Antonio (* Torino 17-2-1658 + ivi 3-7-1737), 4° Conte di Vische, Signore di

       Candia e Borgaro dal 1680, 1° Marchese di Candia; Colonnello e Gentiluomo di Camera del Duca di

       Savoia.

       = (dote: 3-11-1681) Anna Lodovica Broglie de Revel (+ testamento: 1724) (vedi/see)

 

       E1. Olimpia (* Torino 9-1-1683 + infante).

       E2. Anna (* Torino 14-10-1684 + ivi 24-9-1689).

       E3. Francesca Amedea (detta anche Barbara Amedea)

             = (dote: 23-1-1698) Alessandro Amico Conte di Castellalfero (+ 14-1-1734).

       E4. Diana (* Torino 14-6-1686 + ?).

       E5. Giuseppe (* 3-8-1688 + infante).

       E6. Olimpia (* Torino 28-6-1689 + ?), Dama d’onore della Regina di Sardegna.

              = 29-4-1711 Giambattista Salomone Conte di Serravalle (investito il 31-5-1692)

       E7. Enrico Lorenzo (* Torino 3-7-1691 + ivi 29-5-1757), 2° Marchese di Candia, 5° Conte di Vische e

             Signore di Borgaro dal 1737, Cornetta, successivamente Colonnello delle Regie Guardie del Corpo dal

             1734, Gentiluomo di Camera e Primo Scudiero del Re di Sardegna.

             = Torino 28-11-1713 Vittoria Claudia Doria dei Marchesi del Maro (* 1694 + Torino 31-7-1737)

                (vedi/see)

 

             F1. Gabriele (* Torino 21-1-1715 + ivi 29-6-1716).

             F2. Francesco Lodovico (* Torino 2-10-1719 + Ivrea 13-3-1790), 3° Marchese di Candia e 6°

                   Conte di Vische dal 1757; Sottotenente piemontese nel 1742.

a)      = Torino 25-10-1736 Principessa Anna Teresa d’Este 4° Marchesa di Dronero, Roccabruno

         e San Giulio dal 13-1-1737, figlia ed erede del Marchese Gabriele e di Colomba Coccapani

         (+ Candia 16-8-1738) (vedi/see)

b)      = 1744 Elisabetta Antonia, figlia del Capitano Giuseppe Tinivella e di Carolina Provenzale

         (* 1721 + Torino 17-10-1756), già vedova del Cavaliere Ludovico Romagnano di Pollenzo;

c)      = (dote: 2-4-1757) Torino 30-4-1757 Marta Maria Felicita Benso, figlia di Michele Antonio

         Marchese di Cavour e di Felicita Agnese Doria dei Marchesi di Cirié (* Torino 27-7-1738

         + 27-9-1767);

d) = (dote: 16-11-1770) Cecilia Sofia San Martino, figlia di Girolamo Conte di Strambino

        (* 1752 + Torino 8-4-1827).

 

G1. (ex 3°) Enrico (* Torino 25-12-1758 + Torino 8-9-1806), 4° Marchese di Candia e 7°

       Conte di Vische dal 1790 (investito il 4-1-1791), infeudato di Ottobiano il 10-1-1791 per

       successione di quel ramo dei Birago (vedi/see) e investito con il titolo di Barone il 10-4-1791,

       Ufficiale del Regie Guardie del Corpo.

       = Torino 13-4-1791 Luisa Giovanna Battista Paolina Perrone, figlia di Carlo Baldassarre

          Conte di San Martino con Perosa, Pransalito, Valfré e Torre e Barone di Quart e di Teresa

          Luserna dei Marchesi di Rorà (* Torino 10-8-1772 + ivi 5-9-1805).

 

       H1. Luisa Carola (* Torino 19-1-1792 + ivi 30-12-1863)

              = Torino 27-6-1811 Don Benedetto Luigi Piossasco de Rossi di None 5° Duca di

                 Cannalonga (vedi/see)

       H2. Giuseppina (* Torino 28-4-1794 + Bricherasio 5-4-1848)

              = Vische 22-6-1813 Teodoro Cacherano Conte di Bricherasio (* Bricherasio 28-2-

                 1788 + ivi 17-3-1868).

       H3. Carlo Emanuele (* Torino 16-8-1797 + ivi 5-3-1862), 5° Marchese di Candia, 8°

              Conte di Vische e 2° Barone di Ottobiano dal 1806; Ufficiale delle Regie Guardie del

              Corpo il 25-1-1816, Gentiluomo di bocca il 31-7-1818 (effettivo dal 5-2-1819),

              Gentiluomo di Camera del Re Carlo Alberto I di Sardegna, Deputato sardo.

              = Teresa Cubito (* 1825 + Torino 21-2-1889).

 

              I1. Carlo Emanuele (* 1858 + Torino 8-1-1895), 6° Marchese di Candia, 9° Conte di

                    Vische e 3° Barone di Ottobiano dal 1862.

 

       H4. Alessandra (* Torino 24-8-1798 + 21-11-1800).

       H5. Cesare Renato (* Torino 1-10-1802 + 23-8-1877), Paggio del Re di Sardegna il 3-7-

             1816, Primo Scudiero del Duca di Savoia, Ufficiale delle Regie Guardie del Corpo,

              Tenente Colonnello in pensione nel 1851.

a)      = Torino 18-9-1826 Carolina Panissera, figlia di Paolo Antonio Luigi Conte di Veglio

         e di Amabilia Contessa von Wurmbrand-Stuppach (* 1807 + Torino 4-9-1874)

b)      = Torino 5-9-1875 Maria Cavallero, vedova di ………. Gatti

 

I1. (ex 1°) Amalia (* Torino 16-11-1827 + 3-10-1888)

     = Torino 13-6-1847 Marchese Don Giovanni Evangelista Fossati-Deregibus

        Cacciapiatti, Patrizio Milanese (+ 1882).

I2. (ex 1°) Luisa (* Torino 17-12-1829 + ivi 12-1-1858)

      = Torino 21-1-1849 Teodoro Campredon Conte di Albaretto e Lottulo

         (* Perpignano 28-12-1828 + Pinerolo 30-10-1864).

 

G2. (ex 3°) Teresa (* Torino 15-9-1760 + ?)

       = Torino 14-5-1777 Luigi Giuseppe Crova Barone di Vaglio (* Nizza Monferrato 9-6-1754

          + 1827).

G3. (ex 3°) Renato (* Ivrea 14-8-1762 + 6-6-1814), Sottotenente del reggimento fucilieri Aosta,

       Capitano del reggimento Marina nel 1796, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

       il 21-3-1797 (per meriti di guerra).

a)      = (dote: 29-3-1810) Fossano 5-5-1810 Luisa Giuseppa Baril Contessa di Torricella

         (investita il 21-4-1791 e il 9-9-1796), figlia ed erede di Valerio 1° Conte di Torricella e

         di Teresa Caterina Barile (* 1790 + Vische 25-9-1810);

b)      = Bricherasio 28-4-1811 Luisa Cacherano, figlia di Giovanni Battista Conte di Bricherasio

         e di Anna Vittoria Rosa Luserna Rorengo della Torre (+ post 1819).

 

H1. (ex 2°) Lodovico (* Torino 2-2-1812 + post 1828).

H2. (ex 2°) Sofia (* Torino 2-4-1813 + ?).

H3. (ex 2°) Carlo (* postumo 6-8-1814 + Torino 21-1-1883), Ufficiale in Genova cavalleria,

       ebbe due menzioni onorevoli per le campagne del 1848/1849 e per la guerra in Crimea.

 

G4. (ex 3°) Marcantonio (* Torino 2-2-1767 + Candia 1844), Cavaliere dell’Ordine di Malta,

       Sottotenente e poi Capitano del reggimento fanteria Monferrato.

       = Chieri 5-12-……… Caterina, figlia di Giuseppe Bernardi, Maggiore di piazza in Chieri (+

          dopo il marito).

 

       H1. Emilia (* Chieri 2-1-1804 + Ivrea 1811).

       H2. Damaso (* Candia 11-12-1810 + 1858), Sostituto avvocato fiscale a Vercelli dall’11-7-

             1843, applicato alla Prefettura di Aosta dal 14-12-1844, Sostituto avvocato dei poveri nel

              Senato del Piemonte il 18-1-1848, Presidente di Tribunale nel 1856.

 

G5. (ex 4°) Eugenio (* Ivrea 8-1773 + per ferite di guerra, Fenestrelle 1799), Paggio del Principe

       di Carignano, Tenente di cavalleggeri.

G6. (ex 4°) Marianna (* Torino 5-1776 + di parto, ivi 17-2-1801)

       = 8-12-1794 Casimiro San Martino Conte d’Aglié (* 12-3-1763 + 14-4-1808).

G7. (ex 4°) Angelica (* Ivrea 2-1777 + Bairo 6-3-1801).

G8. (ex 4°) Carlo (* Vische 31-1-1779 + Torino 14-1-1860), Paggio del Duca di Chablais,

       Ufficiale del reggimento Marina, Luogotenente Colonnello dei granatieri nell’esercito francese

       nel 1799, Primo Scudiero del Principe Carlo Felice di Savoia nel 1814, ambasciatore in

       Milano nel 1823, Intendente Generale di guerra e marina, Maggior Generale d’armata il 31-

       12-1831, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 1821 (Gran Croce il 17-1-

       1831).

G9. (ex 4°) Faustina (* Ivrea 11-1784 + ?)

       = 3-11-1804 il Cavaliere Alessandro Solaro di Villanova Solaro

G10. (ex 4°) Cristina (+ infante).

G11. (ex 4°) Giulia (+ infante).

G12. (ex 4°) Ardoino (+ infante).

G13. (ex 4°) Renato (+ infante).

 

             F3. Ignazio Renato (* Torino 13-9-1721 + incidente, ivi 2-1-1783), investito di Borgaro Torinese il

                   14-5-1733, investito con il titolo di Conte il 1-10-1746, venne adottato dal Conte Augusto Renato

                    (vedi/see) oltre) il 2-1-1745; Maggiore il 2-8-1755 (effettivo il 27-4-1757), Tenente Colonnello il

                   17-12-1763, Colonnello il 21-2-1771, Brigadiere il 22-9-1774, comandante d’artiglieria il

                   12-6-1775, Maggior Generale il 10-5-1776, Capo dell’artiglieria il 27-3-1781.

                   = Torino 4-1-1747 Caterina Verasis Asinari, figlia di Michele Aurelio Conte ereditario di

                      Castiglione e di Caterina Coardi dei Baroni di Carpeneto (* 25-11-1729 + Torino 10-1-1794),

                      alla morte del marito divenne monaca “suor Luisa Teresa” a Torino.

 

                   G1. Luigi Renato (* Torino 7-3-1750 + Borgaro Torinese 16-5-1821), 4° Conte di Borgaro

                          Torinese dal 1783, Paggio, Capitano del reggimento provinciale di Nizza, Capitano nella

                          legione degli accampamenti, Decurione e Sindaco di Torino, Maggiordomo di Corte il 20-12-

                          1791, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 21-8-1815.

                          = Francesca Alfieri, figlia di Carlo Giacinto Conte di Magliano e di Monica Maillard de

                             Tournon (* Asti 29-1-1763 + Torino 4-3-1821), sorella del celebre Vittorio Alfieri.

 

                          H1. Ignazio Renato (* Torino 29-1-1782 + infante).

                          H2. Clotilde (* Torino 29-4-1783 + Burolo 9-11-1806)

                                 = 1801 Luigi Lodi Ceveris Conte di Burolo (+ Torino 16-12-1816).

                          H3. Maria Gaetana (* 1784 + Torino 4-6-1786).

                          H4. Luisa (* Torino 15-9-1784 + infante).

                          H5. Gabriella (* Torino 22-1-1786 + infante).

                          H6. Corrado Birago Alfieri (* Torino 9-10-1787 + ivi 29-7-1840), 5° Conte di Borgaro

                                 Torinese dal 1821, Capitano nelle Regie Guardie del Corpo, Secondo Scudiero delle

                                 principesse di Savoia.

                                 = Torino 11-6-1810 Sofia Amalia Fontanella, figlia di Felice Conte di Baldissero e

                                    Signore di Santena e di Maria Luisa Favetti di Bosses (* Torino 28-8-1788 + ivi       

                                    18-3-1854).

 

                                 I1. Renato Gustavo (* Torino 8-4-1811 + ivi 18-6-1870), 6° Conte di Borgaro

Torinese dal 1840, Dottore in leggi.

= Torino 11-5-1841 Teodora Anna Luisa Monte

 

J1. Leone (* Torino 11-12-1842 + ivi 25-12-1877), 7° Conte di Borgaro Torinese

     dal 1870.

J2. Ettore (* Torino 28-2-1847 + Milano 14-7-1911), 8° Conte di Borgaro Torinese dal 1877.

a)      = Margherita Scaravaglio

b)      = Milano 10-8-1901 Sofia Savoldini Vitali (* Milano 29-12-1859  + Inzago 3-5-1936) di Antonio e Mathilde Vitali

 

K1. (ex 1°) Valentina (* Torino 14-2-1880 + ?).

 

J3. Maria (* Torino 30-4-1848 + ?)

      = Torino 3-7-1877 Ippolito Mola dei Conti di Nomaglio (* Torino 27-7-1846

         + ivi 29-3-1928).

J4. Adele (* 1856 + ?).

 

                                 I2. Eugenio (* Torino 27-11-1812 + infante).

                                 I3. Gabriele Remigio Francesco Carlo (* Torino 30-9-1814 + ivi 15-11-1856)

                                      = Torino 10-5-1844 Ida Signoris di Bronzo, separati

                                 I4. Maria Luisa (* Torino 19-4-1823 + 7-6-1826).

 

                          H7. Gaetano (* 7-8-1791 + ivi 15-4-1859), Guardia d’Onore nel 1810, Maresciallo degli

                                 alloggi degli ussari in Lione nel 1813, Ufficiale del 4° reggimento ussari della Guardia

                                 Imperiale francese, Luogotenente di cavalleria nel 1814, Capitano nel 1816, ritirato con il

                                 grado di colonnello.

                          H8. Pietro (* Torino 26-11-1793 + infante).

 

                   G2. Ignazio Enrico (+ 30-4-1770), Dottore in leggi, ufficiale.

                   G3. Giuseppe (* Torino 24-4-1753 + ivi 8-6-1808), Sottotenente dei fucilieri d’Aosta nel 1769,

                          Gentiluomo di bocca del Re di Sardegna nel 1771, Secondo Scudiero della Duchessa di

                          Savoia, Primo Scudiero nel 1787, Tenente Colonnello nel 1796.

                   G4. Paolo Francesco (* Torino 24-11-1754 + Fenestrelle 1784), Ufficiale in Piemonte fanteria.

                   G5. Carlo Filiberto (* Torino 5-2-1756 + ivi 8-3-1827), Cavaliere dell’Ordine di Malta dal

                          1772, Ufficiale di vascello il 24-12-1772, Ufficiale delle truppe leggere nel 1778, Ricevitore

                          della Lombardia nel 1793, Ministro dell’Ordine presso la corte sabauda nel 1795,

                          Procuratore del tesoro presso il Gran Maestro in Messina nel 1804.

                   G6. Angelica (* Torino 10-5-1757 + ivi 13-5-1831)

                          = Torino 24-4-1775 Don Giuseppe Gaetano Piossasco de Rossi di None 4° Duca di

                             Cannalonga (vedi/see)

                   G7. Angelo (* Torino 7-1-1759 + Saluzzo 23-11-1827), Ufficiale del reggimento Saluzzo nel

                         1775, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro per meriti militari dal 3-3-1795,

                          Comandante di Treviso nel 1806, Comandante di Savigliano e Lona nel 1814, Comandante di

                          Saluzzo nel 1816, Colonnello dal 1-6-1816.

                          = 10-9-1803 Carlotta Falletti, figlia di Carlo Maurizio Costanzo Conte di Rodello, Signore di

                              Borgomale, Morra e Serralunga e di Irene Tapparelli di Lagnasco (* Alba 5-5-1779 + ?).

                   G8. Federico (* Torino 16-7-1761 + Torino 4-4-1831), Paggio del Re di Sardegna nel 1772,

                          Sottotenente in Savoia cavalleria nel 1777 e Capitano Tenente nel 1790, Capitano effettivo

                          nel 1794, Verificatore delle registrazioni a Chambéry, Tenente Colonnello dei carabinieri il

                          5-8-1814, comandante di Thonon nel 1815, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e

                          Lazzaro dal 1816.

                          = Chambéry 25-11-1810 Anna Saillet, vedova Lubois

                   G9. Maurizio (* Torino 15-11-1763 + 1774).

                   G10. Vittorio (* Torino 9-6-1766 + ivi 19-3-1819), Dottore in leggi il 12-4-1787, Intendente

                            presso l’Ufficio del soldo il 21-1-1794, Consigliere di commercio nel 1814.

                            = Torino 20-4-1815 Angelica Beria d’Argentine, figlia di Benedetto Maurizio Conte di

                               Sale e Argentine e di Maddalena Busca dei Marchesi della Rocchetta (* Torino 17-6-

                               1773 + ivi 24-6-1862), già vedova del Barone ……… Daviso de Charvensod.

                   G11. Eugenio (* Torino 16-11-1768 + ivi 11-8-1812), Sottotenente del reggimento Monferrato

                            nel 1792, Ufficiale nel reggimento dei cacciatori nel 1794, Luogotenente nel reggimento

                            granatieri nel 1794, Comandante di compagnia nel 1796.

 

             F4. Carlotta (* Torino ……..+ 8-11-1723).

             F5. Luisa (* Torino 27-7-1727 + ivi 27-2-1777)

a)      = Torino 23-4-1748 Vincenzo Antonio Mocchia Conte di Coggiola con Pray, Signore di San

         Benigno e Ruata dei Rossi (+ 30-11-1763);

b)      = 25-1-1765 Vittorio Amedeo Giacomo Barone Cholex du Bourget

 

       E8. Lucia (+ Torino 22-9-1691).

       E9. Carlo Emanuele (* Ivrea 8-4-1696 + Torino post 1734), Paggio d’Onore del Re di Sardegna

             Vittorio Amedeo II, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 31-5-1721, Maggiordomo

             del Re Carlo Emanuele III.

 

D6. (ex 2°) Ottavio (+ testamento: 1727), Gentiluomo di Camera, Primo Scudiero e Primo Maggiordomo del

       Duca di Savoia.

D7. (ex 2°) Vittorio Amedeo, Gentiluomo di bocca e Maggiordomo del Re di Sardegna.

D8. (ex 2°) Filiberto (* Torino 1-12-1662 + ivi 3-2-1754), Chierico Teatino Regolare “frà Giuseppe” dal

       29-9-1702.

D9. (ex 2°) Maria Margherita (* Torino 14-1-1664 + ?).

D10. (ex 2°) Francesca (* Torino 12-3-1665 + ?).

D11. (ex 2°) Maurizio (* Torino 15-11-1666 + ?).

D12. (ex 2°) Clara (* Torino 7-6-1668 + ?), monaca clarissa “suor Rosa” nel monastero di Santa Chiara a

         Torino.

D13. (ex 2°) Faustina (* Torino 7-1-1671 + ?).

D14. (ex 2°) Lodovico (* Torino 21-7-1672 + ?).

D15. (ex 3°) Pietro Giuseppe (* Torino 22-10-1679 + ?).

 

       C5. Maurizio, prete, poi divenne frate minore osservante il 10-9-1664.

       C6. Tommaso (* Torino 27-7-1621 + ivi 23-8-1710), investito di Borgaro Torinese il 5-3-1671 e il 25-2-1681

              con il titolo di Conte, vende il feudo di Orio, compra Viù e le giurisdizioni e i redditi su Leynì il 20-6-1658,

              fonda una primogenitura su Borgaro nel 1701.

              = Antonia Francesca Valperga, figlia di Carlo Antonio Conte di Mazzè, già vedova di Gaspare Valperga Conte

                 di Rivara.

 

              D1. Augusto Renato (+ Torino 15-7-1746), 2° Conte di Borgaro Torinese dal 1710; fonda una commenda di

                     Malta per il Marchese di Roccavione, Gentiluomo di Camera del Duca di Savoia nel 1698,

                     Vicegovernatore dei principi il 1-3-1708, Colonnello di cavalleria, Generale di battaglia nel 1719, Capitano

                     della terza compagnia delle Guardie del Corpo, Tenente Maresciallo dal 23-9-1731, Generalissimo della

                     cavalleria il 15-2-1734, Gran Maestro della Real Casa il 20-4-1736, Generalissimo dell’esercito dal

                     22-5-1744, Cavaliere d’Onore della Regina di Sardegna nel 1722 e 1730, Cavaliere dell’Ordine della SS.

                     Annunziata il 19-3-1719; adotta il cugino Ignazio Renato (vedi/see) sopra).

a)      = Torino 9-2-1696 Gabriella Piscina, figlia di Felice Conte di Castagneto e di Caterina Margherita

         Bellone dei Conti di Castagneto (+ di parto 18-11-1698);

b)      = Torino 8-2-1719 Maria Vittoria, figlia di Maurizio Scarampi del Cairo, già vedova del Cavaliere

         Alfonso Alessandro Ponte dei Conti di Scarnafigi

 

E1. (ex 1°) Ludovico (* Torino 29-10-1697 + infante).

E2. (ex 1°) Maria Elena (* e + Torino 20-11-1698).

 

              D2. Maurizio Augusto, Colonnello di cavalleria, Maggior Generale, Gentiluomo di camera del Principe di

                     Carignano.

              D3. Maurizio (+ cade all’assedio di Buda 1686), serve nell’esercito imperiale.

              D4. (forse è la stessa E3. Isabella v. oltre) Elisabetta

                     = ……….. Gromo Conte di Ternengo

              D5. Camilla

a)      = ……  … Conte Broglie de Revel

b)      = Cavaliere Ignazio Maurizio Graneri dei Marchesi de La Roche (vedi/see)

            

       C7. Giuseppe

       C8. Giulio Lodovico (* battezzato a Torino 2-2-1625 + ?).

       C9. Carlo (* postumo Torino 24-4-1626 + infante).

 

B2. (ex 1°) Antonia (* battezzata a Torino 5-3-1594 + ?)

       = Conte Guido Coccapani

B3. (ex 1°) Flaminio (* battezzato a Torino 9-2-1596 + testamento: 21-8-1646 ma + post 1651), da giovane fu

       chierico; Gentiluomo di Camera e Primo Maggiordomo del Principe di Carignano, Cavaliere dell’Ordine dei Santi

       Maurizio e Lazzaro.

       = Marianna, figlia di Biagio Meaglia Signore di Cavoretto (+ post 1700), erede parte di Roaschia, Cavoretto, Rivoli,

          Gamenardo e Santena.

 

       C1. Laura

       C2. Gianantonio, rinuncia alla successione per divenire Canonico Lateranense in Sant’Agostino ad Asti, Abate del

              monastero di Susa e poi di San Sebastiano in Biella.

       C3. Filiberto (* 1651 + Torino 20-1-1691), Conte di Roaschia per donazione della famiglia Balbiano del 5-7-

              1663, Paggio alla corte sabauda.

              = Torino 17-6-1674 Angelica Tana, figlia Conte Gabriele Tana e di Vittoria Bellingieri (+ 1699) (vedi/see)

 

              D1. Diana Vittoria (* Torino 26-6-1675 + ?).

              D2. Flaminio (* Torino 12-8-1678 + giovane).

              D3. Filiberto (* Torino 23-5-1679 + ivi 11-12-1753), Conte di Roaschia dal 1691 e perde Cavoretto con

                     sentenza del Senato di Torino il 14-2-1735; Gentiluomo di Camera del Principe di Carignano, Cavaliere

                     dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 1704.

a)      = Torino 27-5-1726 Anna, figlia di Pietro Giacinto Berga, dei Consignori di Borgaro Torinese

                                      (+ Torino 26-8-1742);

b)      = Torino 20-2-1743 Anna Teresa Rosa Albrione, figlia di Giangiorgio Conte di Rorà e di Maria

         Isabella Piossasco di Piobesi (+ castello di Gamenario 20-6-1775), già vedova di Gaspare Scarampi

         Conte di Monale.

 

B4. (ex 1°) Laura (* battezzata a Torino 1-4-1597 + ?)

       = 1-10-1627 il Conte Baldassarre Rangoni Signore di Spilamberto (vedi/see)

B5. (ex 1°) Gian Tommaso (* 1600 + Torino 29-11-1686), Colonnello di cavalleria francese, Gentiluomo di Camera

       e Primo Scudiero del Duca di Savoia, Commendatore dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, infeudato di

        Roccavione il 18-5-1640 con il titolo di Marchese.

       = 1640 Anna Francesca, figlia di Teodoro Duc (Duchi) Signore della Cassa e di Angela del Maino (* Moncalieri

          17-4-1619 + ?).

 

       C1. Francesco Giuseppe (* 1641 + Torino 21-12-1713), 2° Marchese di Roccavione dal 1686, Commendatore

              dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Gentiluomo di Camera e Primo Scudiero del Duca di Savoia.

              = 1666 Francesca Faustina Vassallo di Favria (+ Torino 4-2-1699).

 

              D1. Filiberta (* Torino 12-8-1667 + ?), monaca clarissa “suor Onorina” in Torino.

              D2. Anna, monaca nel monastero di Santa Chiara in Ivrea nel 1685.

              D3. Giulia (* Torino 18-5-1670 + ?).

              D4. Tommaso (* Torino 21-6-1672 + 1735), 3° Marchese di Roccavione dal 1713, Primo Scudiero del

                     Principe di Carignano, Colonnello nel reggimento Piemonte Reale, Governatore di Vercelli, Tenente

                     Generale di Cavalleria.

                     = Torino 17-1-1706 Maria Tecla della Chiesa, figlia di Francesco Marchese di Roddi (+ Torino 11-5-

                        1731), già vedova di Gian Filippo Solaro Conte di Moretta e di Giorgio Argentero Marchese di

                        Bersezio.

 

                     E1. Giuseppe (* Torino 2-11-1706 + ivi 4-1-1779), 4° Marchese di Roccavione dal 1735, Cavaliere

                           dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 25-2-1747 e succede nelle commende dei SS. Carlo e

                           Ottavio e San Giovanni Evangelista con Bolla Papale del 31-1-1754, Colonnello di cavalleria,

                           Gentiluomo di Camera del Principe di Carignano.

                           = Vercelli 27-11-1731 Margherita Laura Benedetta Raspa-Arona d’Olenengo (+ testamento:1751)

 

                           F1. Tommaso Renato (+ apoplessia, in viaggio tra Strambino e Prosa 8-2-1792), 5° Marchese di

                                  Roccavione dal 1779, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 13-2-1762 e

                                  commendatore dei SS. Carlo e Ottavio (confermato l’8-6-1762) e di San Giovanni Evangelista

                                  (confermato l’11-3-1779).

                                  = 1778 Carlotta San Martino, figlia di Girolamo Conte di Strambino

 

                                  G1. Anselmo Giuseppe Girolamo (* Ivrea 4-9-1783 + apoplessia, Romanengo 11-4-1814),

     6° Marchese di Roccavione dal 1792, Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro con

     le tre commende di SS. Carlo e Ottavio e San Giovanni Evangelista con Bolla del 29-6-1792.

                                  G2. Laura (* Ivrea 1787 + Torino 22-12-1806).

                                  G3. Giovanni (+ infante).

 

                           F2. Giovanni (+ giovane in Vienna).

 

                     E2. Maria Vittoria (* Torino 7-4-1708 + ?).

                     E3. Isabella/Elisabetta (* Torino 3-2-1710 + ?)

                            = Torino 25-9-1726 Giovanni Ercole Gromo Conte di Ternengo, Signore di Ceretto, Quaregna,

                               Buronzo, Balocco e Bastia (* 6-11-1700 + 13-7-1761).

                     E4. Diana (* Torino 23-8-1711 + ?)

                           = 1730 Felice Roero Conte di Revello

                     E5. Cristina (* Torino 26-10-1712 + ?).

                     E6. Emanuele Filiberto

                     E7. Delfina

                            = 21-10-1742 Filippo Vacca Conte di Piozzo e Signore di Lagnasco e Rivarolo (investito il

                               3-7-1734).

            

              D5. Diana (* Torino 16-5-1673 + ivi 16-6-1703)

                     = 1700 Domenico Quadrio Conte di Ceresole

              D6. Giulia (* Torino 19-4-1676 + ?)

                     = Francesco Domenico Bernezzo dei Signori di Rossana

            

       C2. Angela (* Ivrea 1646 + 6-10-1681)

a)      = 1667 Francesco Trotti Sandri 2° Conte di Mombasiglio (vedi/see)

b)      = 1680 Marchese Eugenio Reminiac d’Angennes (* Rennes …… + Lione 2-1693).

       C3. Antonia (* Torino 17-9-1652 + ?).

       C4. Giacomo (* Torino 24-7-1657 + ivi 10-11-1710) Paggio alla corte sabauda, Cavaliere dell’Ordine di Malta

              dal 1664 e 1679, Tenente Maresciallo imperiale e proprietario di un reggimento di corazzieri.

              = Torino 3-2-1706 Giovanna Teresa Caterina Gazzelli, figlia di Niccolò Conte di Rossana e Signore di San

                 Sebastiano e di Anna Maria Dellala (* Torino 14-1-1687 + ?),  vedova del Conte Giorgio Garagno

 

              D1. Marianna (+ premorta alla madre)

                     = 1741 Marchese Leopoldo del Carretto di Gorzegno (vedi/see)

 

B6. (ex 1°) Ottavio (+ 1666), Cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 16-7-1612, Gentiluomo di

       Camera del Cardinale Maurizio di Savoia.

       = Angela Maina, figlia di Teodoro Signore di Villacastellone (+ testamento: 25-3-1665), erede del feudo di Cassa,

          già vedova del Conte Teodoro Duc.

 

       C1. Lodovico Maurizio (* 1634 + Torino 5-3-1714), Signore della Cassa, Commendatore dell’Ordine dei Santi

              Maurizio e Lazzaro col patronato dei SS. Carlo e Ottavio, Scudiero del Principe di Carignano.

       C2. Francesco

       C3. Carlo Emanuele (+ 1704), Conte della Cassa, Primo Scudiero della Principessa di Carignano, fonda la

              commenda con patronato dei SS. Carlo e Ottavio il 13-4-1668, vende Villastellone nel 1697.

       C4. Carlo (+ infante).

       C5. Tommaso (+ 1714), Conte della Cassa al 1704, Cavaliere e Commendatore dell’Ordine dei Santi Maurizio e

              Lazzaro, Maggiore di Nizza, Gentiluomo di bocca della Duchessa di Savoia.

              = Anna ……. (+ Torino 4-6-1692).

       C6. Filippo (+ 27-9-1642).

       C7. Lodovica Margherita (* Torino 18-6-1644 + ?), erede del feudo di Cassa, passato ai Vignati.

a)      = Carlo Ambrogio Vignati Signore della Cassa e Conte di San Gilio (+ testamento: 28-11-1675);

b)      = 11-4-1684 Pietro Francesco Frichignono Conte di Castellengo e Conte di Montanaro (* Torino …..

         + ivi 5-3-1708).

 

B7. (ex 1°) Carloantonio, Maggiordomo del Principe del Piemonte, visse in stato semi-religioso nel monastero di Santa

       Teresa in Torino, da lui fondato.

B8. (ex 1°) Laura (* Torino 19-5-1605 + infante).

B9. (ex 1°) Francesco (* Torino 8-11-1606 + infante).

 

A2. Flaminio, Colonnello e Gentiluomo di Camera del Re Enrico III di Francia.

A3. Laura

       = Rodomonte Aiazza, da Vercelli

A4. Guglielmo (+ infante).

A5. Gaspare (+ a 72 anni), Abate di Souvigny, Abate di Longpont dal 7-11-1583.

A6. Cesare, Signore di Chaumont, Generale di fanteria francese e Gentiluomo di Camera del Re di Francia.

A7. Filippo, Abate di Souvigny dal 1597, Consigliere ed Elemosiniere del Re di Francia.

A8. (Naturale) Grazia

       = 1600 Giovanni Antonio Costanzia Signore di Costigliole (vedi/see)

 

 

 

INDICE DELLE FAMIGLIE NOBILI DEL MEDITERRANEO

bullet
Comitato Scientifico Scientifico Editoriale del
bullet
Libro d'Oro della Nobiltà Mediterranea
bullet

(Presidente: il XIII duca di San Donato, dott. don Marco, marchese Lupis Macedonio Palermo dei principi di Santa Margherita)

bullet

info@genmarenostrum.com